domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
23.09.2021 Deborah Fait risponde ai lettori
Eitan sui media

Testata: Informazione Corretta
Data: 23 settembre 2021
Pagina: 1
Autore: Deborah Fait
Titolo: «Eitan sui media»


La famiglia Biran. L'unico sopravvissuto alla tragedia della funivia è Eitan, di 6 anni

Buongiorno, Mi sto chiedendo che agganci abbiano gli zii paterni di Eitan per fare coprire in questo modo la notizia dai giornali italiani e addirittura per smuovere consoli e diplomatici. Cordiali saluti

Ora Penso

Gentile Ora,
Non credo che gli zii paterni di Eitan abbiano agganci particolari. Questa storia è diventata la notizia preferita da media e social perchè tratta di Israele e di ebrei, permette alla gente comune di dare giudizi quasi sempre cattivi e di creare un gossip in salsa antiisraeliana se non addirittura antisemita, da una tragedia immane. Auguriamoci presto una fine e un po' di serenità per Eitan che in braccio al nonno sembra tranquillo e felice. Un cordiale shalom

***

Gentilissima Signora Deborah Fait, Sul caso di Eiltan mi sono fatto io un'idea, che vale per quella che è, cioè come il due di briscola. Comunque, come diceva un mio amico allievo di Montanelli, "io non condivido la tua idea, ma mi batterò perché tu possa esprimerla", perciò la esprimo e se sbaglio mi farà capire il perché. Il nonno di Eiltan, il signor Pelé ha agito benissimo e indipendentemente dalla religione anch'io avrei agito nello stesso modo. Ma qui c'è in gioco un particolare: il fatto di essere un soldato, sia pure ex. Il signor Peleg avrebbe dovuto agire d'astuzia, lasciando che fosse un altro soldato israeliano a portare via Eiltan, per poi consegnarlo ai nonni. Non sarebbe stato meglio? Mi dica pure che ho torto. Ho le spalle larghe, anzi, larghissime. Shalom.

Mario Salvatore Manca di Villahermosa

Gentile Mario,
innanzitutto far prelevare Eitan da uno sconosciuto avrebbe stravolto il bambino già immensamente provato. Impossibile quindi proprio dal lato umano. Ha fatto bene il nonno ad occuparsene personalmente per provocare nel nipotino il minor stress possibile. Inoltre, definire il signor Peleg ex soldato come se fosse una stranezza, è assurdo dal momento che tutti in Israele, uomini e donne, sono ex militari. Speriamo che la Corte israeliana decida perchè Eitan resti in Israele, la sua unica casa. Un cordiale shalom

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT