giovedi` 23 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
14.02.2021 Germania, sventato attentato terroristico con armi chimiche
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 14 febbraio 2021
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Germania, sventato attentato terroristico con armi chimiche»
Germania, sventato attentato terroristico con armi chimiche
Commento di Stefano Piazza

Risultato immagini per isis

Si è avuta nelle scorse ore da parte della polizia tedesca, la conferma dell’operazione antiterrorismo avvenuta tra il 6 e l’8 febbraio 2021 in Germania, Polonia e Danimarca che ha evitato un possibile attacco terroristico dello Stato islamico in Europa. Grazie ad una soffiata ricevuta da un Pese amico, ed alla stretta collaborazione tra l’intelligence tedesca e il “Politiets Efterretningstjeneste” (PET) i servizi segreti danesi, sono state arrestate sette persone mentre altre cinque sono state interrogate e restano tuttora indagate dall’ufficio del procuratore generale di Naumburg (Land della Sassonia-Anhalt) per “tentativo di attentato terroristico e minaccia alla sicurezza dello Stato”. Tra i sette fermati ci sono anche due fratelli siriani arrivati in Germania come rifugiati, nel quale domicilio sono state rinvenute le prove dell’acquisto di cinque chilogrammi di zolfo e cinque di polvere di alluminio, comprati sul web, da un 33enne cittadino anch’egli siriano ma residente in Danimarca, da spedire al loro domicilio di Dessau-Roßlau (Sassonia-Anhalt).

Durante l’operazione sono stati ritrovati anche diversi chili di petardi, micce, fuochi d’artificio, una bandiera dell’Isis e alcune copie del Corano nei quali sono stati sottolineati alcuni dei versetti più violenti. Le indagini proseguono nel massimo riserbo degli inquirenti tedeschi e danesi convinti che la cellula smantellata stesse per colpire forse simultaneamente in Germania e in Danimarca. Gli arresti annunciati in Germania mostrano a chi si illude che l’ISIS abbia rinunciato ad attaccare l’Europa che il pericolo resta immutato, ma cosa avrebbero potuto fare e quali effetti possono causare queste sostanze? Secondo Franco Iacch, analista esperto in Information Warfare, Terrorism, Security and Defense. “In base a ciò che è stato sequestrato dalle forze dell’ordine ed alle limitate informazioni disponibili, è possibile che i sospettati avessero in mente di realizzare una particolare miscela definita come flash powder o polvere flash utilizzata nei fuochi d’artificio e che può essere altamente esplosiva. Negli Ordigni Esplosivi Improvvisati diventa fondamentale la preparazione specifica e la fantasia di colui che pensa e realizza l’IED. L’impiego degli IED negli attentati è concepito per generare scenari concentrici imprevedibili. L’IED incrementa a dismisura il tasso di indeterminatezza nelle operazioni e nei movimenti provocando danni ingenti in termini di vite umane e materiale distrutto. Diverse sostanze assolutamente legali, come il fertilizzante ad esempio, costituiscono la base per numerose miscele esplosive utilizzate dalle organizzazioni terroristiche”. La notizia dell’operazione antiterrorismo arriva mentre a Celle, in Bassa Sassonia ( Germania), è in corso il più grande processo contro l’Isis che vede come maggiore imputato l’iracheno oggi 37enne, Ahmad Abdulaziz Abdullah A, meglio conosciuto con il suo epiteto omonimo di “Abu Walaa”, ma anche noto come “il predicatore senza volto” visto che nei suoi video di propaganda nei quali inneggiava all’Isis e alla jihad, appariva sempre di spalle o con il volto coperto. È accusato di essere stato il governatore dell’organizzazione terroristica “Stato islamico” (IS) in Germania tra il 2014 e il 2015. Abu Walaa era stato arrestato al termine di una gigantesca caccia all’uomo avvenute nei lander Nord Reno-Westfalia e della Bassa Sassonia l’8 novembre 2016. La sentenza è prevista per la fine del mese di febbraio 2021 ma l’epilogo è già scritto: Il predicatore senza volto che si faceva continuamente beffe delle autorità tedesche, passerà il resto dei suoi giorni dietro le sbarre. Almeno lui.

Immagine correlata
Stefano Piazza

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT