giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
25.06.2020 Dopo la Francia prove di guerra civile anche in Germania
Commento di Stefano Piazza

Testata: Informazione Corretta
Data: 25 giugno 2020
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Dopo la Francia prove di guerra civile anche in Germania»
Dopo la Francia prove di guerra civile anche in Germania
Commento di Stefano Piazza

Francia: estremisti islamici assaltano la caserma gridando Allah Akbar

Dopo quanto accaduto nelle scorse settimane nel quartiere di Digione (Borgogna-Francia) “Grésilles” dove sono serviti quattro giorni di coprifuoco e l’intervento degli agenti del Raid, l’unità speciale della polizia per fermare gli scontri tra una fazione di ceceni e di nord-africani affrontatisi ferocemente a colpi di machete e fucili semi-automatici per il controllo delle piazze di spaccio, vanno registrate le stesse prove di guerra civile anche in Germania. Sabato scorso per le strade della città di Stoccarda capitale del Baden-Württemberg, dopo l’arresto di giovane tedesco sospettato di essere un trafficante di droga, è improvvisamente scoppiato il caos. Il vice capo della questura di Stoccarda Thomas Berger ha dichiarato alla stampa;”un numero di persone da 200 a 300 hanno subito iniziato ad attaccare la polizia, poi la rivolta è aumentata fino arrivare a 500 persone ostili. I rivoltosi hanno attaccato la polizia e hanno lanciato bottiglie anche contro i paramedici che sono arrivati sul posto. In 30 anni di servizio di polizia, non avevo mai visto tanta violenza e scene così aspre a Stoccarda”.I media tedeschi hanno pubblicato diversi video girati nelle strade cittadine in cui si vedono molti rivoltosi gridare “Allah Akbar“ definendo il luogo come “un campo di battaglia”. Il bilancio della notte di follia di Stoccarda è molto pesante: 19 poliziotti sono rimasti feriti e si prevede che il loro numero aumenterà visto che non tutte le forze dell’ordine intervenute, hanno riportato il numero dei loro feriti. Il dipartimento di polizia di Stoccarda ha confermato che durante i disordini “40 negozi sono stati saccheggiati oltre a molte auto tra le quali 12 macchine della polizia che sono state gravemente attaccate”. La polizia di Stoccarda ha confermato nelle scorse ore il fermo di 24 rivoltosi 12 dei quali sono immigrati musulmani, mentre tre sono cittadini stranieri naturalizzati tedeschi. La Cancelliera tedesca Angela Merkel nel condannare con fermezza i disordini li ha definiti “abominevoli” mentre il suo portavoce Stephen Zeibert ha dichiarato: “Coloro che hanno commesso questi atti si sono rivoltati contro la propria città, contro le persone con cui vivono e contro le leggi che ci proteggono tutti.” Parole importanti tuttavia, si sommano a tutte quelle frasi di circostanza che vengono pronunciate ogni volta che lo Stato di diritto e i suoi cittadini, vengono attaccati e spesso uccisi da chi grida “Allah Akbar”.

Risultati immagini per stefano piazza giornalista
Stefano Piazza

takinut@gmail.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT