venerdi 01 luglio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Tutti uniti contro l'accusa di Israele 'Paese di apartheid' 26/06/2022


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
19.07.2014 La disinformazione di Lucia Goracci e Rainews 24
Da Israele, lettera aperta al direttore della Rai di Angela Polacco Lazar

Testata: Informazione Corretta
Data: 19 luglio 2014
Pagina: 1
Autore: Angela Polacco Lazar
Titolo: «La disinformazione di Lucia Goracci e Rainews 24»
Pubblichiamo di seguito la lettera aperta a Luigi Gubitosi, Direttore generale della RAI, sull'indegna disinformazione antisraeliana operata dal canale RAINEWS 24 e nei servizi Rai durante il conflitto.

Invitiamo anche i nostri lettori a scrivere al Luigi Gubitosi alla seguente mail:  luigi.gubitosi@rai.it, protestando per questo abuso del servizio pubblico.

A destra, Luigi Gubitosi




Lucia Goracci





Gent.le Direttore della RAI,

Sig. Luigi Gubitosi,
sono una cittadina italo-israeliana e vivo a Gerusalemme da 30 anni , sono una guida turistica e mi occupo anche di produzione televisiva.
Seguo abbastanza assiduamente i programmi Rai e nei momenti di crisi mi "diletto" a vedere come l'informazione del conflitto arabo-israeliano e israelo-palestinese e' trattata dai vari inviati che la Rai manda da queste parti , regolarmente , a seguire la complessa politica di quest'area.
Trovo vergognoso che alcuni inviati , pregiudizialmente di parte, realizzino dei servizi che sconvolgono l'ordine dei fatti, non facciano nessun tipo di analisi, evitino di raccontare la cronaca, in modo che strumentalmente i telespettatori si facciano l'idea che e' ideologicamente quella che muove il pensiero del giornalista stesso.
Io vivo in medio oriente e non seguo solo le vicende di israele e dei palestinesi, mi ricordo benissimo le corrispondenze di Lucia Goracci dall'Egitto, quando manifestatamente si e' schierata a favore del deposto Presidente Morsi : un cronista espone i fatti e cerca di raccontare la cronaca e anche di analizzare le vicende preparandosi adeguatamente. Ma la Sig. Goracci in quei reportage non ha fatto altro che "tifare" per la fratellanza musulmana, il che equivale a sostenere il terrorismo fondamentalista che e' contro l'occidente comprese le comunita' cristiane che ne fanno parte e che ne sono le prime vittime, ahime' senza voce. Questo fondamentalismo integralista e terrorista riguarda anche Hamas a Gaza, che nel suo statuto incita all'odio e allo sterminio degli Ebrei nel mondo. Questo si chiama antisemitismo. Dalla maggior parte degli inviati Rai, abbiamo sentito definire i criminali di Hamas , - che e' un'organizzazione terroristica riconosciuta come tale da molti paesi del mondo compresi UE e USA e anche la ministra degli Esteri Mogherini l'altro ieri cosi' li ha definiti raccontandoci che l'italia non parla con Hamas-, combattenti,miliziani, militanti , ma mai con il vero nome, terroristi.
Conosciamo molto bene le regole che un giornalista deve seguire se si trova in un posto dove la stampa e' controllata da un regime dittatoriale, ma se si fosse onesti, invece di propinarci sempre le solite immagini e gli stessi interventi , la Sig.ra Goracci avrebbe potuto forse trovare un palestinese che esprimesse una voce diversa. Le altre tv del mondo ed Israele lo fanno. Forse in questo modo si darebbe voce ad un'opposizione che non ce la fa piu' di essere vessata da un regime che perseguita, uccide, massacra chi non segue la sharia e da ben 9 anni (ma sarebbero 14 se prendiamo in considerazione anche il periodo che precede l'epurazione etnica che Sharon compi', liberando totalmente da Israeliani ed Ebrei la Striscia di Gaza), lancia sulle teste degli israeliani, non giocattoli ma razzi e missili tutti destinati alla popolazione civile israeliana che ha imparato in questi anni a correre nei rifugi in 15 secondi.
Israele "ha la fortuna"( parole della giornalista) di avere Iron Dome perche' ha speso milioni di euro per difendere i suoi cittadini mentre Hamas i milioni di euro li ha spesi per un arsenale bellico e per costruire tunnel per i suoi piani terroristici,e non certo per migliorare le condizioni di vita dei suoi amati civili palestinesi di Gaza.
A che serve avere dei giornalisti sul campo , se poi nello studio di Rainews si devono chiamare degli analisti per chiarire ( devo dire molto raramente), cio' che succede da queste parti?
Ieri per capire un po' di piu' la Sig.tra Goracci avrebbe potuto, per esempio, raccontare che dentro una scuola delle Nazioni Unite sono stati trovati 20 missili, una semplice notizia che ha fatto il giro del mondo, avrebbe fatto capire chi e' Hamas. Notizia totalmente taciuta.
Sono solo dei semplici esempi, ma un'informazione a volte distorta , a volta carente e omissiva che non fa onore alla Rai, servizio pubblico pagato dagli utenti italiani.
La ringrazio dell'attenzione,

Angela Polacco Lazar
Angela Polacco Lazar, 
Israele

Di seguito, riportiamo la mail del direttore generale della RAI, Luigi Gubitosi


luigi.gubitosi@rai.it

http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT