domenica 16 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
22.06.2011 Deliranti dichiarazioni di chi rappresenta i giovani musulmani italiani
L'estremismo terrorista di Omar Jibril è compatibile con le nostre leggi ?

Testata: Informazione Corretta
Data: 22 giugno 2011
Pagina: 1
Autore: Fiamma Nirenstein-Daniele Regard
Titolo: «Giovani Musulmani, un linguaggio scandaloso-Inaccattabile dichiarazione»

 L'organizzazione dei giovani musulmani italiani ha un presidente, se rilascia una dichiarazione pubblica questa non va sottovalutata, perchè esprime una opinione ufficiale. Se questo è il linguaggio delle nuove generazioni musulmane in Italia, non è difficile delinearne il futuro nel nostro paese.
Pubblichiamo l'intervento di Fiamma Nirenstein, seguito da quello di Daniele Regard, Presidente dell'UGEI - Unione Giovani Ebrei d'Italia, nel quale vengono riportate le dichiarazioni di Omar Jibril.


Dichiarazione deell'On. Fiamma Nirenstein (Pdl), vicepresidente della Commissione Esteri della Camera:


Fiamma Nirenstein

Giovani Musulmani, un linguaggio scandaloso

"Il linguaggio del presidente dell'organizzazione dei Giovani Musulmani Italiani nel suo intervento contro l'esposizione "Unexpected Israel" in corso a Milano è impresentabile ed è uno scandalo per qualsiasi persona che ami la buona armonia fra religoni. E' un attacco pieno di menzogne e di frodi tipicamente antisemite, con un richiamo persino all'accusa del sangue, privo di qualsiasi fondamento. Soltando Hamas, Hezbollah o Ahmadinejad e i movimenti più estremisti usano questo linguaggio che si macchia del crimine dell'incitamento all'odio e perfino all'omicidio".

Roma, 21 giugno 2011

 

 

 

 Dichiarazione di Daniele Regard, Presidente dell'UGEI - Unione Giovani Ebrei d'Italia.


Daniele Regard


Il 20 giugno , sul portale multimediale youtube è stato caricato un video da parte del GMI. Nel video che ha come oggetto la manifestazione "Unexpected Israel", tuttora in corso a Milano , il presidente dei Giovani Musulmani d'Italia Omar Jibril non solo afferma che l'iniziativa sia "una kermesse per ricordare l’occupazione israeliana nei territori palestinesi", ma si spinge a sostenere che Israele stia ponendo in essere "un bagno di sangue" e che sia solito commettere "operazioni trucidanti".

Di fronte alla gravità e all’infondatezza di tali affermazioni denigratorie non è possibile tacere così come non si può restare indifferenti al fatto che il GMI inviti gli italiani a partire con la "Freedom Flotilla", in aperta violazione delle leggi internazionali sul blocco marittimo.

Come presidente dell’Unione dei Giovani Ebrei d'Italia mi corre l'obbligo di manifestare la mia profonda amarezza e la mia viva delusione per l'atteggiamento radicale che i giovani musulmani stanno assumendo nei confronti dello stato di Israele: un'amarezza e una delusione che non possono non condurre ad interrompere ogni tipo di rapporto con il GMI fintanto che quest'ultimo non avrà assunto posizioni più moderate e non avrà rettificato le sue gravissime affermazioni. 

Maggiore sconcerto nasce poi dal fatto che una simile manifestazione culturale, estranea al conflitto, che ha visto coinvolti alcuni fra i maggiori esponenti della cultura della pace e del dialogo con il popolo palestinese, quali Noa, David Grossman e Idan Raichel, sia stata oggetto di bieca strumentalizzazione.

Mi auguro che le scuse arrivino il prima possibile, così da poter continuare il proficuo rapporto instaurato tra UGEI e GMI, rappresentanti di due minoranze italiane con simili radici culturali e da sempre impegnate nel dialogo tra le religioni.

Daniele M. Regard
Presidente UGEI


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT