martedi` 07 dicembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Jewish Lives Matter': il libro di Fiamma Nirenstein presentato al Congresso dell'Unione di Associazioni Italia Israele (video di Radio Radicale adattato da Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
21.10.2009 Gli svedesi, eroi vichinghi in nome della libertà di stampa
Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Testata: Informazione Corretta
Data: 21 ottobre 2009
Pagina: 1
Autore: Ugo Volli
Titolo: «Gli svedesi, eroi vichinghi in nome della libertà di stampa»

Cartoline da Eurabia, di Ugo Volli

Gli svedesi, eroi vichinghi in nome della libertà di stampa

Ci sono delle volte in cui sono fiero della nostra Eurabia, dei momenti in cui davvero ritroviamo il nostro ruolo egemone, ma per il bene, per la pace dei popoli, non per il vecchio imperialismo. Prendete la Svezia. Vi ricorderete l'energica difesa del vescovo Williamson, negazionista della Shoà. Questo è naturalmente un merito, perché lo sappiamo tutti che bisogna diffidare da invenzioni antipalestinesi del genere come Auschwitz. Ma ancora per qualche tempo resta un reato in alcune parti dell'Europa, per esempio in Germania, dove si è aperta un'inchiesta. Williamson, peraltro, forse ispirato direttamente dal cielo, ha avuto la genialità di fare le sue dichiarazioni in un'intervista televisiva svedese; e in Svezia tanto basta per garantire la sua innocenza. Alla richiesta degli inquirenti tedeschi di acquisire il nastro con l'intervista, hanno subito risposto di no, è una questione di Libertà di Stampa: LdS e stop. Un'intervista televisiva non può essere un reato per definizione, figuriamoci poi un'intervista meritoriamente antisemita. Non è mica islamofobica, quello sì che sarebbe grave, è solo antisemita. Eroici vichinghi, vera razza ariana!

Poi c'è stato il caso Aftenbladet, in cui un brillante giornalista investigativo collaboratore del quotidiano aveva giustamente accusato senza alcuna prova i soldati israeliani di un crimine particolarmente odioso come il rapimento di ragazzi palestinesi per strappargli gli organi vitali: roba forte, che è giusto attribuire all'esercito israeliano: sono o no dei coloni criminali di guerra? L'ha detto anche il Goldstone, che è uno dei loro, anche se la pensa come noi. Be' gli israeliani hanno chiesto una smentita, e la Svezia, dura, ha detto no: LdS e basta. Loro hanno recuperato i parenti delle presunte vittime i quali hanno smentito che la vittima fosse stata depredata, hanno anche pazientemente smontato tutte le circostanze del pezzo, mostrando che non c'era niente di vero ma non hanno ottenuto neanche la pubblicazione di una lettera. Agli svedesi non importa la verità, importa LdS. E' scritto su un giornale e quindi anche se è falso e diffamatorio non importa: come vangelo! Eroici vichinghi, pura razza ariana!

Fin qua saremmo semplicemente all'eroismo. Ma c'è di più, è l'esempio: un eroismo che viene seguito e imitato. Sentite qui. I turchi, dopo aver giustamente cacciato gli israeliani da un'esercitazione militare (se ne sono andati anche gli altri, americani ed europei, ma che importa, loro si consolati coi siriani, che sono islamici e dunque molto meglio), hanno incominciato a trasmettere una telenovela sull'eroica lotta del popolo palestinese, dove si vedono continuamente soldati israeliani che ammazzano bambini a sangue freddo, sparando loro in faccia, o a tradimento nella schiena, per puro sadismo. Anche qui, figuratevi, proteste, critiche, recriminazioni. Non è mai successo niente del genere, dovete smentire o smetterla, hanno detto. Ma sapete cosa hanno risposto i turchi? Semplice, LdS, non possumus (o come si dice in turco). La nostra stampa è libera e anche l'intrattenimento televisivo, figuriamoci. Se è menzognero non importa, oltre alla LdS c'è anche la LdA, la libertà dell'arte, e senza dubbio una telenovela sui crimini israeliani in Palestina è Arte e dunque può mentire. Il governo di queste cose non si occupa. E bravi turchi, che hanno imparato dalla Svezia. Forse potremmo proclamare ariani ad honorem anche loro.

Ugo Volli

PS: Sapete che posto ha la Svezia nella pubblicizzatissima classifica della libertà di stampa compilata da "Reporters sans frontières"? Ma bravi, il primo posto. Israele il novantatreesimo. E' una classifica interessante, ne riparliamo domani


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT