venerdi 25 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Autorità palestinese insegna ai giovani che i terroristi sono 'martiri' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Informazione Corretta Rassegna Stampa
27.09.2007 Da Grillo a grilletto
sul blog del tribuno genovese affermazioni antisemite dei fan

Testata: Informazione Corretta
Data: 27 settembre 2007
Pagina: 1
Autore: Luciano Tas
Titolo: «Da Grillo a grilletto»
 

Sul Blog di Beppe Grillo sono apparse, tra le molte altre, anche alcune affermazioni dei fan del mio concittadino Grillo che inducono a riflettere, e non per il loro contenuto, di cui proprio non vale la pena di spendere una parola, ma in primo luogo degli effetti  che le invettive del tribuno genovese possono avere su menti instabili e personalità  frustrate, ma del fatto stesso che, anche a norma di legge (al cui rispetto i blog non sono esentati) quelle affermazioni siano state accolte.”Secondo voi -  dice uno degli aficionados – gli ebrei del  terzo millennio sono poi  coosì tanto differenti dalle SS?”. E per un altro “nessuna pietà per gli israeliani”. Non raffinatissimo poi il cliente di Grillo quando scrive che “se il mondo avesse  le palle Israele sarebbe già scomparsa da due decenni”. E perché soolo da due decenni?  Forse perché qualcuno pensa che a Hitler sia andata proprio male.
Fosse per me – dice  un altro – prenderei a cannonate Israele da mattina a sera e gli farei rimpiangere i metodi usati dallo zio Adolf”.
Più internazionale chi scrive in  inglese che “the Shoà Must Go On”, la Shoà deve continuare. Una speranza, un augurio, una intimazione?.
Per un esperto di politica internazionale “forse il  presidente iraniano è un  pazzo scatenato quando dice di voler cancellare lo stato israeliano dalla cartina geografica, ma a questo punto come dargli torto?!?!”.
Un acuto osservatore dei media si limita ad affermare che “la lobby ebraica controlla i  telegiornali di mezzo mondo…basta vedere il TG5”.
Più buono di altri quello per cui “appunto perché gli ebrei hanno subito quel che si sa, vorrei capite perché fanno subire lo stesso agli altri” e allora in conclusione gli sorge un dubbio: “Che avesse avuto regione Hitler?”. Chissà se Grillo vorrà sciogliere questo dubbio?
Un altro esperto  di politica internazionale, e agli esperti, si sa, bisogna prestare attenzione, rivela uno “scenario apocalittico. Israele è il secondo paese più armato del mondo, le sue testate nucleari sono puntate sulle capitali europee, la sua potenza di fuoco è immensa, è logico che oggi nessuno può (i congiuntivi, i congiuntivi!) parlare, la paura fa 90”.
E se nessuno osa parlare, figuriamoci l’Italia, dice un  altro: “Siamo una piccola provincia litigiosa dell’Impero i cui vertici sono in mano a una cricca di capitalisti che stranamente hanno tutti cognomi ebrei, i nostri giornali ufficiali e le televisioni sono in mano loro, le quinte colonne d’Israele controllano i nostri dipendenti a Roma, i quali sia in uno schieramento sia nell’altro mai prenderanno posizioni che gli faranno (i condizionali, i condizionali!) perdere il posto”.
Beppe, Beppe, ma se ghe pensu…             
 
Luciano Tas (quinta colonna)


http://www.informazionecorretta.it/main.php?sez=90

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT