mercoledi` 29 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Sole 24 Ore Rassegna Stampa
05.01.2022 Aerospazio, intesa Italia-Israele
Cronaca di Vera Viola

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 05 gennaio 2022
Pagina: 21
Autore: Vera Viola
Titolo: «Aerospazio. Maxi commessa da Israele per la Laer di Benevento»
Riprendiamo dal SOLE24ORE di oggi, 05/01/2022, a pag.21, la cronaca di Vera Viola dal titolo "Aerospazio. Maxi commessa da Israele per la Laer di Benevento".

Una boccata di ossigeno per la campana Laer, azienda che costruisce grandi componenti per l'aeronautica civile. Ha infatti firmato un contratto - per una commessa da 100 milioni - con la Iai, primaria azienda israeliana del settore, specializzata nella conversione di velivoli da civili a cargo. Ed è proprio di conversioni di questo tipo che dovrà occuparsi l'azienda beneventana con sede principale ad Airola, da qui ai prossimi quattro anni, realizzando tutti i componenti necessaria modificare la struttura di circa 70 esemplari di Boeing 777-300 Ersf: metà fusoliera, separazione dalla cabina di pilotaggio, pavimento rafforzato e molto altro. La prima consegna è prevista a gennaio 2023. Il prodotto, sarà realizzato per lai (Israel Aerospace Industries Ltd) Aviation Group, la principale industria aeronautica israeliana, anche leader mondiale nella trasformazione cargo dei velivoli passeggeri. La firma del nuovo contratto ha portato una ventata di ottimismo negli stabilimenti di Laer e non solo. L'intero polo aeronautico campano soffre di una grave crisi causata dalla lunga pandemia: calano ancora gli ordini di nuovi velivoli da parte delle compagnie aeree, il gruppo Leonardo ha avviato il 3 gennaio un periodo di cassa integrazione di 13 settimane che coinvolge 3.443 dipendenti degli stabilimenti di Pomigliano, Nola, Grottaglie e Foggia. Leonardo ha rassicurato che «non c'è stato mai disimpegno dal business delle aerostrutture».

Crisi Piaggio Aero, De Vincenzi:

Il polo campano, dopo aver subito perdite di fatturato nell'ordine dell'80% nel 2020 e del 60% nel 2021, vede il 2022 ancora con molte preoccupazioni. E si tratta di un distretto dai numeri molto significativi. In Campania sono presenti circa cento imprese con 10mila dipendenti e con un indotto che tocca i 40mila. Queste operano soprattutto nel comparto dell'aeronautica civile (pari al 22% del totale della produzione italiana) che è quello più colpito dalla crisi. Per questi motivi, la Campania soffre più di altre regioni. Anche per Laer il 2020 e il 2021 sono stati anni molto difficili. «Nel periodo 2020-21 abbiamo perso il 60% del fatturato - raccontava un mese fa Andrea Esposito amministratore unico di Laer - dal 2020 in poi abbiamo subito numerosi tagli di ordini da parte di Leonardo che è il nostro principale cliente. Oggi abbiamo 300 dipendenti di cui circa cento in cassa integrazione». Dopo la partnership con l'azienda israeliana lo scenario è mutato. «Oggi - aggiunge Esposito - possiamo assorbire il personale in cassa e avviare assunzioni. Soprattutto di profili manageriali da coinvolgere sin da subito nella fase di progettazione». «Grazie a questa acquisizione - continua Esposito - Laer vola oltre la pandemia e si conferma azienda di riferimento per il mondo della subfornitura aeronautica non solo in Italia ma nel mondo. La commessa è per noi molto importante in quanto rappresenta l'apertura del rapporto con la principale industria aeronautica di Israele, e ci consente dI contribuire allo sviluppo del territorio con una notevole ricaduta industriale, questo ci rende molto orgogliosi. La resilienza che abbiamo dimostrato, in un momento buio per il nostro settore, e le giuste scelte strategiche messe in campo, sono state premiate». Laer è presente, oltre che ad Airola, anche ad Acerra dove produce parti di aerei in materiale composito e ad Albenga (in provincia di Savona) con la controllata Laer H, che nel 2014 ha rilevato un ramo d'azienda di Piaggio Aero.

Per inviare a Il Sole24Ore la propria opinione, telefonare: 02/30221, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


letterealsole@ilsole24ore.com

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT