martedi` 18 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Sole 24 Ore Rassegna Stampa
14.10.2018 Le ragioni storiche dell'antisemitismo
Andrea Di Consoli legge il libro di André Taguieff

Testata: Il Sole 24 Ore
Data: 14 ottobre 2018
Pagina: 24
Autore: Andrea Di Consoli
Titolo: «Le ragioni storiche dell'antisemitismo»

Riprendiamo dal SOLE24ORE-Domenica di oggi, 14/10/2018, a pag.24 con il titolo "Le ragioni storiche dell'antisemitismo", la recensione di Andrea Di Consoli al libro "L' antisemitismo" (ed.Cortina) di André Taguieff

Immagine correlataImmagine correlata
Andrea Di Consoli

 Non basta la testimonianza e l'ammonimento, per combattere e superare il più grande pregiudizio etnico e religioso della storia. Per affrontarlo degnamente bisogna provare a indagare le ragioni storiche, culturali e psicologiche che hanno portato gli ebrei ad essere il popolo più perseguitato di tutti i tempi.
Aiuta in questa ricerca leggere L'antisemitismo (Raffaello Cortina, 139 pagg., ii euro) di Pierre-André Taguieff, un compendio agile e puntuale sulle ragioni, spesso oscure e deliranti, del pregiudizio antigiudaico. Taguieff parte da una premessa importante, ovvero che una cosa è l'antiebraismo, che è di natura religiosa, e una cosa è l'antisemitismo, di fatto una menzogna concettuale, essendo la matrice semitica puramente linguistica e non razziale. Il libro spiega come l'antisemitismo razzista, di fatto un fenomeno recente, abbracci un arco temporale abbastanza ampio, grosso modo dalla metà del XIX secolo alla metà del XX secolo, tanto che la decisione estrema della "soluzione finale" andrebbe a questo punto retrodatata di molto come scelta politico-ideologica. Tra i tanti miti antiebraici che Taguieff analizza con precisi riferimenti storici ci sono i sacrifici umani, il cannibalismo, l'usura, il complotto internazionale, lo Stato nello Stato e il deicidio. Ma, in ultima istanza, tutto l'odio ciclico contro gli ebrei può essere letto come un processo isterico e radicale di rifiuto, specialmente in epoche di crisi economica e di insicurezza sociale, di un'alterità ben definita, essendo il popolo ebraico rigidamente legato alle proprie tradizioni rituali e, spesso, refrattario alla cosiddetta assimilazione nei Paesi di approdo. Un popolo di enorme ricchezza spirituale e storica divenuto capro espiatorio a causa di un'identità forte e di una tradizione difesa e tramandata con orgogliosa determinazione.

Per inviare al Sole24Ore/Domenica la propria opinione, telefonare: 02/30221, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


letterealsole@ilsole24ore.com

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT