domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
31.03.2022 È massima allerta in Israele: si teme una nuova escalation
Cronaca di Fiammetta Martegani

Testata: Avvenire
Data: 31 marzo 2022
Pagina: 15
Autore: Fiammetta Martegani
Titolo: «È massima allerta in Israele: si teme una nuova escalation»
Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 31/03/2022, a pag.15 con il titolo 'È massima allerta in Israele: si teme una nuova escalation' l'analisi di Fiammetta Martegani.

Immagine correlata

Fiammetta Martegani

Hamas, a Terror Group, Gets Propaganda Boost From Israel-Gaza Protests

E’ massima allerta in Israele: in una sola settimana cellule del terrorismo affiliate a Daesh e Hamas hanno colpito tre città — Beersheva, Hadera e Bnei Brak — uccidendo 11 persone e riportando l'orologio indietro allo scorso maggio, quando i primi episodi di violenza nelle città miste avevano innescato l'escalation che ha portato al conflitto con la Striscia di Gaza. L'esercito israeliano ha già arrestato 5 persone in Cisgiordania sospettate di essere coinvolte nell'attentato di martedì sera a Bnei Brak costato la vita a 5 persone. Ancora ieri le strade della cittadina ultraortodossa a est di Tel Aviv erano deserte. Lì, Dia Hamarsha, un palestinese di 27 anni originario del villaggio di Yabed (Cisgiordania) e militante della Jihad, ha seminato morte con un fucile automatico prima di venire ucciso. Le autorità hanno comunicato i nomi di tre delle vittime: Amir Khoury, 32 anni, agente di polizia araboisraeliano, cristiano di Nazareth, che i media ricordano come un eroe: è stato trai primi ad affrontare il terrorista, sacrificando la sua vita per salvare i suoi concittadini ebrei; il rabbino Avishay Yehezkel (29 anni) ucciso mentre faceva scudo col suo corpo al figlioletto; e Yaakov Shalom, padre di cinque figli, colpito mentre era al volante della sua auto. Altre due vittime sono di nazionalità ucraina: la loro identità non è stata fornita, ma le autorità hanno spiegato che avevano 23 e 32 anni, erano in Israele da tempo, ed erano seduti all'ingresso di un negozio a Bialik Street quando l'attentatore ha aperto il fuoco. Il governo, il primo nella storia del Paese ad avere al suo interno una componente araba—il partito Rum di Mansour Abbas — è in difficoltà. I famigliari delle vittime hanno chiesto che nessun membro dell'esecutivo si presentasse ai funerali, cui hanno partecipato migliaia di persone. Trema anche Abu Mazen, che ha condannato gli attentati: «L'uccisione di civili palestinesi e israeliani—ha dichiarato — può solo contribuire a deteriorare la situazione, specialmente alla vigilia del mese santo del Ramadan e delle festività cristiane ed ebraiche». Si teme che anche oggi, come un anno fa, Hamas cavalchi il malcontento per provare a disarcionare il presidente dell'Anp. I rapporti tra le due fazioni palestinesi sono a un punto critico. Proprio nei giorni scorsi Fatah, il partito di Abu Mazen, ha vinto la seconda fase delle municipali in Cisgiordania, e ha attaccato pesantemente Hamas «che ha agito in maniera opportunistica per impedire che le elezioni si svolgessero anche a Gaza».

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT