domenica 26 giugno 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Studioso islamico Usa: parole di odio contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
17.02.2022 Gerusalemme: la versione di Suor Valentina
La subdola disinformazione di Antonella Mariani

Testata: Avvenire
Data: 17 febbraio 2022
Pagina: 2
Autore: Antonella Mariani
Titolo: «Suor Valentina fa nascere la pace a Gerusalemme est»
Riprendiamo oggi 17/02/2022, da AVVENIRE, a pag. 2, la cronaca di Antonella Mariani dal titolo "Suor Valentina fa nascere la pace a Gerusalemme est".

L'articolo di Antonella Mariani è di disinformazione sottile ma non meno grave. Descrivendo un ospedale cattolico di Gerusalemme est non nasconde i pregiudizi delle infermiere arabe - cristiane e musulmane - nei confronti degli ebrei, ma li considera premesse che vengono superate dall'incontro e dalla relazione umana sotto l'auspicio di suor Valentina. Al contrario, nessuna umanità traspare dagli ebrei israeliani - definiti "sionisti" nell'articolo - che sono descritti semplicemente come l'altro, il nemico irriducibile e non disposto a compromessi (a differenza di quanto accade per le infermiere arabe). Il risultato è la più subdola delle forme di disinformazione contro Israele.

Ecco l'articolo:

ISRAELE - PALESTINA Suor Valentina, ostetrica a Gerusalemme: il dono della  vita e l'amore misericordioso di Cristo
Suor Valentina

Non c'è fotografia in cui suor Valentina Sala non sorrida. E l'espressione è beata quando ha tra le braccia un neonato. Perché per lei aiutare le madri a mettere al mondo i propri figli non è solo una professione, ma anche una missione. Suor Valentina ha 45 anni, lo sguardo chiaro e limpido, il volto affilato e la concretezza di una brianzola doc (è nata ad Arcore). Ha deciso che l'ostetricia sarebbe stato il suo lavoro quando a 16 anni tenne tra le braccia la sorellina appena nata. La vocazione arrivò più tardi, ma allora non avrebbe nemmeno immaginato dove l'avrebbe portata la vita e la congregazione di San Giuseppe dell'Apparizione, presente in Terra Santa dal 1848. In collegamento su Skype, suor Valentina parla con Avvenire dal Saint Joseph, l'unico ospedale cattolico di Gerusalemme est, frequentato soprattutto da arabi palestinesi della città e dei dintorni, oltre a pazienti che vengono dalla West Bank e da Gaza con permessi speciali.

II Saint Joseph sorge a Sheik Jarrah, il quartiere arabo da cui gli israeliani vorrebbero sfrattare i palestinesi. Ma suor Valentina racconta di quello straordinario seme di pace che un reparto di maternità sta piantando nel cuore di un territorio straziato da troppi odi. Lei è la responsabile di una 30ina di ostetriche e infermiere, al 60 per cento musulmane e al 40 per cento cristiane, che con una 20ina di medici neonatologi e ginecologi costituiscono il reparto maternità, aperto nel 2015 all'interno di un ospedale generale che conta 300 dipendenti. Ed ecco lo straordinario: dei 240 bambini che nascono qui ogni mese, 40 sono ebrei. Suor Valentina non nasconde le perplessità iniziali, se non addirittura le ostilità, di alcune ostetriche palestinesi. Questo per loro è "territorio occupato". «Ricordo la prima coppia ebrea, era venuta da noi perché non aveva l'assicurazione e non poteva permettersi un ospedale israeliano. Proposi a due ostetriche, una cristiana e l'altra musulmana, di seguire il parto. La prima mi disse: sono i nostri nemici, dobbiamo davvero occuparci dei loro bambini, che magari da grandi spareranno ai nostri figli? La seconda aggiunse: questa non è la loro terra, non dovrebbero nemmeno essere qui. Allora ho detto che il Saint Joseph non chiude le porte a nessuno, e che se loro non se la sentivano le avrei sostituite». Ma non c'è stato bisogno. Assistere le puerpere nel travaglio e nel parto cambia lo sguardo delle ostetriche sull'eterno nemico. Una di loro ha detto: «Ogni volta che lavoro cerco di dare il meglio di me, in modo che possano insegnare ai loro figli ad amarci». E accade anche il contrario. «Un giorno è arrivata una colona di Hebron. II medico che la assisteva, un palestinese, era egli stesso di Hebron. Due esperienze agli antipodi». Quando è stata dimessa, la puerpera ha raccontato che era arrivata dall'America come sionista, ma che l'esperienza al Saint Joseph le ha fatto cambiare prospettiva. Suor Valentina, stando accanto alle donne e lavorando prevalentemente con donne, assiste a piccoli miracoli e alle sue colleghe ripete che se questi semi di pace daranno frutto, insieme, ostetriche, medici e mamme palestinesi, cristiani e musulmani, avranno cambiato il futuro della loro terra.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT