venerdi 12 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
20.01.2022 Pakistan: donna condannata a morte per 'blasfemia'
L'accusa vuole che sia impiccata

Testata: Avvenire
Data: 20 gennaio 2022
Pagina: 13
Autore: la redazione di Avvenire
Titolo: «Musulmana condannata a morte per 'blasfemia' su WhatsApp»
Riprendiamo oggi 20/01/2022, da AVVENIRE, a pag. 13, la breve "Musulmana condannata a morte per 'blasfemia' su WhatsApp".

Why we should stop fixating on what Muslim women wear

Una donna pachistana di religione musulmana è stata condannata a morte in Pakistan per aver inviato un testo e vignette del profeta Maometto, ritenuti «blasfemi», via WhatsApp. Aneeqa Ateeq, 26 anni, era stata arrestata nel maggio 2020 e accusata di aver condiviso «contenuti blasfemi» su WhatsApp, tra cui le vignette, secondo una memoria diffusa dal tribunale. La sentenza è stata emessa a Rawalpindi. II tribunale ha ordinato che la donna sia «impiccata a morte». L'appello presentato dagli avvocati bloccherà per ora l'esecuzione.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT