giovedi` 28 ottobre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer censurato all'Onu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
23.09.2021 Afghanistan: i talebani contro i cristiani
Cronaca di Luca Liverani

Testata: Avvenire
Data: 23 settembre 2021
Pagina: 5
Autore: Luca Liverani
Titolo: «Guardava la messa, rapito dai talebani»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 23/09/2021, a pag. 5, la cronaca di Luca Liverani dal titolo "Guardava la messa, rapito dai talebani".

EMERGENCY: Christians in Afghanistan Fear for Their Lives as Taliban Seizes  Control, Abandoned by President Biden, Urgent International Intervention Is  Needed | American Center for Law and Justice

Quei canti inconsueti hanno insospettito qualche vicino. «Ma che musica sentite a casa?», chiede un giorno la portinaia ad Adila, una delle figlie. La ragazza dà una risposta vaga. Pochi giorni e il papà, Mohsin Hsan Zada, una sera, non rientra più a casa. Arrestato dai taleban, da metà agosto di lui non si hanno più notizie. Quella «musica strana» erano i canti della Messa che questa famiglia di cattolici afghani seguiva via Web a Kabul. Un episodio drammatico di persecuzione anticristiana che ha travolto un padre e ha costretto i tre nuclei della famiglia a vivere giorni di terrore. Poi, per loro, la salvezza: questi 14 cattolici afghani riescono a imbarcarsi il 23 agosto su uno degli ultimi voli italiani da Kabul. Ieri mattina l'udienza dal Papa, che ha benedetto il percorso di questa nuova vita in Italia. La fuga da Kabul è un miracolo reso possibile grazie a una catena di solidarietà che ha unito un rifugiato afghano naturalizzato in Italia, una ex eurodeputata, il ministero della Difesa, una fondazione umanitaria di Bergamo.

Afghanistan's Christians are turning off phones and going into hiding |  TheHill

A raccontarlo è Ali Eshani, 29 anni, arrivato in Italia 17 anni fa dopo un viaggio cominciato a 8 anni via Palástan, Iran, Turchia e Grecia. In fuga col fratello di 16 anni, dopo che i taleban uccidono i genitori. Il fratello sparirà in mare su un gommone. Lui arriverà sul traghetto Patrasso-Venezia, aggrappato poi per chilometri sotto a un Tir. Oggi Ali è laureato in legge e ha scritto due libri sulle sue drammatiche esperienze. «Ero in contatto viaWeb con queste famiglie da mesi - spiega AIi Eshan - ma inizialmente non si fidavano. Non credevano fossi anch'io cattolico. Io gli ho fatto qualche diretta della Messa via social. Una figlia aveva collegato lo smartphone al televisore per seguirla in famiglia. Qualcuno ha fatto una spiata». Ali ricorda bene la chiamata dopo la scomparsa del padre: «Erano terrorizzate, sono tante donne e bambine in famiglia, la mamma ricordava chi erano i taleban». Alla famiglia arriva una telefonata da un numero sconosciuto. «Era il padre, ma poi ha parlato un altro uomo che ha chiesto dove abitavano. Una trappola. Si sono nascosti di corsa in una cantina». Ali il 16 agosto, disperato, chiama un'ex europarlamentare che conosce da anni. Silvia Costa si mobilita e smuove Viminale e Difesa. «Mi sono fatto mandare le foto dei loro documenti - racconta Silvia Costa - li ho girati alle Forze armate, che dopo aver fatto verifiche li hanno inseriti nelle liste di evacuazione». Con Pary Gul Hsan Zada, la moglie dell'uomo rapito, ci sono i suoi quattro figli non sposati, tra 25 e 14 anni: le giovani Adila, Bobina e Stera, e il ragazzo, Nasim. Poi le famiglie delle altre due figlie: Seema Gul (34 anni) e il marito Zamin Ali (35) con i tre figli, Maryam (11), Ali Reza (8) e il piccolo Eliyas (un anno) che a Roma verrà ricoverato d'urgenza al Bambin Gesù per una grave varicella, superata. E Fatima , col marito Gholam Abbas (32enni) e i figli Safa Marwah (9), Muhammad Yousouf (4). Arrivate all'aeroporto di Kabul, le famiglie non riescono a entrare: «L'ingresso era presidiato dagli americani. Da Roma ho fatto tutto quello che potevo. Finalmente mi hanno avvisato che erano in attesa del decollo».

Arrivati a Roma, i 14 afghani vengono accolti per un mese da una struttura religiosa. Ieri l'udienza privata con Papa Francesco, alle 8,30 nell'auletta dell'Aula Paolo Vl. «Un incontro emozionante», confessa Ali che ha fatto da interprete. Pary Gul, commossa, spiega al Papa che la tunica che indossa è quella che aveva a Kabul: se potesse parlare, quella veste confermerebbe le tante sofferenze passate. «Lo so che avete sofferto tanto, le ha risposto papa Francesco», racconta Ali. Poi la donna regala al Papa il suo anello, l'unico oggetto di valore. «Io non posso portarlo, le ha risposto il Papa, ho già il mio di anello. Lo dovrei tenere in un cassetto. Io lo accetto, ma lo Agguato ai miliziani a Jalalabad: 5 vittime L'escalation non si ferma. E i taleban restano nel mirino del Daesh e di gruppi armati eteroguidati che operano ormai da un mese per creare situazioni di difficoltà ai reparti militari che tentano, nonostante le forze relativamente ridotte, di controllare il territorio. Due combattenti taleban e un civile sono stati uccisi ieri mattina da uomini armati in un attacco a un posto di blocco a Jalalabad, dovrai custodire tu, come pegno di amicizia e segno di speranza. E si è raccomandato, scherzando: non lo mettere all'asta!». Ogni bambino ha portato un disegno per il Papa. E Francesco ne ha chiesto a ciascuno il significato. Oggi le tre famiglie partono alla volta di Bergamo. Ad accompagnarle in questo difficile cammino di rinascita sarà la Fondazione San Michele Arcangelo, creata e presieduta da Daniele Nembrini. Tre appartamenti, corsi di italiano e inglese, scuola, avviamento professionale: tutto a carico del progetto Meet Human, uno dei tanti della Fondazione, che accompagnerà profughi verso l'autonomia. Niente contributi pubblici, solo offerte e donazioni: «Una scelta di carità per la carità — spiega il responsabile relazioni istituzionali della Fondazione, Francesco Napoli — per affermare con responsabilità l'unica ragione del nostro agire».

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/ 6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT