mercoledi` 19 gennaio 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La guerra dei sei giorni: Israele si difende e vince (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
01.09.2021 Sergio Romano e i talebani 'missionari'
Commento di Gerolamo Fazzini

Testata: Avvenire
Data: 01 settembre 2021
Pagina: 3
Autore: Gerolamo Fazzini
Titolo: «L'ambasciatore e il rasoio sbagliato»
Riprendiamo da AVVENIRE del 01/09/2021, a pag. 3, l'articolo "L'ambasciatore e il rasoio sbagliato" di Gerolamo Fazzini.

Sergio Romano - Sopravviverà l'Europa al 2019? - YouTube
Sergio Romano

Se almeno di tanto in tanto Sergio Romano frequentasse ambienti cattolici, saprebbe che i missionari sono tra le persone considerate più aperte al dialogo, capaci di valorizzare le differenze, disponibili a incontrare e, persino, ad amare chi - per geografia, cultura e religione - sta letteralmente agli antipodi. Ho scritto "ambienti cattolici", ma temo di aver peccato per difetto. Giacché è trasversale e rimane diffusa la stima per le donne e gli uomini che ancora oggi, sebbene molti meno di un tempo, partono e, in nome del Vangelo, consacrano letteralmente la vita a servizio di Dio e degli ultimi. In Amazzonia come nel cuore dell'Africa, nel fitto delle foreste e nelle desolate baraccopoli delle periferie urbane. Se l'ex ambasciatore, insomma, i missionari li conoscesse (un po' più da vicino di quanto appare da ciò che afferma nell'intervista uscita nei giorni scorsi su un quotidiano che di solito rifugge dai giudizi sommari e ingiusti, "II Riformista"), non sarebbe incorso in uno svarione incomprensibile.

Afghanistan, Talebani avanzano

Romano, infatti, dopo aver ricordato che i taleban sono dei "missionari" - e qui le virgolette sue o di chi l'ha intervistato fanno letteralmente la differenza! - conclude con una rasoiata «Ragionare con i missionari (senza virgolette) non è mai facile, e qualche volta è addirittura inutile». Ora: paragonare i taleban dell'Afghanistan ai missionari cristiani è un'operazione forse giornalisticamente comoda, perché semplifica una realtà complessa, ma foriera di conseguenze pericolose. Come leggiamo nel documentatissimo "Osama e i suoi fratelli. Atlante mondiale dell'islam politico" di Camille Eid (pubblicato da PlMedit nel 2001, poco dopo la tragedia dell' 11 settembre), «il "Movimento islamico dei taleban dell'Afghanistan" è formato principalmente dagli studenti di teologia islamica ("taleban" è appunto il plurale farsi di "taleb" che significa studente) di etnia pashtun nelle scuole coraniche del Pakistan». Detto altrimenti, la traduzione più corretta di "taleban" sarebbe "seminaristi" (non "missionari"). Ma questi sono dettagli. Quel che è più grave è la tacita equivalenza che Romano istituisce, cosciente o meno, tra la missione cristiana e la da'wa islamica. Vero è che entrambi i concetti fanno riferimento all'annuncio (nel primo caso evangelico, nel secondo dell'islam), ma tanto i contenuti quanto il metodo delle due sono abissalmente diversi. Tanto i seguaci di Cristo si spendono ai confini del mondo in modo pacifico, a tal punto disarmati da diventare essi stessi, talora, martiri, tanto i taleban utilizzano la violenza, verbale e fisica, quale strumento principe per l'affermazione del loro credo.

Va ricordato, a questo proposito, che il debutto sulla scena mondiale dei taleban (termine che, poi, non a caso nella vulgata quotidiana ha assunto l'accezione di intransigente, in senso totalmente negativo) risale al 24 giugno 1994: quel giorno gli "studenti" abbandonarono le loro madrasse (scuole), varcando la frontiera con l'Afghanistan, avvalendosi di una fatwa che autorizzava il jihad contro la corruzione e ilvizio dei mujaheddin. Un anno dopo faranno il loro ingresso trionfale a Kabul dove impiccheranno il presidente destituito Mohammad Najibullah e imporranno il loro famigerato "ordine" alla popolazione. Nei secoli scorsi taluni missionari cristiani si sono macchiati di eurocentrismo e razzismo, facendo mostra non solo di una grave incapacità di dialogare quanto di un sentimento totalmente ingiustificato (figlio del tempo) di pretesa superiorità dell'uomo bianco. E, tuttavia, oggi possiamo affermare, senza tema di smentita, che pure nel passato esistono luminosi esempi di missionari con i quali i contemporanei hanno potuto ragionare (due nomi su tutti, anche se la lista sarebbe lunga: il domenicano Bartolomé de Las ragas e il gesuita Matteo Ricci). E anche grazie alla loro testimonianza che via via la missione cristiana, specie dopo il Vaticano II, si è purificata dei peccati di un tempo, aprendosi al mondo, ai popoli, alle culture, al "diverso". In una parola: al soffio dello Spirito.

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/ 6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT