lunedi` 20 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
15.07.2021 L'Afghanistan nelle mani dei talebani
Commento di Luca Miele

Testata: Avvenire
Data: 15 luglio 2021
Pagina: 13
Autore: Luca Miele
Titolo: «Afghanistan, dilagano i taleban. Anche la Cina entra nel mirino»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 15/07/2021, a pag. 13, con il titolo "Afghanistan, dilagano i taleban. Anche la Cina entra nel mirino", il commento di Luca Miele.

Immagine correlata
Luca Miele

Spin Boldak border crossing into Pakistan reopened for travelers | Ariana  News
Spin Boldak, al confine tra Afghanistan e Pakistan

Da ieri la bandiera taleban sventola al valico di frontiera di Spin Boldak, al confine con il Pakistan. Obiettivo non solo simbolico ma anche sensibile che si aggiunge alla "collezione" di valichi già strappato dai miliziani alle forze governative nelle province di Herat, Farah e Kunduz. Il valico - che divide la città afghana di Spin Boldak, nella provincia di Kandahar, dalla città pachistana di Chaman e subito chiuso da Islamabad - è il secondo più frequentato fra i due Paesi collegando Kandahar ai porti pachistani, con un passaggio di 900 camion al giorno. II suo controllo assicurerà ai taleban nuove entrate per la guerra. Ma non solo: autorizza i taleban a "dilagare" nei Paesi confinanti. Con l'uscita di scena delle truppe Usa e la fragilità sempre più evidente del governo di Kabul, l'Afghanistan torna ad essere l'epicentro di famelici appetiti e pericoloso fattore di destabilizzazione. Ne sa qualcosa la Cina. Ieri 9 cittadini cinesi sono morti nell'esplosione in un autobus nel distretto di Upper Kohistan, provincia pachistana di Khyber Pakhtunkhwa: 14 le vittime totali. Un messaggio inviato dai taleban pachistani all'indirizzo del potente alleato di Islamabad i cui investimenti hanno raggiunto quota 1,58 miliardi di dollari nel 2017-2018. Ad aprile, i taleban avevano rivendicato la responsabilità di una esplosione suicida in un hotel di lusso che ospitava l'ambasciatore cinese, rimasto illeso. La partita è complessa e gli attori in gioco tanti. Mentre l'ex presidente americano George W. Bush critica il ritiro occidentale e gli Usa annunciano un ponte aereo per mettere in salvo gli interpreti e gli afghani che hanno collaborato con gli "occupanti , Pechino ha esortato Islamabad a «punire severamente» i colpevoli e a «proteggere con forza» cittadini e interessi cinesi. Al tempo stesso, il colosso asiatico ha "pressato" i taleban afghani affinché si «rendano conto delle responsabilità che hanno perla nazione».

L'aspettativa della Cina per il futuro dell'Afghanistan è «un accordo politico ampio e inclusivo che persegua una politica musulmana moderata, combatta risolutamente contro tutte le ideologie terroristiche ed estremiste e si impegni a mantenere una relazione amichevole con tutti i Paesi vicini», ha detto il ministro degli Esteri, Wang Yi. I rapporti tra i due "attori" sono ambivalenti. Un portavoce dei taleban ha fatto sapere al South China Morning Post che la Cina è un «amico benvenuto» e che il dialogo sulla ricostruzione dovrebbe iniziare «il prima possibile». A maggio, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha assicurato che Pechino stava discutendo con Islamabad e Kabul per estendere il corridoio economico Cina-Pakistan all'Afghanistan. D'altro canto Pechino ha una partita aperta con lo Xinjiang e teme infiltrazioni attraverso il corridoio del Wakhan, al confine con l'Afghanistan. Tutta l'Asia centrale rischia il contagio estremista. La partita, dentro e fuori i confini dell'Afghanistan, è tutta da giocare.

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/ 6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT