giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
18.06.2021 Israele, il Covid è ormai soltanto un ricordo
Analisi di Fiammetta Martegani

Testata: Avvenire
Data: 18 giugno 2021
Pagina: 7
Autore: Fiammetta Martegani
Titolo: «Israele, le misure di protezione sono già ricordi»
Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 18/06/2021, a pag.7 con il titolo 'Israele, le misure di protezione sono già ricordi' l'analisi di Fiammetta Martegani.

Immagine correlata

Fiammetta Martegani

As Israel's COVID restrictions end, two experts offer advice for other  countries | The Times of Israel

A Tel Aviv nessuno si dimentica più la mascherina a casa ma solo perché qui non ci si ricorda nemmeno più di cosa siano le mascherine. Da martedi scorso Israele non richiede più alle persone di indossarle, né all'aperto né al chiuso. Hezi Levi, il direttore generale del Ministero della Salute, ha dato la notizia togliendosela entusiasta davanti alle telecamere nazionali. E per festeggiare il Comune ha lanciato "Batim ptuchim", il festival delle "case aperte": chi vive dentro i palazzi-capolavori dell'architettura eclettica e del Bauhaus apre la porta al pubblico e chi vuole entra. Le lunghe file di visitatori fuori dagli edifici — zero mascherine, zero distanza— sono l'immagine più nitida di un Paese che è decisamente fuori dall'emergenza Covid. Israele è stato il primo Paese al mondo, lo scorso dicembre, a cominciare una campagna vaccinale a tappeto, ed è il primo a vederne i risultati, con una media di meno di una dozzina di casi al giorno e un tasso di mortalità sceso a zero da quando più del 63% della popolazione ha ottenuto almeno un'iniezione del vaccino, reso oramai disponibile per tutte le persone dai 12 anni in su. Secondo il Ministero della Sanità, oltre 5,1 milioni di israeliani hanno ricevuto entrambe le dosi, e il 92% delle persone sopra i 50 anni è completamente vaccinato. Da qui la decisione di eliminare la mascherina anche in tutti i luoghi al chiuso. Peraltro già a marzo era stato possibile ricominciare a frequentare palestre, cinema, teatri con Green Pass, che invece ora è stato revocato. Le mascherine saranno però ancora necessarie per i non vaccinati che debbano accedere alle strutture sanitarie e di assistenza, specie negli istituti per anziani considerati ad alto rischio. Le principali limitazioni che il Paese ha mantenuto riguardano i viaggi in entrata e in uscita dall'aeroporto Ben Gurion, dove il traffico è regolamentato con severi test e misure di quarantena (10 giorni) per impedire l'ingresso di potenziali varianti resistenti ai vaccini. II Paese sta però lentamente riaprendo ai viaggiatori Covid free, in attesa di tornare agli altissimi volumi di turismo.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT