giovedi` 23 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
19.02.2021 Francia: indagine sull'islamo-sinistra in università
Commento di Daniele Zappalà

Testata: Avvenire
Data: 19 febbraio 2021
Pagina: 13
Autore: Daniele Zappalà
Titolo: «Indagine sull'islamo-sinistra in università: è scontro»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 19/02/2021, a pag. 13, con il titolo "Indagine sull'islamo-sinistra in università: è scontro", il commento di Daniele Zappalà.

Risultato immagini per Frédérique Vidal
Frédérique Vidal

Dopo le ultime fiammate del terrorismo jihadista e a pochi mesi dall'inizio della corsa per l'Eliseo, l'estremismo islamico resta un tema altamente sensibile in Francia. A mostrarlo, nelle ultime ore, è stato pure il gran polverone suscitato da un'iniziativa della ministra dell'Università, Frédérique Vidal, decisa a commissionare al Cnrs (Centro nazionale per la ricerca scientifica) uno studio sulla cosiddetta «islamo-sinistra» nel mondo universitario, ovvero i presunti legami, specie all'insegna dell'antisemitismo, fra ambienti dell'estremismo islamico e settori della sinistra critici verso la politica del governo israeliano. Per la ministra, serve «un bilancio dell'insieme delle ricerche», per poter distinguere fra i lavori davvero scientifici e «ciò che rientra invece nella militanza politica». Ma l'alzata di scudi contro l'iniziativa è stata immediata, tanto nel mondo universitario e associativo, quanto nei settori dell'arco politico che si sono sentiti più stigmatizzati. Lo stesso Cnrs, principale organismo pubblico di ricerca, ha denunciato aspramente dei «tentativi di delegittimazione di diversi campi della ricerca». Ma è scesa in campo pure la Conferenza dei rettori, che ha espresso il proprio «stupore», biasimando le «arguzie da bar dello sport» della ministra.

Risultato immagini per Jean-Luc Mélenchon
Jean-Luc Mélenchon

A livello politico, veemente la reazione del «tribuno rosso» Jean-Luc Mélenchon, il leader di La France insoumise che alle ultime presidenziali aveva cercato di federare la sinistra: «Non siamo più in Francia, ma in Iran», ha tuonato. Frecciate che surriscaldano ancor più un clima già acceso, anche in corrispondenza dell'attuale dibattito in Parlamento sulla bozza di legge con cui il presidente Emmanuel Macron spera di disinnescare diversi di quei fenomeni sociali che favoriscono il diffondersi dell'estremismo islamico nella società. Con orari differenziati per uomini e donne nelle piscine, scuole coraniche dissimulate dietro il paravento dell'insegnamento a casa, canali occulti internazionali di finanziamento delle federazioni francesi di moschee. Nel frattempo, invece, l'ultradestra guidata da Marine Le Pen, molto in alto nei sondaggi, continua a chiedere misure come il divieto del velo islamico per le donne in strada.

Per inviare la propria opinione a Avvenire, telefonare 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT