giovedi` 23 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Avvenire Rassegna Stampa
10.02.2021 Da Israele vaccini anche per i migranti
Commento di Fiammetta Martegani, ma il titolo della redazione disinforma

Testata: Avvenire
Data: 10 febbraio 2021
Pagina: 9
Autore: Fiammetta Martegani
Titolo: «Nordafricani, russi e asiatici in fila: Tel Aviv inizia a vaccinare i migranti»

Riprendiamo da AVVENIRE di oggi, 10/02/2021, a pag.9 con il titolo "Nordafricani, russi e asiatici in fila: Tel Aviv inizia a vaccinare i migranti" la cronaca di Fiammetta Martegani.

Come sempre l'articolo di Fiammetta Martegani informa correttamente, il titolo scelto dalla redazione del quotidiano dei vescovi al contrario disinforma citando Tel Aviv al posto di Gerusalemme, dove invece ha sede il governo israeliano. Il mancato riconoscimento della capitale che Israele si è liberamente scelta, come fanno tutti gli Stati del mondo senza eccezione, è una delle più diffuse modalità della delegittimazione dello Stato ebraico.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Fiammetta Martegani

Health Ministry said aiming to vaccinate 2 million Israelis in six-week  drive | The Times of Israel

No. Non mi hanno chiesto niente di particolare: solo di dimostrare che vivo qui. Ho detto dove sto, e mi hanno fatto l'iniezione. Fine». Freddy è di nazionalità indiana e abita aTel Aviv, dove assiste una famiglia israeliana con un bambino autistico. Ieri ha fatto la coda davanti a una postazione di emergenza organizzata dall'ospedale Ichilov a Neve Shaanan, uno dei quartieri attorno alla Tachana Merkasit, la "Stazione centrale'; dove vivono la maggior parte degli immigrati non ancora in regola, senza alcuno status ufficiale. Una coda veloce, per evitare assembramenti. Mentre in Israele si procede con il secondo richiamo (a oggi sono già state vaccinate circa 3,5 milioni di persone su oltre 9 milioni di abitanti e, di queste, due milioni per la seconda volta), ieri il Comune di Tel Aviv ha iniziato la campagna di somministrazione per tutti i cittadini stranieri. Ha cominciato Tel Aviv poiché la maggior parte di loro si trova proprio qui. Fino all'altro giorno potevano essere vaccinati solo gli iscritti all'assistenza sanitaria pubblica o gli expat (termine che identifica il personale diplomatico, i giornalisti e i lavoratori stranieri a contratto), garantiti da un'assicurazione privata. Da oggi, invece, tutti quanti hanno accesso alle dosi di vaccino anti-Covid. Senza distinzione di provenienza o religione: ebrei, cristiani, musulmani, indù. La maggior parte dei migranti sono richiedenti asilo, e arrivano soprattutto dall'Africa subsahariana. Tanti, però, sono asiatici. Alcuni russi. Tutti sono in fuga dalla povertà o dalla guerra, e cercano in Israele una vita possibile, soprattutto nel settore dell'assistenza in casa ai bambini e agli anziani.

Risultato immagini per gerusalemme capitale
Gerusalemme, capitale d'Israele

Le 14 postazioni a Neve Shaanan sono gestite direttamente dallo staff dell'ospedale che accetta, del tutto gratuitamente e senza alcuna prenotazione, qualsiasi cittadino straniero sopra i 16 anni, purché si presenti con il passaporto o con un visto, anche se scaduti, ha precisato un portavoce. Nel caso dei rifugiati, possono utilizzare un documento identificativo rilasciato con la collaborazione del "Mesila", il centro di assistenza per lavoratori migranti e rifugiati politici della municipalità di Tel Aviv. Grazie a loro, tutte le informazioni relative alla procedura sono state tradotte in inglese, russo, arabo e Tigrinya, la lingua parlata in Eritrea ed Etiopia, da cui vengono molti richiedenti asilo. La campagna è stata realizzata anche con alcuni video nelle varie lingue, in modo da poterli divulgare, attraverso i social, nelle diverse comunità. Le autorità dell'Immigrazione non faranno controlli. Nessuno verrà deportato. L'obiettivo è uno solo: tutti devono essere vaccinati il prima possibile. Diversamente, nessuno sarà mai protetto dalla pandemia.

Per inviare a Avvenire la propria opinione, telefonare: 02/6780510, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@avvenire.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT