lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Scambio prigionieri 27/11/2023

Fighting on two fronts may be too much for the IDF

Cara Deborah, capito che bel conticino si sono fatti quei bravi ragazzi di Hamas? 13 ostaggi in cambio di trentanove detenuti (3 a 1) e 4 giorni di tregua. Considerando i circa 250 ostaggi in loro mani, possono organizzare circa 20 scambi, per un totale di circa 800 delinquenti rimessi in libertà e 80 giorni di tregua. Come dire che la guerra è perduta ma, purtroppo, che fare? Un cordiale shalom. 
Andrea Citone 

 Caro Andrea, 
La guerra non è perduta. Anche se le pressioni della comunità internazionale ci ricatteranno per impedirci di continuare, Hamas ormai è finito. Non tornerà mai più a comandare Gaza. La risposta israeliana ai massacri del 7 ottobre cambierà l’assetto di questa parte del Medio oriente, di sicuro cambieranno totalmente i territori dove si sono insediati ANP e Hamas. Nel frattempo Israele farà di tutto per riportare a casa quanti più ostaggi possibile perché questo era l’obiettivo fin dal primo giorno. I capi di Hamas, quelli rimasti che vivono all’estero, sono ormai morti che camminano. Dopo la strage degli atleti israeliani delle Olimpiadi di Monaco, uno alla volta, Israele ha eliminato tutti gli assassini. Accadrà di nuovo. Un cordiale shalom

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT