mercoledi` 24 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Attentati a Gerusalemme. Never Again 30/01/2023

In Worst Terror Attack Since 2011, 7 Murdered, 3 Injured In Neve Yaakov, 2  Injured In City Of David Attack - VINnews

Cara Deborah,
Io credo che su questo nuovo periodo di scontri tra Israele e palestinesi, ci sia da fare una riflessione. Fermo restando il diritto di Israele di prevenire ogni attentato, mi chiedo se l'operazione di Jenin poteva essere condotta in un altro modo. Purtroppo, dobbiamo ricordarcelo sempre ed è dura ammetterlo, Israele è sotto la lente d'ingrandimento dell'opinione pubblica mondiale. Fin troppo infiltrata dalla propaganda filopal. Sarà difficile, sarà improba, ma io credo che ogni azione di Tzahal debba tener conto di questo. E procedere con molta prudenza. Eviotando il più possibile errori nelle sue azioni di polizia. Non dirlo: so di chiedere quasi l'impossibile. E non so quanto sia realistico pure chiederlo. Ma, dobbiamo pur farlo. Israele, da anni, arranca dietro la propaganda palestinese. Che in molte menti ha già vinto. Insomma, sono riusciti a far credere a molti che Gesù era palestinese... ci credono. Lo dicono. E come diceva Gobbels... via, lo sappiamo, no? UN CARO FRATERNO SALUTO

Tore Amos

 Caro Tore,
L’operazione a Jenin condotta da Zahal è stata perfetta. Non sono entrati per caso ma per sventare un grande attentato in Israele di cui l’intelligence aveva avuto notizia e che avrebbe fatto decine di morti. Appena entrati sono stati accolti da bombe e razzi perciò hanno risposto al fuoco contro i terroristi, non contro i civili. Infatti su nove morti, otto erano della Jihad palestinese. Zahal combatte contro cellule terroristiche assassine pronte a tutto. Il mondo ci condanna? È vero ma lo farà sempre finché non capirà che Israele si deve confrontare con gente che manda bambini ad ammazzare suoi simili. Bambini, come il tredicenne di domenica mattina, che ha lasciato scritto alla mamma un biglietto con queste parole “Sarai orgogliosa di me”. Cosa significa? Che era stato educato dalla famiglia all’odio e al “martirio”. Finche’ il mondo non capirà l’obbrobrio di una società che vuole trasformare i suoi figli in mostri, noi saremo condannati ma la solita saggia Golda Meir lo aveva detto “Meglio le vostre condanne che le vostre condoglianze”. Purtroppo questa società occidentale, colma di retorica terzomondista e di odio antisemita, ha per Israele solo condanne comunque si svolgano i fatti. Pazienza, Israele non si farà mai distruggere nemmeno moralmente perché i nostri Padri fondatori lo hanno giurato, dopo la Shoah. Mai più. Never Again! Un cordiale shalom

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT