lunedi` 05 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La proposta di Lapid 17/10/2022

70% Believe Israel is on its way to Fifth Election - The Israel Democracy  Institute
Yair Lapid, Benjamin Netanyahu

Gentile Deborah, leggo su Ynet News l'opinione odierna di Ben-Dror Yemini, che io trovo abbastanza convincente, ("Lapid receiving hypocritical backlash for proposing the two-state solution") riguardo alle ultime posizioni di Yair Lapid. Al riguardo, mi piacerebbe conoscere qualche parere da parte degli amici di Informazione Corretta. Grazie per l'attenzione e buon proseguimento.

Sandro Zanchi

 Gentile Sandro, Posso darle la mia opinione che è non ancora molto chiara. Ho letto le parti salienti dell’accordo, definito “storico”, per quanto riguarda il confine marittimo tra Israele e Libano e i giacimenti di gas. Probabilmente è un buon accordo, ce lo dirà il futuro, e io me lo auguro con tutto il cuore soprattutto per il bene nostro. Il mio problema deriva dal fatto che non mi fido di un paese dove fa il bello e il cattivo tempo una delle peggiori organizzazioni terroristiche del M.O. Hezbollah e il capo di Hezbollah, Nasrallah, sono il peggio del peggio e hanno portato quel paese allo sbando. L’esperienza ci dice che tutte le volte che Israele ha fatto delle concessioni per raggiungere una certa tranquillità di vita, è stata tradita. Un esempio su tutti è Gaza. Abbiamo dato agli arabi-palestinesi tutta la Striscia, abbiamo lasciato loro la tecnologia, le serre e tutto l’apparato per creare uno stato palestinese. Il risultato sono stati decine di migliaia di missili contro Israele e lo stato, che da decenni dicono di desiderare, è ancora di là da venire a causa dell’odio che li rode e che impedisce loro di fare alcunché di costruttivo. Alla luce del complicato passato con i nostri vicini, non sono molto ottimista ma mi rifiuto di fare la Cassandra della situazione. Spero che Yair Lapid abbia fatto la cosa giusta per Israele sia sul piano economico che della sicurezza e che si possa un giorno dialogare anche con il Libano. Tutto dipenderà da loro perché Israele ha sempre la mano tesa per la pace. Un cordiale shalom

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT