mercoledi` 10 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Trump e Israele 05/07/2022

La
Donald Trump

Gentile Deborah: non me ne voglia se, alla luce degli ultimi eventi negli USA, ritorno a ribadire le mie considerazioni su Trump. Durante il suo mandato, Israele finalmente ha avuto il riconoscimento delle Alture del Golan, lo spostamento dell'Ambasciata a Gerusalemme, rassicurazioni nella sicurezza di fronte alle minacce dei vicini, in particolare dall'Iran, con cui il governo americano ha rotto ogni rapporto, grazie soprattutto dopo che i servizi segreti israeliani, hanno reso pubblici i documenti che confermavano i piani segreti per realizzare l'atomica. Grandi sono stati, poi, gli Accordi Abramo; un progetto che, ponendo in secondo piano la Questione Palestinese, ha dimostrato che Ŕ possibile normalizzare i rapporti con gli stati arabi. SÓ quanto ho a cuore Israele, ma resto della convinzione, che tali risultati sono da attribuire ai suoi collaboratori, e che il suo merito Ŕ stato quello di accontentarsi dei riflettori durante le firme. Poi sono arrivate le elezioni per il nuovo presidente, e sappiamo le sue interferenze, la scorrettezza a non riconoscere la vittoria di Biden, e subito dopo la sua ombra dietro ai fatti di Capitol Hill. Tralascio le posizioni di Trump sul clima, quelle assurde a favore delle lobby produttori di armi, nonostante gli innumerevoli casi di sparatorie nelle scuole, e mi soffermo sull'ultima sentenza della Corte Suprema in merito all'aborto. Una sentenza che riporta l'America indietro di molti decenni. A subire sono le donne e le coppie che vengono violate nei loro diritti fondamentali. Le scelte etiche e morali in merito all diritto della riproduzione, finora salvaguardate dalle legge laiche del Congresso, sono di fatto cancellate da una sentenza proibizionista e coercitiva. E questo grazie alla nomina di tre giudici conservatori,nominati da Trump durante la fine del suo mandato. Gentile Deborah, non s˛ lei, ma io spero che giÓ dalle prossime scelte del Midterm election, Trump possa uscire dalla scena; se non altro per dare la possibilitÓ a qualche un'altro/a di raccogliere le nuove sfide prossime future che gli USA devono affrontare. Un nome a caso...Nikki Haley. Un abbraccio...

Angelo Di Palma

Gentile Angelo,
Donald Trump Ŕ stato e sarÓ sempre personaggio molto controverso. Per Israele Ŕ stato una vera benedizione dopo anni di presidenti pavidi che facevano promesse inutili ma incapaci di mantenere fede alla parola data. Trump, sicuramente appoggiato dal suo staff, Nikki Haley in testa, dalla figlia e dal genero ha realizzato in un baleno ci˛ che altri promettevano da anni. Quindi dal punto di vista di Israele non posso che dire Viva Trump. Per quanto riguarda gli argomenti importanti che lei pone, mi trova d’accordo sia sull’aborto (per ottenerlo ho lottato duramente all’epoca insieme agli amici radicali) che sulle armi. Ma, come dicevo, Trump Ŕ sempre una sorpresa, nel bene e nel male. Se nella Studio Ovale a Washigton dovesse sedere Nikki Haley, dopo Biden, sarei la persona pi¨ felice del mondo. Un cordiale shalom

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT