lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Gabriel Barouch
IC/Mappamondo
<< torna all'indice della rubrica
IC Mappamondo: Modelli di future aggressioni in Europa da parte della Russia 06/05/2024

IC Mappamondo: Modelli di future aggressioni in Europa da parte della Russia
Analisi di Gabriel Barouch

Vladimir Putin, durante una visita a una base del Caucaso. Una serie di incidenti in Europa è riconducibile al sabotaggio dei servizi speciali russi. Non si tratta di casi isolati nei Paesi Baltici, in Scandinavia e in Germania, ma sono parte di un piano più vasto di operazioni segrete che coinvolge tutta l'Europa.

Sembra che siano poche le parti d’Europa per non essere obiettivi di aggressione russa. 

In Germania, all’ inizio di aprile, due persone sospettate di pianificare attacchi per conto della Russia sono state arrestate, con una serie di obiettivi tra cui basi militari statunitensi. 

In Lituania, Mosca ha utilizzato reti criminali organizzate per eliminare fisicamente esponenti dell’opposizione.

In Inghilterra,  è stato arrestato con l’accusa  di incendio doloso contro un'azienda ucraina un presumibilmente reclutato per agire per il gruppo mercenario Wagner. Il sospettato dovrà affrontare un processo ai sensi del nuovo National Security Act del Regno Unito, primo caso della nuova legislazione votata per reprimere agenti stranieri.

In Svezia la polizia sta indagando su un possibile sabotaggio dietro i ripetuti deragliamenti ferroviari nell’estremo nord del paese, e i servizi di sicurezza estoni hanno registrato intensificati sforzi russi per reclutare cittadini locali per attaccare il proprio governo.

Ma questi casi non vanno visti come episodi isolati. 

Una campagna di sabotaggio russa molto più ampia e grave si sta estendendo a tutta l’Europa.
Ancora più inquietante, i modelli di comportamento corrispondono alle previsioni di ciò che la Russia tenterà di fare prima di un conflitto aperto con la NATO.

Il reclutamento di delegati per effettuare sabotaggi è solo uno dei modi in cui la Russia sta già attaccando l’Europa.

La Polonia è un obiettivo particolare. I punti logistici chiave per la consegna delle forniture all’Ucraina sono di evidente interesse per la Russia.

Tra gli arresti da parte delle autorità polacche figura un uomo che stava effettuando una ricognizione sulle misure di sicurezza presso l'importante aeroporto di Rzeszow, apparentemente con l'intento di favorire un tentativo di assassinio del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.

La Polonia ha anche bloccato una rete di agenti russi istituita per la ricognizione e il sabotaggio della rete ferroviaria del paese.

Modelli simili sono evidenti nella guerra elettronica russa che interrompe i voli nella regione del Mar Baltico, un'area europea in espansione che sta diventando sempre più grave.

A marzo  la Russia aveva disturbato i segnali satellitari che interessavano un aereo che trasportava il segretario alla Difesa britannico Grant Shapps di ritorno dalla Polonia.  

Il Mar Baltico è ben lungi dall’essere un “lago della NATO”, che deve rafforzare le proprie difese.
Gli aerei nella regione corrono da tempo il rischio di tali interferenze.  Alcuni sistemi di navigazione non sono disponibili sul Mar Baltico e sul Mar Nero.

Anche nella Norvegia settentrionale il blocco del GPS da parte dei russi non solo disturba quotidianamente il traffico aereo, ma ostacola anche il lavoro della polizia e i servizi di emergenza.

Ciò non significa che volare in Europa non sia sicuro. Gli aerei di linea sono ancora in grado di utilizzare una serie di sistemi di fallback, ma alcuni dei sistemi integrati per garantire una navigazione sicura e evitare collisioni non sono più disponibili.

Un altro problema si pone per gli aeroporti che fanno affidamento sui servizi basati su GPS ( GeoPositioningSystem), in quanto l’atterraggio diventa impossibile e i voli devono deviare o addirittura ritornare al punto di partenza.

Le compagnie aeree sono comprensibilmente caute nel richiamare l’attenzione su un problema che alcuni passeggeri potrebbero considerare compromettente per la loro sicurezza,  il che ha contribuito a far sì che il problema venga sottostimato. Tuttavia, i costi economici e i livelli di disagi sono elevati e in aumento.

I voli tra la Finlandia e l'Estonia sono stati ripetutamente abbandonati e sono ora sospesi, a partire dalla fine di aprile. Il crescente impatto delle cancellazioni dei voli e degli atterraggi interrotti è un costo direttamente attribuibile all’azione russa. Ma l’inazione occidentale significa che Mosca può stare tranquilla.

Anche in mare, la "flotta fantasma" di Mosca, composta da navi con proprietari misteriosi, assicurazioni sospette e immatricolazioni agisce in luoghi come lo Swaziland (un paese senza sbocco sul mare  e quindi non è tradizionalmente marinaro), è stata impegnata nell'elusione delle sanzioni e nello spionaggio intorno all'isola baltica di Gotland, da tempo riconosciuta come un'isola chiave e obiettivo per la sua importanza per il controllo del traffico marittimo e aereo nella regione.

Le navi della regione hanno segnalato alla fine di aprile un’ondata di interruzioni del GPS, indicando che la dirompente guerra elettronica proveniente dalla Russia ha accelerato la marcia e ora sta influenzando il traffico marittimo di superficie.

Ancora una volta, quello che sembra essere un problema localizzato ha impatti immediati più ampi in termini di disagi e maggiori costi di spedizione e tariffe assicurative, nonché le implicazioni a lungo termine di ciò che la Russia potrebbe prepararsi a fare.

Se non viene fatto nulla, il passo logico successivo è che Mosca tenti di bloccare il GPS per il traffico stradale. Con milioni di sistemi di navigazione dipendenti dai servizi di localizzazione GPS, ciò potrebbe seminare il caos sulla terraferma in tutta la regione baltica.

Tutti questi esempi dimostrano come l’azione ostile della Russia si stia gradualmente rafforzando perché nessuno è disposto o in grado di affrontarla. La Russia allarga così  i propri confini non essendoci nessuna  azione da parte dell’Occidente.

Ma potrebbe esserci altro in cantiere. Nel 2020, un agenzia svedese ha definito la tattica A2AD, o anti-access/area denial – in altre parole, su come, in caso di guerra, la Russia potrebbe cercare di impedire  un intervento della NATO.

Modi in cui la Russia potrebbe immobilizzare l’Europa anche prima di un conflitto, senza sparare un colpo. Ciò che è allarmante ora è che molti dei metodi descritti – tra cui il disturbo del GPS, il sabotaggio, i proxy locali e molto altro – sono già in atto in tutta Europa e nel Regno Unito.


Gabriel Barouch


(Copyright/ tutti i diritti riservati 2024)


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT