lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Gabriel Barouch
IC/Mappamondo
<< torna all'indice della rubrica
IC Mappamondo: Chi c’è dietro le varie proteste studentesche pro Palestina negli USA 27/04/2024

IC Mappamondo: Chi c’è dietro le varie proteste studentesche pro Palestina negli USA
Analisi di Gabriel Barouch


Howard Horowitz

Sulla scia del 7 ottobre, l’aumento esponenziale della violenza antisemita, dell’incitamento, dell’intimidazione e delle molestie all’interno e nei dintorni dei campus degli Stati Uniti non è il prodotto di proteste spontanee di individui. Piuttosto, sono strettamente coordinati e ben finanziati da una rete di organizzazioni non governative:
-(ONG) estremiste e spesso antisemite, tra cui Students for Justice in Palestine (SJP), Jewish Voice for Peace (JVP), Within Our Lifetime, US Campaign per i diritti dei palestinesi e Samidoun. Con il pretesto di diritti umani e giustizia, queste ONG lavorano per indebolire i legami economici, militari e di altro tipo tra Stati Uniti e Israele, e per assediare e dividere la comunità ebraica statunitense.Tutti questi gruppi hanno sostenuto e giustificato il massacro del 7 ottobre, così come altri attacchi. Molte delle ONG della rete sono direttamente collegate alle organizzazioni terroristiche palestinesi designate.

Una caratteristica comune di tutte queste ONG è la struttura e i finanziamenti non trasparenti.

 Studenti per la Giustizia in Palestina (SJP) - fondata nel 1993 presso l'UC Berkeley

 Il SJP, in diverse forme, è l’organizzazione universitaria più direttamente responsabile della creazione di un ambiente universitario ostile, saturo di programmi ed eventi di propaganda anti-israeliana, iniziative BDS e intimidazioni. Ciascun capitolo del SJP afferma di operare in modo indipendente, sebbene le prove dimostrino uno stretto coordinamento e risorse condivise, apparentemente coordinate attraverso l’amorfa struttura nazionale del SJP. .

Nell’ottobre 2023, all’indomani del brutale attacco di Hamas, SJP ha pubblicato una dichiarazione in cui definisce la violenza una “vittoria storica per la resistenza palestinese”. L’SJP ha inoltre affermato: “Questo è ciò che significa liberare la Palestina: non solo slogan e manifestazioni, ma confronto armato con gli oppressori”.

La National SJP e le sue numerose filiali, non sono registrate come organizzazioni no-profit 501 e le loro strutture e processi operativi non sono trasparenti. Non sono soggetti alle leggi che richiedono l’informativa finanziaria. Le piccole somme distribuite dai governi studenteschi per club come SJP non corrispondono alla portata delle attività.


Il fondatore dell'SJP Hatem Bazian è anche il co-fondatore di American Muslims for Palestine (AMP).
Secondo AMP, “Lavoriamo anche in coalizioni ad ampia base e sosteniamo l’attivismo universitario attraverso Studenti per la Giustizia in Palestina”. Si sa poco dei donatori dell’AJP, che hanno riportato 1,7 milioni di dollari di entrate e 1,2 milioni di dollari di spese nel 2021.

Finanziamenti non trasparenti: la WESPAC Foundation, un'organizzazione con sede a Westchester, New York, registrata presso l'IRS come organizzazione no-profit , funge da sponsor fiscale per National SJP.
La WESTPAC è guidata da Howard Horowitz, un ex ebreo ortodosso diventato antisionista in Israele, è il fulcro finanziario di Within Our Lifetime, National SJP e altri.
La posizione filo-palestinese di Horowitz trova eco nel direttore esecutivo e dipendente unico della Wespac, Nada Khader, che ha radici palestinesi e parenti in Cisgiordania e Israele, secondo la pubblicazione locale Lohud.
Wespac conduce da tempo una campagna a sostegno dei palestinesi e della campagna anti-israeliana di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni.

Una delle strade principali attraverso le quali la Wespac aiuta l’attivismo filo-palestinese è attraverso le sue sponsorizzazioni fiscali. L’Anti-Defamation League ha affermato in un rapporto del 2022 che la Wespac ha sponsorizzato un totale di 15 gruppi legati al conflitto israelo-palestinese, molto più che per qualsiasi altra causa. Non è chiaro quanti gruppi sponsorizzi in totale.

VPJ si definisce “l’ala ebraica” del movimento di solidarietà palestinese e come “ebrei contro il sionismo”, nonostante il fatto che molti dei suoi attivisti non siano ebrei. Il suo obbiettivo è quello di creare “un cuneo” all’interno della comunità ebraica americana, lavorando allo stesso tempo per eliminare gli aiuti economici, militari e politici degli Stati Uniti a Israele.

Una componente importante della strategia di JVP è sfruttare l’etichetta “ebraica” per deviare le prove di palese antisemitismo all’interno delle campagne anti-israeliane.

Le attività e la retorica anti-israeliane e antisemite di JVP includono le diffamazioni di "apartheid" e "genocidio", la giustificazione della "resistenza" palestinese (eufemismo per il massacro di massa del 7 ottobre), l'abbraccio ai terroristi e la promozione di cliché antisemiti come una vignetta che raffigurava israeliani soldati che bevono con gioia il sangue dei palestinesi morti.

Finanziamenti non trasparenti: riportando un budget di 3 milioni di dollari nel 2021, Jewish Voice for Peace non è trasparente riguardo alle sue fonti di finanziamento.

Within Our Lifetime (WOL) – noto come Students for Justice in Palestine, New York fino al 2019

Diretto da Nerdeen Kiswani, co-fondatore ed ex presidente di SJP-NYC.

Abdullah Akl, un organizzatore di WOL, ricopre anche il ruolo di Direttore del patrocinio e dell'impegno civico per la Muslim American Society.

Secondo una memoria legale dei procuratori federali, il MAS “è stato fondato come braccio dei Fratelli Musulmani in America”.

Fatima Mohammed, un’attivista del WOL, ha guidato il capitolo SJP della facoltà di giurisprudenza della CUNY.

Nel maggio 2023, Mohammed ha tenuto un discorso di apertura alla facoltà di giurisprudenza della CUNY chiedendo una “rivoluzione” contro le istituzioni “oppressive” americane e invitando la sua classe di laurea ad “alimentare la lotta contro il capitalismo, il razzismo, l’imperialismo e il sionismo in tutto il mondo”. Durante il discorso, Mohammed ha anche espresso il suo sostegno alla Fondazione Terra Santa


Gabriel Barouch


(Copyright/ tutti i diritti riservati 2024)


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT