domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Gabriel Barouch
IC/Mappamondo
<< torna all'indice della rubrica
Una “realpolitik” che avvicina l'Ue a Israele 17/06/2023
Una “realpolitik” che avvicina l'Ue a Israele
Analisi di Gabriel Barouch
 
Ucraina nella Nato? Cosa si dice nei Paesi occidentali - Startmag
Volodymyr Zelensky con il segretario Nato Stoltenberg
 
Con la guerra in Ucraina molti paesi europei hanno preso in considerazione di destinare una parte importante del PIL (circa il 2 per cento nel caso della Germania - 10 miliardi di Euro nel 2024) per la difesa. Prima un aspirazione teorica, ora realtà politica nei paesi membri della NATO. Recentemente Germania e Israele hanno portato avanti il ​​più grande accordo di esportazione della difesa israeliano mai realizzato (l'acquisto del sistema antibalistico israeliano Arrow-3 ) per una somma di 3.5 miliardi di euro; La Finlandia il primo paese europeo ad acquisire il sistema di difesa aerea israeliano David's Sling; i Paesi Bassi hanno firmato un contratto con Elbit Systems da 305 milioni di dollari; L'Estonia sta acquistando droni israeliani in un accordo del valore di oltre 100 milioni di euro. Questi sono solo alcuni dei titoli apparsi sui media israeliani negli ultimi mesi, che riflettono un significativo sviluppo delle relazioni di sicurezza di Israele con l'Europa. Con la guerra in Ucraina continua e la minaccia russa persiste, i paesi europei stanno aumentando i loro budget per la difesa e Israele ne sta beneficiando e non solo finanziariamente. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha ordinato al suo governo di schierare la prima unità operativa del sistema Arrow 3 sul suolo tedesco nel 2025.
 
Iron Dome Air Defense System Trumpeter 01092
Il sistema di difesa antimissile Iron Dome
 
Il sistema è progettato per proteggere dalle minacce balistiche delle testate convenzionali e non convenzionali. La Finlandia ha aderito ufficialmente alla NATO ad aprile e la Svezia dovrebbe aderire nelle prossime settimane, previa approvazione della Turchia. Mentre la Svezia è un importante produttore di armi, l'israeliana Elbit ha deciso di aprire i propri uffici nel paese. All'inizio di quest'anno, Elbit ha anche annunciato un accordo del valore di 48 milioni di dollari per vendere veicoli di comunicazione mobile all'esercito svedese. Dopo l'adesione alla NATO, il budget per la difesa della Svezia dovrebbe crescere da circa 7 miliardi di dollari l'anno scorso a oltre 8 miliardi di dollari nel 2023, e il nuovo governo di centrodestra del paese si aspetta un altro aumento l'anno prossimo. Anche i paesi dell'Europa meridionale vicini al fronte ucraino stanno aumentando i loro budget per la difesa, creando così nuove opportunità per le compagnie israeliane di intervenire. La Romania, ad esempio, che confina a sud con l'Ucraina ed è anch'essa preoccupata dalla possibilità che un altro i suoi vicini, la Moldavia, saranno presi di mira dai russi in futuro, hanno acquistato una varietà di sistemi da Elbit a marzo per centinaia di milioni di dollari. Fonti israeliane hanno anche affermato che il più grande cambiamento può essere visto nei paesi che affrontano una minaccia significativa dalla Russia. L'Estonia, il paese più piccolo della regione baltica, ha cambiato lo scorso anno il suo modello di voto sulle questioni relative a Israele alle Nazioni Unite.
 
Il ministro degli Esteri estone ha aggiunto che nei casi in cui non vi è alcuna richiesta per i membri dell'UE di votare in blocco, l'Estonia aderirà al modello di voto filo-israeliano di Washington. L'Estonia ha anche recentemente firmato una serie di accordi con Israele, resi possibili aumentando il suo budget per la difesa da 400 milioni a 600 milioni di euro all'anno. Un altro paese baltico che gode di strette relazioni con Israele è la Lituania, il cui primo ministro ha visitato Israele e ha incontrato il primo ministro Benjamin Netanyahu. Il più grande affare di armi della storia della Lituania che ha coinvolto l'appaltatore della difesa israeliano Rafael, ha creato una crisi tra Gerusalemme e Vilnius che è stata risolta solo dopo che sono stati coinvolti alti funzionari israeliani. Da allora, le relazioni tra i paesi sono state ripristinate. Uno dei motivi della recente visita del primo ministro Ingrida Shimonita in Israele è stato quello di esaminare ulteriori accordi tra i paesi. Il ministero della Difesa israeliano ha pubblicato dati del che mostrano che il 2022 e stato un anno record con aumento significativo delle esportazioni verso i paesi europei, per un valore di circa 3,6 miliardi di dollari oltre al aumento delle esportazioni verso i paesi dell’”Accordo di Abramo” (es Marocco, UAE) Quando la Russia ha invaso la penisola di Crimea nel 2014 , i membri della NATO hanno annunciato che avrebbero stanziato il 2% del PIL pro capite per le esigenze di difesa, ma questa è diventata una politica concreta solo ora come si evince. "L'Europa ha vissuto in pace fino al 24 febbraio 2022", ha detto Haim Regev, ambasciatore di Israele presso le istituzioni Ue a Bruxelles. "Si sono svegliati quella mattina con una diversa comprensione della situazione." Funzionari israeliani ed europei affermano che questa comprensione condivisa si riflette non solo nella serie di accordi militari e di sicurezza tra i paesi, ma anche in altri aspetti. "Aumenta il valore delle buone relazioni con Israele". "Nessun governo europeo ritirerà il suo sostegno alla soluzione dei due Stati o inizierà a sostenere gli insediamenti a causa di un accordo di difesa. Ma questo significa che quando i leader parlano, l'occupazione non è necessariamente la prima problema da sollevare", ha aggiunto un diplomatico. "L'Europa è più aperta agli argomenti di realpolitik e pragmatismo dopo l'Ucraina. Non è che abbiano smesso di parlare dei palestinesi, ma ora ci sono più questioni da discutere, e capiscono che su alcune di queste questioni, Israele può anche contribuire alla loro sicurezza."
 

Gabriel Barouch

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT