domenica 21 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Gabriel Barouch
IC/Mappamondo
<< torna all'indice della rubrica
Israele accerchiata da ragnatele di accordi diplomatici 16/06/2023
Israele accerchiata da ragnatele di accordi diplomatici
Analisi di Gabriel Barouch
 
Putin's visit to the Islamic Republic: Bringing Iran closer to Russia while  building long-term leverage over Tehran | Middle East Institute
Vladimir Putin con l'iraniano Raisi
 
Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha tenuto una riunione “prove” di guerra del suo gabinetto di sicurezza in un bunker mentre le comunità nel nord di Israele stanno preparando rifugi per un conflitto a lungo termine e i militari stanno facendo gli straordinari su un nuovo sistema laser per intercettare i razzi. Il loro obiettivo è l'Iran e le sue ambizioni nucleari. Per anni, Israele ha visto un Iran dotato di armi nucleari come una minaccia esistenziale e ha diretto le sue energie per affrontare l'Iran e i suoi delegati regionali in Siria, Libano e Territori palestinesi. Ma ci sono state molte novità negli ultimi mesi. L'Iran è uscito dall'isolamento diplomatico, ha forgiato un'importante alleanza militare con la Russia, dalla quale ha cercato un sistema di difesa aerea, ha ripristinato i rapporti diplomatici con l'Arabia Saudita e ha spinto il suo alleato a lanciare missili contro Israele. Sta inoltre arricchendo quantità crescenti di uranio, comprese piccole quantità vicine all'uranio per armi, mentre nega qualsiasi piano per fabbricare una bomba. Tutti questi sviluppi, uniti alla crisi politica in Israele innescata dai tentativi di Netanyahu di riformare la magistratura, hanno spinto il governo di Gerusalemme a lanciare avvertimenti quotidiani, facendo sapere a tutti che non esiterà ad agire, anche da solo. , se ritiene che la minaccia dall'Iran sia abbastanza grande. Le persone che conoscono il paese hanno affermato che mentre c'era un elemento di atteggiamenti pubblici, c'erano anche intenzioni serie. "L'Iran sta rafforzando le sue difese, il che significa che Israele potrebbe perdere un'opportunità di attaccare", ha detto Dennis Ross, ex inviato speciale della Casa Bianca per il Medio Oriente. "Come qualcuno che ha studiato questo problema e ha parlato a lungo con gli israeliani, una delle cose in cui credo personalmente è che non si lasciano mai perdere le loro opzioni. Non devi aspettare un minuto prima di mezzanotte. I funzionari israeliani sollevano l'argomento ovunque vadano. "L'Iran minaccia il mondo. Vogliono costruire una bomba per usarla. Forse siamo i numeri uno, ma non siamo gli unici", ha detto di recente il ministro dell'Economia israeliano Neil Barkat a un noto canale televisivo a New York. Ma la capacità di Israele di colpire con decisione è discutibile, soprattutto se agisce da solo piuttosto che a fianco degli Stati Uniti, che affermano di volere una soluzione diplomatica al programma nucleare iraniano.
 
 
 
Washington e Teheran hanno smentito le recenti notizie secondo cui stanno tranquillamente esplorando un nuovo accordo nucleare, anche se l'Iran ha dichiarato questa settimana che i due erano vicini a un accordo sullo scambio di prigionieri. Netanyahu ha respinto la posizione degli Stati Uniti sull'Iran, dicendo a Sky News che "la diplomazia può funzionare solo se combinata con una minaccia militare credibile". Esperti osservatori israeliani dubitano che Netanyahu darebbe un ordine di attaccare l'Iran. Secondo Esfandiary, consulente senior per il Medio Oriente presso l'International Crisis Group, ribadisce che Netanyahu sta distogliendo l'attenzione dai suoi problemi interni, in particolare dalla rabbia diffusa per i piani per indebolire la magistratura. "Quando tutto è incasinato all'internamente, è meglio ribadire che hai un nemico all'esterno" Ma anche gli oppositori di Netanyahu dicono di sostenerlo sull'Iran. "A questo punto, non c'è nessuna coalizione o opposizione in Israele", ha detto di recente il leader dell'opposizione Yar Lapid a New York. "Tutti sono sulla stessa nota." "L'accordo saudita-iraniano sta aiutando gli iraniani a sentirsi più forti", ha detto Nagel, ex consigliere per la sicurezza nazionale israeliana. "Gli iraniani stanno dando i soldi, l'addestramento, le istruzioni e le armi per spingere Israele in uno scontro su più fronti". Gli aerei da guerra israeliani hanno distrutto un reattore nucleare iracheno nel 1981 e uno siriano nel 2007 - e si parla di fare lo stesso con l'Iran. Israele è andato vicino a farlo due volte prima sotto Netanyahu. Nel 2010 il suo gabinetto di sicurezza interno, sostenuto dall'establishment della difesa, lo ha tirato indietro e nel 2012 gli Stati Uniti ne hanno parlato. Il gabinetto di sicurezza di oggi è più aggressivo. L'intensa preparazione, allora come oggi, serve come strumento di messaggistica, per persuadere gli Stati Uniti e l'Iran che Israele fa sul serio e per rallentare o fermare l'arricchimento dell'uranio iraniano e la produzione di missili. Un attacco all'Iran potrebbe sconvolgere i mercati petroliferi e trasformarsi in una conflagrazione regionale, colpendo stati come l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, nonché le rotte marittime attraverso il Golfo. Potrebbe anche innescare un massiccio contraccolpo contro Israele, anche da parte di Hezbollah e Hamas sostenuti dall'Iran. Hezbollah, un gruppo libanese che si pensa abbia più di 100.000 missili, può reagire per scatenare un conflitto brutale, secondo Bradley Bowman, un ex ufficiale dell'esercito americano che lavora per la Foundation for Defense of Democracies, che sostiene un'azione più decisa contro l'Iran. "Se solo una parte di quell'arsenale fosse impiegata contro Israele, c'è il pericolo che le sue difese possano essere sopraffatte", ha detto Bowman. Anche il rafforzamento dei legami militari dell'Iran con la Russia è fonte di allarme in Israele. L'Iran ha fornito droni e, in cambio, ha cercato l'aiuto russo nella difesa aerea e nello sviluppo missilistico. Israele ha inviato funzionari di alto livello a Mosca a maggio chiedendo alla Russia di astenersi. Il crescente potenziale di un attacco israeliano ha sconvolto altri nella regione. Fino allo scorso anno, l'Arabia Saudita ha subito una serie di attacchi di droni e missili contro il petrolio e altre strutture rivendicate dalle milizie Houthi sostenute dall'Iran nello Yemen. I sauditi hanno visto un accordo mediato dalla Cina con l'Iran come un modo per "ridurre le tensioni con i loro vicini e concentrarsi sullo sviluppo", ha affermato Riad Kahwagi, fondatore di INEGMA, un gruppo di ricerca sulla sicurezza con sede a Dubai. Un effetto positivo del riavvicinamento iraniano-saudita, secondo diversi funzionari israeliani, è che gli Stati Uniti si sono sentiti minacciati dal ruolo della Cina e hanno intensificato i propri sforzi per riconciliarsi con Riyadh. Ciò potrebbe aiutare Israele nel suo grande obiettivo: le relazioni diplomatiche con l'Arabia Saudita. Sia Israele che Washington considerano un accordo saudita-israeliano un premio chiave, che potenzialmente rafforza la sicurezza israeliana e scoraggia l'Iran da qualsiasi attacco diretto. Tuttavia, le autorità saudite hanno affermato pubblicamente che uno stato palestinese indipendente - che secondo Netanyahu è molto improbabile che accada presto - è una precondizione. In privato, hanno anche detto agli Stati Uniti che vogliono garanzie di difesa e sicurezza, accesso ad armi di prim'ordine e aiuto allo sviluppo delle proprie riserve di uranio. Per ora, Israele è sempre più concentrato su un possibile scontro militare. Da quando l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato da un accordo nucleare tra l'Iran e le potenze mondiali nel 2018, Teheran ha accelerato la lavorazione dell'uranio. Il guardiano dell'energia atomica delle Nazioni Unite, l'Agenzia Internazionale per l'energia atomica, ha recentemente rilevato una piccola quantità arricchita a livelli di purezza dell'84%, leggermente al di sotto del grado del 90% tipicamente utilizzato per le armi. Alla fine di maggio, l'agenzia ha minimizzato il tutto, accettando la spiegazione dell’Iran, secondo cui si trattava di un sottoprodotto accidentale; l’ennesimo esempio di isolamento di Israele a livello internazionale.
 

Gabriel Barouch

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT