giovedi` 25 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Europa/Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
L’uso indiscriminato di un diritto porta all’ingiustizia 20/05/2024

L’uso indiscriminato di un diritto porta all’ingiustizia
Commento di Michelle Mazel
(Traduzione di Yehudit Weisz)
https://www.dreuz.info/2024/05/lexces-de-droit-mene-a-linjustice-298580.html

Hezbollah continua ad attaccare Israele dal Libano, così come gli Houthi dallo Yemen e anche Hamas, dalle basi che gli restano. Dal pogrom del 7 ottobre è in corso una guerra di aggressione contro Israele orchestrata dall'Iran. Possibile che la giustizia internazionale persegua solo Israele (che si sta difendendo)? Possibile che pensi solo alle sofferenze del popolo palestinese, un popolo che festeggiava l'uccisione degli ebrei il 7 ottobre? 

Summum jus Summa injuria (Cicerone).

Israele è sotto attacco da quasi otto mesi. Mentre i sanguinari terroristi di Hamas compivano i loro abomini entro i confini internazionalmente riconosciuti di Israele, l'organizzazione terroristica lanciava centinaia di missili contro questo Paese. Non è stato quindi lo Stato ebraico a prendere l'iniziativa di questa guerra, a quanto pare per vendetta. Come non è stato lui a decidere di aprire un secondo fronte al nord, bensì Hezbollah, altra organizzazione terroristica al soldo dell'Iran. Gli Houthi nello Yemen, finanziati dall’Iran, hanno aperto un terzo fronte “per solidarietà”. Infine, gli Ayatollah di Teheran hanno lanciato una profusione di missili di ogni tipo per colpire lo Stato ebraico.  All'Aja, invece, ai venerabili giudici in costumi d'altri tempi, non importa nulla di queste gravi violazioni del diritto internazionale, del diritto di guerra e del diritto umanitario.

Il ruolo dell’Iran, un Paese che sul proprio territorio non rispetta i diritti umani, nè quelli delle donne, che  imprigiona e tortura i propri cittadini, non merita il loro intervento. Evidentemente, direte, non si è trovato nessuno Stato che sporgesse denuncia contro questo Stato che non esita a inviare i suoi sicari per eliminare gli oppositori all'estero. No, il bersaglio della Corte Internazionale di Giustizia è Israele e solo Israele. Per la cronaca, istituita nel giugno del 1945 dalla Carta delle Nazioni Unite, la Corte Internazionale di Giustizia, con sede all'Aia nei Paesi Bassi, è il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite. È composta da quindici giudici, eletti per un mandato di nove anni dall'Assemblea Generale e dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Non penso che questa sia una garanzia di obiettività. Nel caso specifico, la Corte Internazionale di Giustizia è intervenuta su richiesta del Sudafrica, che accusa Israele di genocidio.

Oggi essa vorrebbe intimare a Israele il cessate il fuoco nella Striscia di Gaza e di smettere di difendersi da un'organizzazione che continua ad attaccarlo.

Abbiamo capito: fin dall’inizio di questo confronto voluto e avviato dall’Iran e dai suoi satelliti, si è posta solo la questione del destino delle popolazioni civili della Striscia di Gaza. Popolazioni che tuttavia avevano esaltato a gran voce le atrocità del 7 ottobre alle quali molti avevano partecipato.

E gli israeliani morti e feriti? Le decine di migliaia di famiglie costrette a lasciare le proprie case, i villaggi devastati ancora sotto il fuoco dei razzi? Tutto questo non ha nessuna importanza!

E gli ostaggi? Coloro che aspettano disperatamente di essere rilasciati? E quelli che sono stati torturati e assassinati, le cui spoglie “abbandonate senza lacrime e senza sepoltura?”

Immagine correlata
Michelle Mazel


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT