giovedi` 25 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Europa/Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Armi americane, istruzioni per l’uso 13/05/2024

Armi americane, istruzioni per l’uso
Commento di Michelle Mazel
(traduzione di Yehudit Weisz)
https://www.dreuz.info/2024/05/armes-americaines-mode-demploi-298211.html

Joe Biden minaccia ancora di non fornire più armi ad Israele, se viola i diritti umani. In passato le hanno vendute a regimi che violano i diritti umani e tuttora lo fanno con i paesi arabi del Golfo. E le stesse restrizioni umanitarie non si applicano sempre all'esercito americano con lo stesso rigore.

Lo Stato ebraico combatte oggi su due fronti: a sud il movimento terroristico Hamas che detiene ancora 132 ostaggi vivi o morti e che continua a lanciare i suoi missili sulle città israeliane; gli abitanti dei kibbutz e dei villaggi devastati non possono tuttora tornare nelle loro case. A nord, Hezbollah, un altro movimento terroristico, armato e finanziato dall'Iran, bombarda incessantemente la popolazione civile “in nome della solidarietà con Hamas.”  Anche qui decine di migliaia di residenti sono stati costretti ad abbandonare le proprie case e a vivere ormai da sette mesi in abitazioni precarie. Ciò non ha impedito alla Casa Bianca di annunciare che le prossime consegne di armi, e in particolare di bombe, così crudelmente necessarie, saranno temporaneamente sospese. Gli americani temono infatti che possano essere utilizzate nell'intervento militare in corso a Rafah, causando numerose vittime civili; allo stesso tempo un rapporto del Dipartimento di Stato americano segnala un possibile utilizzo a Gaza di armi fornite dagli Stati Uniti in violazione delle regole stabilite dal Congresso. Si noti che secondo i dati pubblicati oggi a Gaza, in sette mesi di guerra ci sono stati 34.000 morti – civili e “combattenti” messi insieme senza alcuna distinzione. L'esercito israeliano dichiara l'eliminazione di 15.000 terroristi di Hamas. Teniamo presente che la popolazione di Gaza è stimata a poco più di due milioni.

Sappiamo che se gli Stati Uniti sono tra i maggiori produttori ed esportatori di armi al mondo, non tutti le acquistano. Occorre mostrare le credenziali ed essere pronti a dimostrare, prove alla mano, che queste armi non vengono utilizzate in violazione del diritto umanitario internazionale. Una clausola supplementare aggiunta dal presidente Biden a febbraio, non si deve porre alcun ostacolo all'ingresso di eventuali aiuti umanitari. Va chiarito che il “diritto internazionale” non esiste in quanto tale. Si tratta di un insieme di norme internazionali di origine abitudinaria e convenzionale che, per ragioni umanitarie, cercano di limitare gli effetti dei conflitti armati. Protegge le persone che non partecipano o non partecipano più al combattimento e limita i mezzi e i metodi della guerra. In linea di principio si applica quindi solo alle guerre e alle zone di conflitto. 

Nel 2022 gli Stati Uniti hanno venduto armi per poco più di due miliardi di dollari al Kuwait, per 300.000 dollari all’Arabia Saudita e per la stessa cifra al Qatar. Il che suggerisce che per Washington la questione dei diritti umani (e delle donne) non viene presa in considerazione.

Ad ogni modo, spicca il fatto che le restrizioni imposte dal Congresso sull'uso delle armi vendute non si applicano all’esercito americano. Quest’ ultimo può quindi bombardare le popolazioni civili – con la bomba atomica come a Hiroshima e Nagasaki – o con il napalm come in Vietnam. Interrogato in questi giorni dalla senatrice repubblicana Lindsay Graham sull'uso della bomba atomica, il Capo di Stato Maggiore delle forze armate degli Stati Uniti, Charles Quinton Brown Jr. ha risposto semplicemente: “Essa ha fermato la guerra.”

Immagine correlata
Michelle Mazel


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT