sabato 20 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Europa/Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Il mondo volta le spalle agli ostaggi 07/02/2024

Il mondo volta le spalle agli ostaggi
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)
 


I volti di alcuni degli ostaggi ancora nelle mani degli stupratori di  Hamas

Da quanto tempo dura? Un mese ? Due mesi ? Tre ? Quattro ? Chi conta ancora i giorni? Chi si azzarda ad affiggere nuovi poster con la foto e il nome degli ostaggi israeliani? Ma soprattutto, chi cerca di fare qualcosa per fermare la lenta agonia di questi bambini, di queste donne, di questi uomini strappati alle loro case e detenuti in condizioni disumane? Quali pressioni vengono esercitate sulla Croce Rossa affinché essa si decida finalmente a compiere la sua missione? Abbiamo già dimenticato che alcune settimane fa Israele aveva condizionato l'ingresso massiccio di medicinali a Gaza, alla fornitura agli ostaggi dei medicinali di cui avevano tanto bisogno e che erano stati consegnati a tale scopo alla Croce Rossa. Israele aveva ricevuto garanzie in merito. Gli abitanti di Gaza hanno ricevuto le loro medicine. Gli ostaggi stanno ancora aspettando.  Dove sono gli editoriali scandalizzati, le condanne? Ci alleggeriamo la coscienza fingendo di credere che i negoziati di Parigi daranno frutti. Vuol dire che conosciamo male la realtà. Il Qatar e l’Egitto sono certamente in grado di esercitare forti pressioni su Hamas, ma bisogna ammettere che questi due Paesi non sembrano prendere sul serio il loro compito e si accontentano di svolgere il ruolo di postino, senza cercare di rendere più realistiche le pretese del movimento terrorista. Quello che ha caratterizzato questi negoziati, consisteva principalmente in una maggiore pressione esercitata dagli USA sullo Stato ebraico, costretto a fare concessioni o addirittura a fermare la guerra. Il Presidente Joe Biden che è in corsa per una rielezione che si configura difficile, sa bene che il suo sostegno a Israele è ben lungi dal ricevere un’approvazione unanime tra le fila del partito democratico e rischia di costargli dei voti se non addirittura la presidenza. Allora la Casa Bianca richiede, per non dire esige, un costante aumento di aiuti umanitari, sapendo bene che la maggior parte verrà sottratta da Hamas che se ne servirà per rafforzare la sua influenza sulla popolazione. E’ tutto il contrario di ciò che sarebbe necessario fare per costringere l’organizzazione ad allentare la sua morsa. E poi poco per volta il ricordo del 7 ottobre si affievolisce. Del resto, secondo i sondaggi, sono in molti a non crederci, in Medio Oriente certamente, ma non solo. In ogni caso, il mondo ne ha abbastanza di questo conflitto le cui ripercussioni sono inquietanti. E’ arrivato il momento di spegnere questo incendio. Si pretende che Israele smetta di combattere o, meglio ancora, che si ritiri dalla Striscia di Gaza. Ciò, si spera, porrebbe fine alla minaccia che grava sul Libano, Paese caro alla Francia, e ridurrebbe i rischi di attentati terroristici ai Giochi Olimpici di Parigi. La fine delle ostilità spingerebbe gli Houthi dello Yemen a non prendere più di mira le navi che navigano nel Mar Rosso. Il traffico marittimo potrebbe quindi riprendere normalmente; l’impatto economico catastrofico dei costi aggiuntivi si attenuerebbe gradualmente. E gli ostaggi? Ah, quello è un problema delle autorità di Gerusalemme.

Michelle Mazel
Michelle Mazel

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT