lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Michelle Mazel
Europa/Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
La verità sulla gente di Gaza 22/01/2024

La verità sulla gente di Gaza
Analisi di Michelle Mazel

(traduzione di Yehudit Weisz)
 

Bandiera Unrwa e bandiera senza Israele, insieme

Non illudiamoci: gli abitanti della Striscia di Gaza hanno accolto con entusiasmo gli eventi del 7 ottobre. Le immagini di centinaia di abitanti di Gaza che torturano, violentano, massacrano civili israeliani e danno fuoco alle loro spoglie sono state filmate dagli stessi perpetratori, poi trasmesse e ritrasmesse sui social network arabi. Un giovane aveva telefonato con orgoglio ai suoi genitori per annunciare trionfante che era coperto del sangue dei dieci “sionisti” che aveva ucciso.  I suoi genitori si sono congratulati con lui. Poi, quelli che devono essere descritti come terroristi assetati di sangue se ne sono andati, portando con sé il loro bottino: in particolare dei neonati, dei bambini, delle donne, degli anziani. Naturalmente, nessuno a Gaza allora si aspettava la portata della risposta israeliana e la sua natura devastante. Oggi, dopo tre mesi di guerra, molti abitanti di Gaza pensano che forse non ne è valsa la pena, e che il loro futuro e quello dei loro figli sia più oscuro che mai. Nessuno osa dirlo ad alta voce perché la paura nei confronti di Hamas è ancora forte. Non dobbiamo però farci illusioni. L’odio per il vicino ebreo è il massimo comune denominatore tra gli abitanti di Gaza. Un odio abilmente inculcato e instillato fin dalla prima infanzia – in casa, nelle scuole dell’UNRWA – ma anche attraverso i sermoni settimanali nelle moschee. L’annuncio di un attacco “nella Palestina occupata”, che sia Haifa, Tel Aviv o Gerusalemme, è accolto con esplosioni di gioia.  Vengono distribuite caramelle per strada. I “combattenti della resistenza” non si fermano davanti a niente, come sgozzare un bambino nella culla o lanciare una bottiglia incendiaria attraverso il finestrino di un’auto, colpendo una bambina che morirà un anno dopo per le ferite riportate.  Quanto accaduto il 7 ottobre è il frutto di un odio viscerale che non vede più l’umanità come oggetto della sua empatia. Squarciare il ventre di una donna incinta, estrarre il feto e mozzargli la testa prima di colpire la madre? Tagliare le braccia e le gambe ad una vecchia signora e darle fuoco? E poi stuprare, e ancora stuprare. Degli oltre due milioni di abitanti di Gaza, non ce n’è stato uno che si sia alzato e abbia condannato queste atrocità che, ci viene detto, l’Islam condanna.  In questa moderna Sodoma non c’è stato neppure un solo giusto. Nessuno è venuto ad aiutare gli ostaggi. È inutile cercare di scappare, viene detto loro: i bambini per strada ti riconosceranno e ti denunceranno. Cosa che effettivamente è accaduta a uno di loro. Capiamoci bene. Sono stati i leader di Hamas, sostenuti dalla popolazione, a prendere l'iniziativa di questo nuovo ciclo di violenza. Non si tratta per questo di privare gli abitanti di Gaza degli aiuti umanitari di cui hanno bisogno. Solo che non ci si deve aspettare che un odio così radicato scompaia, anche se a Gaza venisse instaurato un altro regime.

Michelle Mazel
Michelle Mazel

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT