lunedi` 03 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






 
Daniele Scalise
Ragioni e Sentimenti
<< torna all'indice della rubrica
Ronzano, piagnucolano, disapprovano, scuotono il capino corrucciati: chi sono? 28/08/2021
IC7 - Il commento di Daniele Scalise
Dal 23 al 28 agosto 2021

Ronzano, piagnucolano, disapprovano, scuotono il capino corrucciati: chi sono?

Afghanistan: 26 pacifisti rapiti dai talebani • Imola Oggi

Ronzano, piagnucolano, disapprovano, scuotono il capino corrucciati. Per anni hanno aderito a robusti appelli contro l'esercito Usa accusandolo di essere intervenuto in Afghanistan solo per difendere loschi e inconfessati interessi e ora lo incolpano di non essere stato capace di imporre democrazia e libertà. Già impavidi oppositori dell'imperialismo occidentale, se ne stanno inchiodati nel ruolo di tremebondi commentatori mentre dalla capitale afghana scorre il rullo sanguinoso delle notizie e delle immagini. I pacifisti senza se e senza ma, sempre pronti a inalberare bandiere palestinesi e icone cubane, letterati che punteggiano la scrittura di shwa asessuate, avranno pure smarrito l'intelletto ma non la voce. Non avendo altro da esibire che il proprio - e poco compromettente - cruccio umanitario, imbarazzati dalla palese inadeguatezza di un Biden qualsiasi a cui era stato affidato il compito di cancellare ogni segno del predecessore, ora non sanno a quale santo rivolgersi nel leggere il per altro arcinoto programma di governo talebano che prevede indicibili schiavitù femminili, spietate persecuzioni omosessuali, scempio di ogni diritto umano. Asciugata la facile lacrimuccia di commozione, date le ultime disposizioni alla cameriera prima di chiudere la casa di campagna, si preparano alla rentrée in città dove, per la stagione autunno-inverno, torneranno a intonare nenie petulanti. C'è da giurarci che l'atroce tragedia che sta stritolando un intero popolo verrà velocemente abbandonata per lasciar spazio a una nuova e quanto mai nobile causa. Vale per gli afghani quello che Virginie Despentes ha scritto pensando ai rom: "Gli intellettuali di sinistra adorano i rom perché li vedi soffrire un casino e non li senti parlare mai. Delle vittime adorabili. Ma il giorno in cui uno di loro prenderà la parola, gli intellettuali di sinistra cercheranno altre vittime silenziose".


Daniele Scalise


Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT