martedi` 22 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Emanuele Ottolenghi
Qui Washington: Iran e Hezbollah
<< torna all'indice della rubrica
La corruzione endemica del Paraguay non finirà senza l’intervento degli Stati Uniti 25/04/2021
La corruzione endemica del Paraguay non finirà senza l’intervento degli Stati Uniti
Analisi di Emanuele Ottolenghi


Mete Sohtaoğlu בטוויטר:
Assad Ahmad Barakat

L'8 aprile, dopo tre anni di traversie giudiziarie, il Paraguay ha condannato il finanziere di Hezbollah Assad Ahmad Barakat a due anni e sei mesi per falsificazione del passaporto e immigrazione fraudolenta. Barakat ha già scontato la sua condanna in attesa del processo e le autorità paraguaiane lo hanno prontamente espulso in Brasile. Per un Paese che per decenni ha ospitato impunemente le reti di finanziamento del terrorismo di Hezbollah, la condanna di Barakat, già sancita dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti nel 2004, sembra un cambiamento positivo. Ma non è così. L'espulsione di Barakat non cambia nulla.

Le reti di Hezbollah nell'area restano inalterate e i suoi sostenitori stanno già salutando il suo ritorno a casa come una vittoria. L'amministrazione Biden - che proprio la scorsa settimana ha sanzionato Ulises Quintana, un membro dell'Assemblea Nazionale del Paraguay, per corruzione e aiuto alla criminalità organizzata transnazionale - dovrebbe riconoscere che il Paraguay rimane un rifugio per la criminalità organizzata e il finanziamento del terrorismo grazie alle sue élite politiche corrotte. A meno che Washington non mantenga vigile la sua attenzione e la pressione sui leader paraguaiani, Asunción darà solo vita a una sceneggiata, proprio come l'espulsione di Barakat, ma farà poco altro per affrontare la corruzione sistemica che favorisce la criminalità all'interno dei propri confini. Per decenni, fin dal rovesciamento nel 1989 del dittatore fascista del Paraguay, Alfredo Stroessner, le vecchie élite del Paese hanno accolto la democrazia approfittando dell’eredità di Stroessner, una struttura di potere in gran parte corrotta, pesantemente compromessa da un'economia sommersa di contrabbando e traffico illecito.

Merkel vs Hezbollah | Il Foglio
Sostenitori di Hezbollah

I motori gemelli di quell'economia rimangono le vaste e porose frontiere e i fiorenti centri per il riciclaggio di denaro sporco lungo i confini del Paese, specialmente nella famigerata Area della Triplice Frontiera lungo la giunzione di Argentina, Brasile e Paraguay (TBA). Fin dagli anni '80, Hezbollah ha costruito un sofisticato centro per il riciclaggio di denaro sporco nel cuore di una zona libera del commercio al dettaglio a Ciudad del Este, sul lato paraguaiano della TBA. L'economia illecita della TBA rappresenta una seria minaccia per l'integrità del sistema finanziario statunitense. Una grande quantità di merce spedita alla TBA per alimentare piani illeciti, transita attraverso gli Stati Uniti. Così avviene per i pagamenti, che, come mostra un numero crescente di casi attualmente sotto processo in America, stanno esponendo il sistema finanziario statunitense al riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo. Il sistema finanziario del Paraguay è compromesso: il finanziamento del terrorismo, il contrabbando di sigarette, il commercio di merci contraffatte, il contrabbando e l'evasione fiscale alimentano le frodi e attirano la criminalità organizzata come una calamita. Numerosi sindacati criminali negli ultimi anni vi hanno stabilito la loro presenza, e lì oliano il settore pubblico per garantirsi complicità nelle loro attività criminali.

La crescente preoccupazione internazionale ha spinto Asunción a cambiare rotta, ma finora con scarso effetto. Anche se il legislatore del Paraguay ha approvato nuove leggi per migliorare i suoi regolamenti contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, rimane il divario tra gli intenti dichiarati e i risultati effettivi. A dire il vero, i pubblici ministeri paraguaiani, almeno quelli che non sono sul libro paga dei politici e delle reti criminali, continuano a indagare ostinatamente sul crimine. I procedimenti giudiziari di Barakat e Quintana sono la prova che, anche un Paese che per il 2020 si colloca al 137° posto nell'Indice di Trasparenza sulla Percezione della Corruzione Internazionale, può ancora trovare integrità tra i suoi dipendenti pubblici. Sotto una crescente pressione e controllo, il Paraguay ha anche collaborato con gli Stati Uniti per l'arresto e l'estradizione di tre sospetti trafficanti e finanzieri di Hezbollah: Ali Issa Chamas nel 2017, Mahmoud Ali Barakat nel 2018 e Nader Mohamad Farhat nel 2019. E sempre nel 2019, il Paraguay ha definito Hezbollah come un’organizzazione terroristica. Tuttavia, con alcune eccezioni, le indagini raramente si concludono con l’emissione di condanne, il che è qualcosa che viene regolarmente lamentato nell'annuale Rapporto al Congresso della Strategia di Controllo Internazionale degli Stupefacenti del Dipartimento di Stato.

Il più delle volte, la corruzione sabota il corso della giustizia, con i politici che prendono soldi dalle reti criminali per finanziare le loro campagne elettorali, in cambio di copertura politica e immunità dall'azione penale. Barakat ha operato impunemente per più di due decenni in questo ambiente corrotto, nonostante gli occasionali scontri con la giustizia locale e la segnalazione del Tesoro degli Stati Uniti nel 2004. Nel 2018, il governo argentino, sotto l'allora Presidente Mauricio Macri, ha compiuto un passo senza precedenti indagando su una rete di riciclaggio di denaro nella TBA collegata alla famiglia Barakat, che spostava denaro in Argentina e utilizzava un casinò locale per riciclarlo. Inseguire il membro più in vista del clan Barakat sembrava un buon modo per rispondere alla crescente pressione degli Stati Uniti e all'attenzione internazionale e mostrare che anche il Paraguay era pronto a frenare le reti locali di finanziamento del terrorismo. Nell'agosto del 2018, le autorità paraguaiane hanno accusato Barakat di frode sui passaporti e hanno emesso un mandato di arresto internazionale per la sua cattura. Le autorità brasiliane lo hanno arrestato poco dopo a Foz do Iguaçu, la città brasiliana nella TBA che si trova dall'altra parte del fiume rispetto a Ciudad Del Este, il sito principale delle attività di finanziamento del terrorismo di Hezbollah nell'area. Il Brasile alla fine estradò Barakat in Paraguay. Seguì un rapido processo, che portò all'espulsione. Tuttavia l'espulsione di Barakat in Brasile, dove risiede stabilmente, non ha senso. Il Brasile non ha un caso aperto contro di lui. Lui ha scontato la sua pena. E mentre tecnicamente Barakat non può più tornare in Paraguay, il valico di frontiera nel TBA non è esattamente una barriera insormontabile. Inoltre, la maggior parte degli imprenditori che operano a Ciudad del Este vive nella parte brasiliana.

Le istituzioni comunali controllate da Hezbollah tramite la comunità sciita forte di trentamila uomini nella zona, sono dalla parte brasiliana. Anche in "esilio", Barakat può continuare a svolgere le sue attività corrotte. Niente lo illustra meglio del caso di Ulises Quintana, che è attualmente indagato e che ha trascorso del tempo in prigione, per aver facilitato, attraverso la sua posizione di funzionario eletto, un piano di traffico di droga. Quintana ha provato ogni trucco del mestiere per far fallire le indagini e, dopo il suo rilascio dal carcere nel 2020, ha ripreso le funzioni ufficiali come parlamentare all'interno dell'Assemblea Nazionale. Quintana è ora candidato a sindaco di Ciudad Del Este, la seconda città più grande del Paraguay e il fulcro della sua economia illegale. Egli rimane il candidato per il partito di governo, un'alleanza di due movimenti, con a capo l'attuale Presidente, Marito Abdo, e il suo predecessore, Horacio Cartes, che è ricercato in Brasile per riciclaggio di denaro sporco. L'amministrazione Biden ha fatto della lotta globale alla corruzione una chiave di volta della sua politica estera. L'annuncio della scorsa settimana da parte degli Stati Uniti secondo cui a Quintana e a sua moglie è stato vietato l'ingresso in America per motivi di corruzione e di aiuto alla criminalità organizzata transnazionale, è un chiaro segnale che il Paraguay deve fare di più. Eppure questo vale anche per Washington. Le azioni sporadiche del Paraguay, finora non sono riuscite a interrompere l'intricata rete della criminalità organizzata e del finanziamento del terrorismo che sfrutta i suoi confini porosi e la sua amministrazione corrotta. Tuttavia, queste azioni mostrano anche che le sue élite al governo rispondono alle pressioni di Washington. Questo è il motivo per cui le sanzioni statunitensi contro Quintana non dovrebbero essere la fine dei giochi, ma l'inizio di una campagna sostenuta in cui nessun politico corrotto o figura criminale dovrebbe essere fuori portata.

Nel grande romanzo italiano, Il Gattopardo, di Giuseppe Tomasi Principe di Lampedusa, il giovane aristocratico siciliano Tancredi scherzava dicendo : “Tutto deve cambiare, perché tutto resti come prima.” Tancredi e l'aristocrazia siciliana affrontarono cambiamenti radicali, dopo che l'unificazione dell’Italia aveva spazzato via il loro vecchio mondo feudale. Per preservare la vecchia struttura del potere, avevano dovuto abbracciare il nuovo e, come un leopardo, hanno cambiato le loro macchie. Il Paraguay sta facendo la stessa cosa. La sua cupola dominante riesce a fingere di star cambiando rotta, in modo che tutto possa rimanere uguale. Spetta a Washington assicurarsi che il cambiamento sia reale.

Emanuele Ottolenghi - SourceWatch
Emanuele Ottolenghi

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT