sabato 20 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Troppo poco e troppo tardi? Antisemitismo e nuovo test di naturalizzazione della Germania 31/03/2024

Troppo poco e troppo tardi? Antisemitismo e nuovo test di naturalizzazione della Germania
Commento di Ben Cohen

Nei test di naturalizzazione per gli immigrati in Germania verranno introdotte anche 20 domande per verificare che chi richiede la cittadinanza non sia antisemita. Un provvedimento giusto, proposto dalla socialdemocratica Nancy Faeser. Ma tardivo. Ormai gli antisemiti sono già tutti dentro: 29 incidenti antisemiti al giorno dal 7 ottobre in poi.

Come si chiama una casa di preghiera ebraica? Quando è stato fondato lo Stato di Israele? Quali città del nostro Paese ospitano le comunità ebraiche più numerose? Queste sono solo tre delle 20 domande su Israele e sulla vita ebraica che la Germania introdurrà nel test di naturalizzazione per i potenziali cittadini. Annunciando i cambiamenti la scorsa settimana, il Ministro degli Interni tedesco, Nancy Faeser, ha affermato che il loro scopo era quello di sradicare ed escludere i fanatici. “Chi non condivide i nostri valori non può ottenere il passaporto tedesco. Qui abbiamo tracciato una cristallina linea rossa,” ha affermato. “L’antisemitismo, il razzismo e altre forme di disprezzo per l’umanità escludono la naturalizzazione.” Alcune delle domande aggiuntive sono di natura più filosofica e lo sono deliberatamente. Ad esempio, la domanda “Qual è la base della speciale responsabilità della Germania nei confronti di Israele?” porta con sé quattro possibili risposte: “l’appartenenza all’UE,” “la Legge fondamentale tedesca,” “la tradizione cristiana” e la risposta corretta, “i crimini del nazionalsocialismo.”  Ciò, ovviamente, sottolinea la centralità della Shoah nazista nell’impegno della Germania del dopoguerra a favore di un ordine democratico. Allo stesso modo, la domanda “Su quale base giuridica è stato fondato lo Stato di Israele?” include le opzioni “con una risoluzione del Congresso sionista,” “una proposta del governo tedesco,” “una proposta dell’URSS” e la risposta corretta, “una risoluzione delle Nazioni Unite.” Ciò sottolinea, giustamente, che la legittimità sovrana di Israele è stata riconosciuta dalla principale organizzazione internazionale. Un’altra domanda: “Chi può iscriversi ai club sportivi ebrei del Maccabi?” include le opzioni “solo tedeschi,”“solo israeliani,” “solo persone religiose” e la risposta corretta “chiunque.”

Il punto qui, che è sfuggito al giornalista del Washington Post che ha riportato questa storia, definendo questa domanda “misteriosa,” è quello di sfatare il mito antisemita secondo cui gli ebrei si prendono cura solo di altri ebrei e forniscono solo servizi ad altri ebrei. In generale, penso che i test di naturalizzazione per gli immigrati siano una buona idea. Quando sono diventato cittadino americano sette anni fa, ricordo che alcuni dei miei amici nativi americani scherzavano sul fatto che probabilmente io sapevo di più sugli Stati Uniti della maggior parte degli americani perché si deve studiare duramente per rispondere a domande del tipo: “Quanti giudici siedono alla Corte Suprema?” e “Perché è stata combattuta la Guerra Civile?” E nel test di naturalizzazione statunitense ti viene chiesto anche quali sono le tue adesioni politiche: il mio esaminatore ufficiale, notando il mio nome molto ebreo, si è scusato con un po’ d’imbarazzo, quando mi ha chiesto se fossi o fossi mai stato un nazista, ma chiunque lo abbia ammesso come molti, o addirittura di essere stato comunista, sarebbe stato piuttosto improbabile che passasse. In questo senso esiste un precedente affidabile per ciò che i tedeschi stanno introducendo ora. La considerazione più comune che si può fare, è quanto potrebbe essere efficace un test del genere. Non è necessario essere particolarmente intelligenti per memorizzare risposte come “sinagoga”, “1948” e “1.700 anni fa”  per dare  la risposta corretta alla domanda: “Quando fu fondata la prima comunità ebraica in Germania?” Così, se sei un antisemita incallito che vuole un passaporto tedesco, hai la possibilità di accettare questo test sgradevole in nome di uno scopo più importante per loro. Senza dubbio, ci saranno molti potenziali immigrati che proveranno proprio questo. Tuttavia, solo perché il test non può garantire che gli antisemiti non riescano a sfuggire alla rete, non significa che la proposta sia errata. Lo scopo del test è quello di evidenziare, delicatamente ma con fermezza, i valori fondamentali della Germania e la necessità che i potenziali cittadini si conformino a tali valori. E se non puoi o non vuoi farlo, dice essenzialmente il messaggio, allora in primo luogo sei libero di non venire qui. Il test è anche il riconoscimento che l’antisemitismo può essere importato. Per gran parte del dopoguerra, l’antisemitismo in Germania fu principalmente un problema dell’estrema destra; tuttavia, con l’esplosione della violenza politica negli anni Sessanta e Settanta, il fenomeno divenne un problema anche dell’estrema sinistra. Ma negli ultimi vent’anni – e in particolare nel 2015 con l’arrivo di circa 2 milioni di immigrati dal Medio Oriente, mentre in Siria infuriava la guerra civile – il problema ha preso una svolta decisamente islamista.

Nelle settimane successive al pogrom di Hamas del 7 ottobre, la Germania è stata testimone di fino a 29 incidenti antisemiti al giorno, molti dei quali eseguiti da immigrati arabi o di origine turca. Non tutti gli incidenti implicano violenza – anzi, la maggior parte riguarda atti di vandalismo e la diffusione di un’orribile propaganda antisemita online e durante le manifestazioni – ma non c’è dubbio che, qualunque sia la natura del reato, le autorità tedesche vogliono ridurre al minimo la quantità di antisemitismo in mezzo a loro. A mio avviso, qui c’è un’altra domanda più profonda: queste misure, per quanto gradite, arrivano troppo tardi? Dopotutto, è giusto dire che con una comunità ebraica di poco più di 100.000 persone, la Germania sta attualmente attraversando una vera e propria crisi di antisemitismo che non sarà risolta escludendo i potenziali immigrati che danno le risposte sbagliate a un test di naturalizzazione. Lo stesso si può dire per il resto dell’Unione Europea; nei Paesi Bassi, ad esempio, dove una comunità ebraica di 30.000 persone ha subito un aumento dell’800% di episodi di antisemitismo dopo le atrocità del 7 ottobre, i leader ebrei hanno perso la pazienza. “I nostri giovani non sono più al sicuro negli istituti scolastici: vengono discriminati, attaccati, intimiditi,”  ha detto la settimana scorsa Chanan Hertzberger, Presidente dell'Organizzazione Comunale Ebraica (CJO), al quotidiano De Telegraaf . “Il fatto è dilagante e ne abbiamo avuto abbastanza. Siamo olandesi normali e anche noi vogliamo essere considerati e trattati come tali. Sono in gioco le nostre libertà civili; sempre più ebrei si sentono minacciati e intimiditi e nascondono i simboli ebraici.” Come la Germania, l’Olanda ospita un gran numero di marocchini, turchi e altri immigrati provenienti da culture in cui l’ostilità e l’inimicizia verso gli ebrei sono un dato di fatto. Proprio come in Germania, qualsiasi sforzo da parte delle autorità olandesi di discernere chi ammettere in futuro non risolverà il problema nelle loro strade e nelle loro università in questo momento. L’altra faccia della medaglia del test di naturalizzazione è ciò che ci dice sullo status delle comunità ebraiche in questi Paesi nel periodo attuale. Se l’antisemitismo è un problema così schiacciante da dover figurare in primo piano in un test di naturalizzazione, ciò suggerisce agli ebrei nel suo mirino che l’insicurezza sarà una caratteristica permanente della loro vita, per quanto le autorità possano desiderare diversamente. Forse dovrebbero pensare di trasferirsi altrove, come in Israele, che è stato creato come rifugio per gli ebrei. Forse i governi europei non si arrenderanno nei confronti dei loro ebrei, ma non dovrebbero sorprendersi se i loro ebrei si arrenderanno nei loro confronti.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, scrive su Jewish News Syndacate 


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT