venerdi 19 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Guerra, antisemitismo e libertà di parola: un eterno dilemma 28/01/2024

Guerra, antisemitismo e libertà di parola: un eterno dilemma

Analisi di Ben Cohen
(traduzione di Yehudit Weisz) 

https://www.jns.org


BDS ha difeso e giustificato il massacro del 7 ottobre

I governi e le istituzioni pubbliche dovrebbero adottare misure punitive contro gruppi o individui che promuovono l’antisemitismo attraverso misure come il taglio dei finanziamenti, la criminalizzazione di aspetti del loro discorso o addirittura il loro divieto assoluto? Qui negli Stati Uniti, una discussione del genere è puramente teorica perché il Primo Emendamento protegge tutte le forme di discorso, compresa la negazione della Shoah, e le frecciate razziste e antisemite. Poiché la libertà di parola è un diritto naturale, la tradizione americana promuove il dibattito, incoraggiando tra alcuni l’idea ottimistica, anche se spesso fuori luogo, secondo cui argomentazioni migliori e fatti presentati chiaramente avranno invariabilmente la meglio sulle bugie e sulle teorie del complotto. Ma in Europa non esiste il diritto all’assoluta libertà di parola e, nella maggior parte dei Paesi, i discorsi antisemiti e razzisti, così come le simpatie dichiarate per il terrorismo o la violenza, possono metterti in conflitto con la legge. L’attuale dilemma europeo è se inasprire e rafforzare queste misure nel tentativo di portare un maggiore senso di sicurezza alle comunità ebraiche che stanno affrontando un’ondata di antisemitismo senza precedenti nella sua intensità da quasi un secolo. La causa immediata è stata, ovviamente, il pogrom di Hamas in Israele del 7 ottobre, ma i temi incorporati in questo discorso sono molto più vecchi, addirittura antichi. In parte a causa della loro frustrazione per l’assoluta ostinazione di queste tossine, i politici che simpatizzano con la sofferenza dei loro elettori ebrei stanno esaminando i mezzi legali per arginare il flusso di cliché antisemiti. Due settimane fa, il Ministro della Cultura e della Coesione sociale della città-Stato di Berlino, Joe Chialo, ha tentato di introdurre una nuova misura che negherebbe i finanziamenti agli artisti che promuovono l'antisemitismo, comprese le rappresentazioni antisemite del sionismo e di Israele. Al fine di determinare cosa è e cosa non è antisemita, Chialo ha sollecitato l’adozione della definizione operativa di antisemitismo dell’Alleanza Internazionale per la Memoria dell’Olocausto (IHRA) , che include diversi esempi di quando l’antisionismo sconfina nell’antisemitismo. La settimana scorsa Chialo è stato costretto a ritirare la sua proposta. “Devo prendere sul serio le voci legali e critiche che hanno visto questa clausola come una restrizione alla libertà dell'arte”, ha detto in una nota. “Non ci sono dubbi: io continuerò a lottare per una scena culturale berlinese priva di discriminazioni.” Per essere chiari, il problema qui non era l’argomento sostanziale della definizione IHRA secondo cui l’antisionismo e l’antisemitismo sono spesso la stessa cosa. Piuttosto, si è concentrato sulla questione se le misure adottate in Germania per combattere la negazione della Shoah siano – in termini di giurisprudenza – appropriate quando essa porta a negare il diritto di Israele ad esistere. “Negare la Shoah significa negare un fatto, mentre negare il diritto di Israele ad esistere significa negare un diritto”, ha detto la settimana scorsa il professor Stefan Conen dell'Associazione degli Avvocati Tedeschi alla Commissione per gli Affari giuridici del Parlamento tedesco. Un altro testimone, il professor Michael Kubiciel, qualora la proposta dovesse progredire, prevede una serie di grattacapi procedurali che potrebbero essere risolti, a suo dire, solo attraverso l’adozione di una “formulazione più aperta… ad esempio implicando anche il diritto di esistere degli Stati per i quali la Repubblica Federale si è impegnata in modo particolare, così come gli Stati membri della UE.” Nessuna di queste obiezioni invalida l’affermazione di fondo di una simbiosi tra antisemitismo e antisionismo, e non dovremmo nemmeno concludere che Chialo abbandonerà i suoi sforzi per bandire l’antisemitismo dalla scena artistica tedesca a causa di una battuta d’arresto. Tuttavia, l’incertezza attorno alla sua proposta ha rafforzato la tesi secondo cui la definizione dell’IHRA non è tanto un mezzo per comprendere l’antisemitismo quanto uno strumento per censurare gli avversari di Israele. Lunedì scorso il quotidiano Berliner Zeitung ha intervistato uno dei coautori della definizione IHRA nell’ambito dell'iniziativa di Chialo, in fase di stallo. “La definizione è stata spesso utilizzata in modo improprio come strumento schietto per etichettare qualcuno come antisemita per svariate ragioni, comprese le critiche a Israele”, ha affermato Ken Stern, direttore del Centro per lo Studio dell’Odio al Bard College e vecchio esperto americano di antisemitismo nell’ American Jewis Committee (AJC). Approfondendo, Stern ha affermato che questo “abuso” della definizione è stato più accentuato “non tanto per squalificare come antisemite le critiche a Israele, ma piuttosto per atteggiamenti filo-palestinesi. Potrei non essere d’accordo con alcuni di questi atteggiamenti o affermazioni, ma definirli antisemiti è sbagliato, addirittura dannoso.” Più avanti nell’intervista, Stern ha chiarito che, pur essendo contrario alla campagna di “boicottaggio, disinvestimento e sanzioni” contro Israele, si è opposto con veemenza a chiamare “antisemita” chiunque la sostenga. “Penso che sostenere il BDS ti renda un antisemita? No, non lo credo”, ha detto, prima di aggiungere: “Anche se, ovviamente, puoi essere un antisemita che sostiene il BDS.” In altre parole, anche se la campagna può attrarre antisemiti a causa della sua ossessione per lo Stato ebraico, non è intrinsecamente antisemita. Dovrei dire, a questo punto, che ho conosciuto Stern professionalmente alcuni anni fa, quando avevo lavorato con lui sulle questioni riguardanti l’antisemitismo presso l’AJC. La mia valutazione, che non è cambiata, è che il suo obiettivo generale era persuadere i progressisti a prendere sul serio l’antisemitismo, ed era disposto a concedere loro ogni sorta di flessibilità per raggiungere questo obiettivo. Ciò che non era disposto a riconoscere è che concedere questi margini mina la stessa definizione che ha contribuito a scrivere! Perché anche se la definizione non dice esplicitamente che il BDS è antisemita, dice però che “Negare al popolo ebraico il diritto all’autodeterminazione, ad esempio, sostenendo che l’esistenza di uno Stato di Israele è un’impresa razzista” lo è. Ciò riassume più o meno la filosofia centrale del movimento BDS, che considera il boicottaggio come uno strumento per garantire l’eventuale eliminazione di Israele come Stato sovrano e non fa mistero di questo obiettivo.

Ben Cohen Writer - JNS.org

Ben Cohen, esperto di antisemitismo,
scrive sul Jewish News Syndicate


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT