martedi` 05 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Tu non sei antisemita? Ne sei proprio sicuro? 31/12/2023

Tu non sei antisemita? Ne sei proprio sicuro?

Analisi di Ben Cohen
(traduzione di Yehudit Weisz) 

https://www.jns.org

 

Nel contesto dell'attuale dibattito sull'eventuale apertura di un nuovo fronte nella guerra di Israele contro Hamas e i suoi alleati regionali, si potrebbe osservare che ciò sta già accadendo. All’indomani del pogrom del 7 ottobre perpetrato da Hamas nel sud di Israele, la guerra è stata combattuta su quattro fronti principali. La campagna israeliana di bombardamenti e incursioni di fanteria nella Striscia di Gaza, e in misura minore in Cisgiordania, è il primo; il lancio di razzi da parte di Hamas contro i centri abitati israeliani è Il secondo; gli attacchi missilistici dai terroristi Hezbollah e le scaramucce con loro al confine settentrionale sono il terzo; l'esplosione di attacchi antisemiti contro gli ebrei che vivono al di fuori dei confini di Israele rappresenta il quarto. Quest’ultimo fronte è il più vulnerabile e imprevedibile. La potenza militare israeliana non può difendere gli ebrei della diaspora da atti vandalici, da aggressioni fisiche o da attacchi terroristici. In termini diplomatici, Israele può fare appello ai governi stranieri affinché intensifichino gli sforzi per proteggere le proprie comunità ebraiche, ma non molto di più. In breve, quando si tratta degli ebrei della diaspora, lo Stato ebraico è più impotente che in qualsiasi altra dimensione di questa guerra. Insieme a queste violenze, c’è una corrispondente offensiva politica che cerca di delegittimare i timori ebraici di antisemitismo, ridimensionandole come una sottolineatura vigorosa alle affermazioni secondo cui i palestinesi soffrono a causa delle politiche di apartheid e di genocidio per mano del governo israeliano. Al centro di questa strategia c’è l’obiettivo di depotenziare la definizione operativa di antisemitismo dell’International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) , che è stata adottata da dozzine di governi e centinaia di associazioni civiche in tutto il mondo. Come sa fin troppo bene chiunque abbia seguito questa disputa nel decennio successivo all’adozione della definizione dell’IHRA, la sua principale colpa è l’inclusione di tropi popolari antisionisti, ad esempio che gli ebrei non costituiscono una nazione e quindi non hanno diritto all’autodeterminazione, che Israele è un’ “impresa razzista” e che gli ebrei sono più fedeli a Israele rispetto agli Stati di cui sono cittadini. Secondo gli oppositori della definizione, l’inclusione di queste clausole equivale a una palese censura della dialettica sui diritti dei palestinesi, dal momento che i suoi termini chiave – razzismo, apartheid, genocidio e così via – sono considerati “antisemiti” fin dall’inizio. Un articolo nell’ultimo numero della rivista di sinistra The Nation rigurgita molti degli argomenti avanzati dagli antisionisti contro la definizione IHRA nel contesto dell’attuale conflitto a Gaza, citando la sua “militarizzazione” ai fini di “campagne maccartistiche per mettere a tacere la difesa dei diritti umani in pubblico e nei campus universitari”. Invece di contrastare questa serie di argomentazioni, cosa che ho già fatto in passato, questa volta voglio provare un approccio diverso. Gli oppositori della definizione IHRA spesso sottolineano di non obiettare ai primi quattro esempi citati nella definizione, che si riferiscono all'antisemitismo classico, ma agli ultimi sette, che trattano dell'antisemitismo nel contesto di Israele e del sionismo. Non si oppongono ai primi quattro, dicono, perché non contestano che questi siano esempi di genuino odio verso gli ebrei, in contrapposizione a quelli a cui alludono come i sette esempi politicamente manipolatori e astutamente filo-israeliani che seguono immediatamente dopo. C’è solo un problema, però: tutti questi quattro esempi, che apparentemente non hanno nulla a che fare con il sionismo, l’antisionismo o l’esistenza di Israele, sono dolorosamente visibili nei segni, nei simboli e negli slogan del movimento di protesta pro-Hamas che ha mobilitato milioni di persone manifestanti nelle città di tutto il mondo. L’esempio uno classifica come antisemita “appoggiare, aiutare o giustificare l’uccisione o il danneggiamento degli ebrei in nome di un’ideologia radicale o di una visione estremista della religione.” La maggior parte delle persone penserebbe immediatamente ai nazisti nell’interpretare questo punto, ma gli orrori del 7 ottobre, radicati nell’odio islamico verso gli ebrei, non sono meno pertinenti. Hamas ha assassinato più di 1.000 ebrei (così come molti non ebrei il cui crimine era quello di vivere o lavorare nello Stato ebraico) nella peggiore esplosione di violenza antisemita dai tempi della Seconda Guerra Mondiale e della Shoah. Naturalmente, i sostenitori di Hamas in Occidente diranno che queste vittime sono state prese di mira non come ebrei ma come “coloni”. L'assurdità di questa posizione è rivelata dall'unica conclusione a cui si può giungere: che l'ufficiale delle SS che ha violentato una donna ebrea in Ucraina prima di spararle alla nuca ha commesso un atto criminale e antisemita, mentre il terrorista di Hamas che ha violentato una donna nelle sabbie del Negev prima di spararle alla nuca stava compiendo un atto di inebriante liberazione (o, nella mente degli apologeti più sfumati di Hamas, un atto di violenza fuorviante ma storicamente comprensibile.) L’esempio due afferma che è antisemita fare “accuse menzognere, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipate sugli ebrei in quanto tali o sul potere degli ebrei in senso collettivo, come, in particolare ma non esclusivamente, il mito di una cospirazione ebraica mondiale o del controllo degli ebrei sui media, economia, governo o altre istituzioni sociali.” Ho perso il conto, francamente, del numero di post sui social media e di dichiarazioni televisive nelle ultime 10 settimane che hanno sostenuto proprio questo mito con lo scopo di spiegare perché i Paesi occidentali non sono riusciti a sostenere un cessate il fuoco immediato a Gaza. L'esempio tre afferma che è antisemita accusare”gli ebrei come popolo di essere responsabili di illeciti reali o immaginari commessi da una singola persona o gruppo ebreo, o anche per atti commessi da non ebrei.” Eppure quante sinagoghe, scuole ebraiche, ristoranti kosher e centri comunitari sono stati imbrattati con i graffiti “Palestina libera” dal 7 ottobre? E non è questo un esempio di attribuire agli ebrei una colpa collettiva per la risposta militare di Israele? Perché sì, mentre la stragrande maggioranza degli ebrei sostiene Israele e non si scusa per averlo fatto, legalmente e moralmente è un’enorme forzatura dire che sono responsabili delle morti a Gaza. Prendere di mira gli ebrei perché si è contrari a ciò che fa Israele è antisemita esattamente nello stesso modo in cui uccidere i palestinesi americani a causa dei crimini di Hamas è razzista e islamofobo. L'esempio quattro afferma che è antisemita negare “il fatto, la portata, i meccanismi (ad esempio le camere a gas) o l'intenzionalità del genocidio del popolo ebraico per mano della Germania nazionalsocialista e dei suoi sostenitori e complici, durante la Seconda Guerra Mondiale (la Shoah). " Eppure i leader palestinesi – non solo Hamas, ma ancor più notoriamente il capo dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas – fanno esattamente questo, ripetutamente e impunemente. I loro sostenitori più rozzi poi fanno un ulteriore passo avanti negando il primo Olocausto mentre ne auspicano un secondo. Il fatto che i sostenitori della mitologia antisionista possano abbracciare così facilmente e prontamente quegli aspetti dell’ideologia antisemita che precedono l’esistenza dello Stato di Israele sottolinea che non esiste una spessa linea rossa che separa l’antisionismo “progressista” dall’antisemitismo “reazionario”. I due sono intimamente legati, condividono ossessioni comuni sulla natura del potere e dell’influenza ebraica, la falsa pretesa degli ebrei di essere una nazione (sono meglio intesi come “parassiti” o, se preferite, “coloni”) e l’irrimediabile natura coloniale di Israele come Stato. Inoltre, in Medio Oriente, l’anti-Sionismo o “ antisionismo ”, come preferisco chiamarlo, non si limita ai dibattiti politici sul sionismo e sulla sovranità israeliana, ma si manifesta principalmente attraverso la violenza. Dato che il sondaggio Harris/Harvard University di questo mese mostra che due terzi degli americani di età compresa tra i 18 e i 24 anni considerano gli ebrei come “oppressori”, ci dovremmo aspettare simili modelli anche qui.

Ben Cohen Writer - JNS.org

Ben Cohen, esperto di antisemitismo,
scrive sul Jewish News Syndicate


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT