venerdi 19 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Un killer serbo spezza il pane con Hamas 19/11/2023
Un killer serbo spezza il pane con Hamas
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Serbia radical Vojislav Seselj acquitted of Balkan war crimes - BBC News
Vojislav Šešelj


“La politica crea strani partner”, recita un vecchio detto vittoriano. Nelle settimane strazianti che hanno seguito il pogrom di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele, abbiamo visto femministe radicali allinearsi con gli stupratori che avevano torturato e violentato giovani donne durante un festival musicale, “attivisti pacifisti” ebrei allinearsi con terroristi che li avrebbero tranquillamente massacrati insieme a tutti i loro parenti, e liberali occidentali che marciavano a braccetto con gli islamisti urlando canti antisemiti in arabo. Ma, almeno a mio parere, l’allineamento di un criminale di guerra serbo degli anni ’90 con gli assassini di Hamas degli anni del 2020 è il più strano e inquietante di tutti.          

Vojislav Šešelj (pronunciato “Sheshel”) è stato il fondatore del Partito Radicale Serbo (SRS), che tuttora presiede, e la principale fonte di ispirazione delle Aquile Bianche, una feroce organizzazione paramilitare serba, responsabile di numerose atrocità in Croazia e Bosnia.
Šešelj emerse per la prima volta negli anni '80, quando il crescente e bellicoso nazionalismo serbo aveva annunciato la disgregazione di quella che un tempo era la Jugoslavia. Durante gli anni '90, quando ha servito per un certo periodo come vice Primo Ministro della Serbia, Seselj svolse un ruolo determinante nell'orchestrare ed esaltare le atrocità serbe in Croazia e Bosnia. Per il primo decennio di questo secolo, è stato rinchiuso in una cella presso il Tribunale Criminale Internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY) all'Aia, dove è stato processato per crimini di guerra e crimini contro l'umanità. Nel 2014, quando gli fu diagnosticato un cancro, Šešelj venne rilasciato. Ritornato in Serbia, è stato clamorosamente assolto all’Aia prima che un appello nel 2018  assicurasse la sua condanna per crimini contro l’umanità ( condannato a nove anni, ma ne aveva già scontati undici, ndt). Raggiunto telefonicamente a Belgrado da un giornalista della Reuters dopo l'annuncio del verdetto d'appello, aveva dichiarato: “Sono orgoglioso di tutti i miei crimini di guerra e contro l'umanità e sono pronto a ripeterli.” La maggior parte delle vittime di questi crimini erano musulmani balcanici in Bosnia e Kosovo, in gran parte laici, che Seselj avrebbe liquidato con disprezzo come “pan-islamisti” e “turchi”.

Dopo quella condanna, non ho più avuto occasione di pensare a Šešelj—a mio avviso, un individuo veramente malvagio che traeva un piacere viscerale dai suoi atti—fino a questa settimana, quando ho visto una foto di lui che ospitava l'Ambasciatore palestinese presso la sede centrale della SRS a Belgrado. Ammetto di essere rimasto a bocca aperta, non credendo del tutto che uno che aveva istigato un genocidio contro i membri della fede musulmana stesse ora abbracciando, e veniva abbracciato, da musulmani palestinesi del Medio Oriente. Nel processo, Šešelj aveva dichiarato di  essere un antisemita. Ancora una volta, ciò fu alquanto sorprendente dato che alcuni dei nazionalisti serbi più opportunisti avevano cercato di conquistare la simpatia di Israele e degli ebrei invocando la brutale occupazione nazista della Serbia, e poi travisando i serbi come vittime dei nazisti nello stesso modo in cui lo furono gli ebrei. (Nessuna persona ragionevole potrebbe mettere in dubbio le sofferenze della nazione serba sotto l’occupazione nazista; ma allo stesso modo, nessuna persona ragionevole potrebbe esaminare la documentazione storica e concludere che i nazisti massacrarono i serbi con la stessa devozione e la stessa giustificazione che applicarono ai 6 milioni di ebrei alla loro mercé.)
Intervistato da una testata nazionalista dopo il suo incontro con l’inviato palestinese, Šešelj (ricordiamo, un uomo condannato per crimini contro l’umanità) “ha espresso la sua comprensione per la giusta lotta del popolo palestinese e grande preoccupazione per il genocidio che Israele sta portando avanti contro i palestinesi, cercando un fondamento per il suo intento genocida nella Bibbia dell’Antico Testamento”.
Questa riformulazione della Bibbia ebraica come punto di origine delle presunte iniquità di Israele è un logoro cliché antisemita; i cristiani nell’Europa medievale invocavano il geloso Dio d’Israele in contrapposizione al messaggio universalista di Gesù Cristo e, in seguito, i comunisti sovietici pubblicizzarono i sacri testi ebraici come incarnazioni dell’ideologia reazionaria del giudaismo. Il suo unico scopo, come tutti i luoghi comuni antisemiti, è quello di seminare l’odio contro tutti gli ebrei, ovunque. Šešelj ha anche inserito una forte dose di antiamericanismo nelle sue osservazioni, descrivendo la Serbia come un bersaglio dell'imperialismo americano attraverso la guerra della NATO per liberare il Kosovo nel 1999 – lo stesso imperialismo americano che adesso sostiene Israele, ha sottolineato.
Anche in altre apparizioni sui media, come in un'intervista televisiva a metà ottobre, Šešelj ha ribadito gli stessi temi.
“Hamas è soprattutto un’ideologia”, ha detto. “Hamas non è un’organizzazione terroristica, ma una tipica organizzazione di liberazione, che vuole liberare i territori palestinesi. Vogliono la libertà per il popolo palestinese e vogliono uno Stato palestinese.”  Nessuna offesa contro i musulmani, nessuna menzione (ovviamente!) del suo ruolo nel fomentare l’odio etnico che ha scatenato un genocidio contro di loro in Bosnia e poi in Kosovo. Lo Šešelj del 2023 potrebbe essere scambiato per un rappresentante del regime iraniano o, vista la kefiah palestinese che ora ha preso ad avvolgere attorno al suo fisico corpulento, un manifestante pro-Hamas a Parigi o a New York City.


Šešelj e Hamas sono strani partner? Da un lato, la risposta è sì, nella misura in cui Šešelj ha una storia di odio contro i musulmani che farebbe arrossire gli islamofobi più incalliti. Ma quella non è tutta la verità. Fondamentalmente, Hamas e Šešelj condividono la stessa visione del mondo: odio per gli ebrei, odio per l’America e un ardente desiderio di combattere entrambi con qualsiasi mezzo, non importa quanto bestiale. Nelle atrocità del 7 ottobre, Šešelj avrebbe riconosciuto qualcosa di sé negli autori, in particolare nel modo in cui disumanizzavano le loro vittime. Quando all’inizio di questo mese ho visto presso il consolato israeliano a New York il video straziante delle Forze di difesa israeliane sulle atrocità commesse (dai terroristi), mi sono tornati in mente molti paralleli: i nazisti, soprattutto, ma anche i paramilitari serbi che 30 anni fa si fecero strada assassinando in Croazia, Bosnia e Kosovo. Il legame tra Šešelj e Hamas é fatto di odio forgiato con il sangue di coloro che detestano. Mentre la guerra difensiva di Israele a Gaza prosegue, mi aspetto che molte altre alleanze di questo tipo – da un lato incredibili, ma dall’altro perfettamente naturali – emergano nei prossimi mesi.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate



Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT