giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett 22/05/2024

Un piccolo ripasso di storia di Gaza con Naftali Bennett
Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello

Ecco il video:
http://www.informazionecorretta.com/video/naftalibennet.mp4


Naftalì Bennett



Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
La ‘colpa per l’Olocausto’ della Germania è scossa dal pogrom di Hamas 12/11/2023
La ‘colpa per l’Olocausto’ della Germania è scossa dal pogrom di Hamas
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Berlin lights up Brandenburg Gate 85 years on from Nazi pogrom - Exberliner
Berlino: "Mai più è adesso"


Sulla scia del pogrom di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele, la Germania trova sempre più difficile mascherare il lato oscuro estremista della sua politica. La scorsa settimana un gruppo neonazista ha tappezzato un memoriale della Shoah con adesivi che esortavano i tedeschi a “sbarazzarsi” della loro “colpa per l'Olocausto”, oltre a dichiarare – facendo l’occhiolino sull'argomento spesso espresso in merito alla debole risposta internazionale alla Shoah - che “Israele uccide mentre il mondo guarda”. 

Nella città di Essen, un gruppo islamico ha organizzato una marcia pro-Hamas che obbligava la separazione dei partecipanti tra maschi e femmine, ma i rappresentanti di entrambi i sessi brandivano cartelli che accusavano Israele di stare perpetrando un “Olocausto” a Gaza.

A Berlino, una sinagoga è stata il bersaglio di un incendio doloso, e le case di proprietà ebraica sono state imbrattate con stelle di David in un’altra inquietante eco del periodo nazista. Naturalmente non si tratta solo della Germania. La vicina Francia ha registrato più di 1.000 attentati antisemiti nelle cinque settimane successive al pogrom: un record nazionale e non del tipo di cui vantarsi. In tutta Europa e nel Nord America, le comunità ebraiche si sentono sempre più nel mirino. In fatto di antisemitismo, questo è davvero un momento globale, se non altro perché nessuna questione di politica estera risuona in modo così discordante nella politica interna come il conflitto israelo-palestinese. Ma la Germania, la terra della Shoah, è diversa, o almeno dovrebbe esserlo. E ci sono differenze visibili tra la Germania e altre nazioni democratiche. Nella sinistra tedesca, ad esempio, l’antisionismo è relativamente sfumato, mentre ampie fasce sono in realtà filo-israeliane.
Ad esempio, la scorsa settimana il vicecancelliere Robert Habeck ha pubblicato un video in cui criticava le organizzazioni musulmane tedesche per il loro silenzio di fronte alle atrocità di Hamas del 7 ottobre e avvertiva i colpevoli di antisemitismo non residenti che avrebbero rischiato l’espulsione. Habeck non è un conservatore ma un rappresentante della sinistra del Partito Verde – e se non riesci a immaginare un politico del Partito Verde in un altro Paese che dica qualcosa di simile, non sei il solo. Eppure è fin troppo chiaro che i politici tedeschi, ben intenzionati, stanno affrontando una vera e propria recrudescenza dell’antisemitismo che non sono in grado di controllare. Il 9 e 10 novembre, i tedeschi hanno celebrato l’85esimo anniversario della Notte dei Cristalli, il famigerato pogrom nazista del 1938 che vide centinaia di ebrei assassinati, altre migliaia deportati nei campi di concentramento e incendi e saccheggi di sinagoghe e negozi di proprietà ebraica, il tutto in meno di  48 ore. Per il cancelliere Olaf Scholz la circostanza è stata l’occasione per ricordare che l’antisemitismo non trova posto nella Germania post-Olocausto.

Ma per altri, come le migliaia di manifestanti prevalentemente musulmani che sono scesi in piazza a sostegno degli stupratori e assassini di Hamas, é stata un’opportunità di tipo diverso: ossia sfidare i tedeschi a rinunciare alla loro colpa per l’Olocausto in nome di una “Palestina libera.” Come normalmente accade con l’antisemitismo, anche in questo caso esiste un precedente storico. La mattina del 10 novembre del 1969, un anno che segnava il 31° anniversario della Notte dei cristalli, un'addetta alle pulizie stava svolgendo le sue faccende in un centro comunitario ebraico nel quartiere berlinese di Charlottenburg, un giorno dopo che lì si erano svolte le funzioni commemorative della Notte dei cristalli. Mentre spazzava e lucidava, si imbatté in un pacco avvolto in un trench. Scoprendo all'interno una sveglia, ha chiamato la polizia che, all'arrivo, ha constatato che il pacco era una bomba. L'esplosione era stata programmata per le 11.30 del giorno precedente, durante la commemorazione, ma la bomba non era esplosa a causa di un filo corroso. I responsabili di questa iniziativa non erano neonazisti ma persone di sinistra.
L'attenzione cadde rapidamente su un piccolo gruppo a Berlino che aveva preso il proprio nome dai Tupamaros, un esercito della guerriglia di sinistra in Uruguay. Il leader del gruppo, Dieter Kunzelmann, aveva negato che ne fossero responsabili e i colpevoli non sono mai stati catturati. Eppure, nonostante la mancanza di prove che lo collegassero al tentato attentato, coloro che conoscevano Kunzelmann, compresi molti dei suoi compagni, lo ritenevano perfettamente capace di compiere un simile oltraggio. La domanda era perché. Per come la concepiva Kunzelmann, il senso di colpa per l’Olocausto era il principale ostacolo all’abbraccio della sinistra tedesca alla lotta anticolonialista dei palestinesi. “La Palestina sta alla Repubblica Federale [di Germania] e all’Europa come il Vietnam sta agli americani”, scrisse in un articolo per un giornale socialista a Berlino. “La sinistra non l'ha ancora capito. Perché? Perché è figlia dell’ebreo.”

Questo scendere verso un crudo antisemitismo, utilizzando un linguaggio offensivo per descrivere la sinistra europea come uno strumento degli interessi sionisti, è stato particolarmente scioccante in  Germania. Ma Kunzelmann non era solo. Più tardi, in quello stesso anno, lui e un gruppo di compagni si recarono in Medio Oriente per un addestramento militare con organizzazioni terroristiche palestinesi, un percorso che molti esponenti della sinistra tedesca avrebbero intrapreso negli anni successivi. Quando, nell'estate del 1976, i terroristi dirottarono ad Atene un aereo dell'Air France proveniente da Tel Aviv, il gruppo era composto di membri del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) e della Frazione Tedesca dell'Armata Rossa (RAF), meglio conosciuta come la banda Baader-Meinhof.
 Dopo aver dirottato l'aereo all'aeroporto di Entebbe in Uganda, i terroristi si trasformarono in semplici nazisti, separando i passeggeri ebrei da quelli non ebrei.  Solo una spettacolare operazione di salvataggio organizzata dagli israeliani ha impedito il massacro degli ostaggi ebrei. "Kunzelmann è arrivato al punto di suggerire che il suo gruppo avrebbe potuto combattere meglio “ l'imperialismo” israeliano attaccando gli ebrei in Germania, il che, ovviamente, è il culmine del pensiero antisemita", ha spiegato lo storico Philipp Lenhard in un'intervista della settimana scorsa alla testata tedesca di GEO. Per quanto stravagante possa sembrare a una mente sensata, cinque anni dopo la morte di Kunzelmann, la sua convinzione che gli ebrei tedeschi siano un obiettivo legittimo nella guerra palestinese contro l’esistenza di Israele è più diffusa che in qualsiasi momento precedente – e i suoi principali sostenitori non sono i capelloni della Nuova Sinistra di un tempo - ma musulmani tedeschi, sia quelli nati lì che quelli immigrati di recente.  I politici tedeschi sono ansiosi di istituire misure per proteggere gli ebrei da quello che minerebbe il tanto decantato status del loro Paese come faro di tolleranza etnica e religiosa nel secondo dopoguerra. Ma questo non va bene. La Germania del dopoguerra ha, di sua spontanea volontà, fatto della protezione della vita ebraica una ragion di Stato della repubblica democratica, ed è questa posizione che viene caricaturata come “colpa  per la Shoah.”  

In questo momento, sta fallendo in questo compito. E se la Germania non riesce ad avere la determinazione per sconfiggere l’antisemitismo nelle strade che hanno generato la Shoah nel corso dell’ultimo secolo, allora quali possibilità ci sono che il resto d’Europa voglia o possa farlo?

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT