lunedi` 22 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
L'antisemitismo ossessiona ancora la sinistra europea 18/08/2023
L'antisemitismo ossessiona ancora la sinistra europea
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Chi è Gérald Darmanin e perché ha strigliato Meloni sui migranti - Policy  Maker
Gérald Darmanin


La scorsa settimana il Ministro dell'Interno francese Gérald Darmanin ha ordinato lo scioglimento di un'associazione tradizionalista cattolica chiamata “Civitas”, in seguito a delle accuse di antisemitismo contro uno dei suoi leader.  L'individuo in questione era il saggista Pierre Hillard. 

Di recente lui aveva pronunciato un discorso in cui affermava che l'emancipazione degli ebrei nel 1791, due anni dopo la Rivoluzione francese, aveva aperto la porta all'immigrazione di massa dei non cristiani, e quindi era vivamente auspicabile un ritorno ai giorni di Luigi XVI, quando non c'erano diritti civili o politici per gli ebrei o per qualsiasi altra minoranza,. Darmanin ha agito in seguito a una tempesta di proteste da parte di organizzazioni come l'Unione francese degli studenti ebrei e dalla Lega Internazionale Contro il Razzismo e l'Antisemitismo, da cui ci si aspetta  che parli apertamente di una questione come questa. Una delle voci di condanna più alte è arrivata invece da Jean-Luc Mélenchon, il leader del principale partito francese di estrema sinistra, La France Insoumise (LFI). Quando Darmanin ha annunciato la chiusura di “Civitas”, Mélenchon ha espresso la sua soddisfazione, scrivendo su Twitter che il Ministro dell'Interno, che lui normalmente detesta, aveva dato la “risposta chiara” che “l'antisemitismo deve essere punito.”  Certamente. Ma l'antisemitismo non è semplicemente una questione di applicazione della legge; molto più importante è l'educazione in modo che le persone capiscano, attraverso lo studio dell'ideologia antisemita e della storia, perché il suo messaggio è così letale. E semplicemente guardando la registrazione di Mélenchon su questo argomento, possiamo rapidamente concludere che è proprio lui quello che ha bisogno di essere educato. Un’analisi  sull'antisemitismo nella sinistra europea appena pubblicata dall'Anti-Defamation League (ADL) comprende un salutare richiamo ai commenti antisemiti di Mélenchon nella sezione che riguarda la Francia.                      Nel 2013, lui aveva lanciato un classico fischietto per cani antisemita quando aveva accusato l'allora Ministro delle Finanze Pierre Moscovici, che è ebreo, di non “pensare più in francese ma di pensare nella lingua della finanza internazionale.” Più tardi in quello stesso decennio, quando il collega di Mélenchon nel Regno Unito, l'ex leader del partito laburista Jeremy Corbyn, durante il suo mandato alla guida del partito, era sotto tiro per una serie di scandali antisemiti, il leader francese affermò che “i cosiddetti ebrei” orchestrati dal Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu avevano come obiettivo quello di distruggere la reputazione di Corbyn. “Corbyn ha dovuto sopportare senza aiuti la cruda accusa di antisemitismo da parte del Rabbino Capo d'Inghilterra e delle varie reti di influenza del Likud”, aveva osservato. “Invece di reagire, ha passato il tempo a scusarsi e a fare promesse. (…) Da parte mia non mi arrenderò mai.”

A dire il vero, Mélenchon non ha ceduto, definendo la leadership del Crif, l'organizzazione rappresentativa degli Ebrei Francesi, come “comunitari” (qualcosa che ha un significato peggiorativo in Francia) e sostenendo in modo bizzarro che Eric Zemmour, un candidato di estrema destra alle ultime elezione presidenziali di quest'anno e che proviene da una famiglia ebraica, rappresentava “tradizioni strettamente legate al giudaismo.”  Tuttavia, quando un'organizzazione cattolica reazionaria fa rivivere le antiche tradizioni antisemite della Chiesa, Mélenchon non ha problemi a far sentire la sua indignazione. Perché il doppio standard? Perché riconoscere e condannare l'antisemitismo di destra ma non all'interno dei ranghi della sinistra? Gran parte della risposta mette in luce un problema della sinistra non solo in Francia, ma anche in Germania, Spagna e Regno Unito, gli altri Paesi analizzati nel rapporto ADL.

In sostanza, l'antisemitismo non è visto come un'ideologia perniciosa che prende di mira gli ebrei come la radice dei mali del mondo, ma piuttosto come uno strumento da impiegare negli scontri politici. Se l'antisemitismo proviene da una fonte con la quale comunque non saresti d'accordo - in questo caso, un'organizzazione che crede fermamente che la dottrina cattolica dovrebbe essere alla base del diritto e dell'ordine pubblico - allora non c'è alcuna esitazione nel condannarla, in particolare quando, come nel caso della “Civitas”, non si fa menzione del sionismo o dello Stato di Israele. Se invece l'antisemitismo viene da un alleato, come Corbyn, allora hai il dovere di negarlo e liquidarlo come una diffamazione. Anche se  il rapporto ADL evidenzia le differenze tra i quattro Paesi presi in esame, ci sono anche alcuni punti in comune. “In tutti e quattro i Paesi, i due risultati dominanti erano che l'antisemitismo veniva usato in ottiche anti-israeliane e in contesti anticapitalisti”, ha osservato.  
                                                 
“In relazione all’ambito anti-israeliano, i temi antisemiti includevano:
1- accuse secondo cui le sette ebraiche controllano la politica e i media e impediscono le critiche a Israele o il sostegno alla Palestina;                                      
2- la banalizzazione della Shoah come mezzo per sostenere che i palestinesi non sono meno vittime oggi di quanto lo fossero gli ebrei durante l'Olocausto;                                                                        
3- l’equiparazione di Israele al regime nazista, demonizzando così Israele;                                                        
4- le accuse di antisemitismo sono in malafede e vengono utilizzate per mettere a tacere le critiche a Israele.
Nei  contesti anticapitalisti, i temi antisemiti includevano
(1) il controllo ebraico dei mercati finanziari;
(2) l’ossessione ebraica per il denaro e
(3) lo sfruttamento ebraico dei lavoratori”.     
              
Il punto, tuttavia, è che ampie fasce della sinistra europea o sono incapaci di riconoscere questi temi come antisemiti, o credono che l'aumento dell'odio contro gli ebrei sia solo il risultato delle politiche di Israele nei confronti dei palestinesi. “Non hanno imparato nulla da quello che è successo loro in Europa. Niente”, ha inveito Tariq Ali, un leader britannico di estrema sinistra, durante una manifestazione anti-israeliana nel maggio 2021.  “Ogni volta che bombardano Gaza, ogni volta che attaccano Gerusalemme, questo è ciò che crea antisemitismo. Fermate l'occupazione, fermate i bombardamenti e l'antisemitismo occasionale scomparirà presto".          

Ali non ha precisato la lezione che, secondo lui, gli ebrei avrebbero dovuto imparare dall'era nazista, ma l'implicazione delle sue parole è che stanno ricevendo il loro giusto trattamento per aver espropriato i palestinesi. E che la loro scelta ora è o arrendersi, e quindi bandire improvvisamente e miracolosamente l'antisemitismo dal discorso pubblico, o continuare a combattere e accettare l'antisemitismo come inevitabile conseguenza. Fino a quando questo modo di pensare non sarà bandito dalla sinistra, gli ebrei avranno poche ragioni per fidarsi dei suoi rappresentanti, anche in quelle occasioni in cui condannano l'antisemitismo.  

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT