venerdi 01 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
La minaccia nordcoreana rimane viva 01/08/2023
La minaccia nordcoreana rimane viva
Analisi di Ben Cohen 

(traduzione di Yehudit Weisz) 


La bomba atomica è un'assicurazione sulla vita per la Corea del Nord -  Pierre Haski - Internazionale

“Dovremmo considerarlo come il primo e più importante requisito della nostra vita e il più prezioso onore e dovere di rivoluzionari quello di difendere devotamente il Comitato Centrale del Partito e proteggere Kim Jong-un politicamente e ideologicamente a costo della nostra vita.”     

Questa frase, tratta da un lungo articolo pubblicato dalla Korean Central News Agency (KCNA), portavoce del regime nordcoreano, riassume perfettamente la raison d'état del regime di Pyongyang . I sudditi della Corea del Nord - per favore non chiamateli “cittadini”, poiché il loro status è più simile a quello degli schiavi - hanno il dovere di vivere, respirare e morire al servizio della dinastia regnante di Kim, a sua volta una combinazione bizzarra e inquietante di medioevo, autocrazia e comunismo maoista. Altri passaggi dello stesso articolo danno un assaggio del fervore quasi religioso che i propagandisti del regime tentano di suscitare.

“Se gli imperialisti statunitensi scatenassero un'altra guerra su questa terra, tutto il popolo dovrebbe impegnarsi a fondo per  prepararsi alla resistenza  e diventare un tutt'uno nella guerra sacra per difendere il Paese, per creare il mito della vittoria della guerra nella grande era di Kim Jong-un”, ammettendo inavvertitamente con questa affermazione che la creazione di “miti” è uno degli obiettivi dello Stato. Sostiene inoltre che “Kim Jong-un ha rafforzato l'Esercito popolare trasformandolo in un esercito rivoluzionario d'élite che è stato perfettamente preparato politicamente, ideologicamente, militarmente, tecnicamente e moralmente, rendendo la nostra capacità di difesa quella più potente che nessuno può uguagliare.”

Un individuo che concorda con questa valutazione è il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, che ha visitato Kim Jong-un a Pyongyang la scorsa settimana e che allo stesso modo ha elogiato l'esercito nordcoreano come il "più potente" del mondo. Tuttavia, Shoigu non era in Corea del Nord per scambiare convenevoli davanti al tè; mentre le forze armate ucraine lanciano una nuova offensiva per rimuovere l'esercito russo occupante, il regime del Presidente russo Vladimir Putin è ansioso di acquistare le armi più letali per prolungare la sua aggressione contro il suo vicino meridionale. I russi hanno già acquistato migliaia di droni dal loro alleato iraniano, utilizzati con effetti devastanti contro obiettivi civili ucraini, e la Corea del Nord offre bottini ancora più ricchi.  In effetti Kim, scortando Shoigu - il primo Ministro della Difesa russo a visitare la Corea del Nord dal crollo dell'Unione Sovietica nel 1991 – ha convenientemente obbligato il suo ospite russo a visitare  una mostra di attrezzature per la difesa mentre il regime celebrava il 70° anniversario della fine della guerra di Corea , che considera una “vittoria.”  Il devastante arsenale esaminato da un sorridente Shoigu includeva i missili balistici vietati dall'approvazione di nove risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dal 2006, tutte con il sostegno russo e cinese.

E il messaggio inviato da questo spettacolo era inequivocabile: non solo gli ucraini dovrebbero stare in guardia, ma anche gli Stati Uniti e i loro alleati. Nei 18 mesi trascorsi dal lancio dell'invasione dell'Ucraina, la Russia non è diventata così isolata come i leader occidentali vorrebbero farci credere. L'economia russa vacilla sotto l'effetto delle sanzioni occidentali. Tuttavia, il suo peso politico e diplomatico conta ancora in Africa e in vaste aree del Medio Oriente, dove i leader locali hanno fornito a Putin una parvenza di rispettabilità, mentre la Cina si è allineata con i russi anche per il desiderio di Pechino di incorporare la democratica Taiwan sotto il suo dominio. Quando si tratta dell'hard power della Russia - le sue capacità militari e la sua preparazione militare - l'Iran, la Bielorussia ed ora, la Corea del Nord sono i suoi alleati più affidabili, liberi come sono da qualsiasi risposta retorica dell'odiato Occidente.

È facile per i circoli dominanti della Corea del Nord e dell'Iran dare il loro appoggio ai russi perché non devono preoccuparsi dell'opinione pubblica. In entrambi gli Stati, qualsiasi protesta o espressione di dissenso è accolta con torture, omicidi e sparizioni. La differenza, tuttavia, è che le crepe all'interno del regime di Teheran hanno consentito la protesta dei comuni cittadini iraniani, con manifestazioni anti-regime che hanno raggiunto un crescendo senza precedenti nell'ultimo anno, insieme alle aspettative odierne che queste siano sulla soglia della rinascita. In Corea del Nord non ci sono proteste, almeno nessuna di cui siamo a conoscenza. Mentre in Iran i manifestanti trovano invariabilmente il modo di pubblicare materiale su Internet anche quando le autorità lo chiudono, in Corea del Nord nessuno al di fuori della cerchia ristretta del regime ha accesso online illimitato. I gruppi per i diritti umani affermano che le chiavette USB sono il principale mezzo di distribuzione del materiale censurato, dagli articoli nei punti vendita occidentali ai film e alle serie TV occidentali. Ma anche questo è straordinariamente rischioso. “Il governo ha intensificato la repressione dei media stranieri", ha detto In Kyung, fuggito dalla Corea del Nord nel 2017, al gruppo per i diritti umani denominato Libertà in Corea del Nord. “Dopo aver assistito a un'esecuzione pubblica nel 2012, non ho osato guardare nessuno dei CD di soap opera che avevo copiato.” In definitiva, ciò che rende la Corea del Nord così terrificante – la Repubblica Democratica Popolare di Corea è il suo nome ufficiale, nonostante sia decisamente antidemocratica e governata da un individuo miserabile che è più uno zar che un presidente - è la sua  natura di base. A mio avviso, non è tanto un Paese quanto un campo di concentramento con un seggio alle Nazioni Unite.  Per decenni, ormai, il regime ha gestito almeno cinque di questi campi, alcuni dei quali delle dimensioni di grandi città, dove sono state incarcerate, torturate e sfruttate come schiavi fino a 120.000 persone. Altrettanto brutale è il principio per cui chiunque si pronunci contro la repressione - i campi, la fame forzata, la mancanza di ogni libertà di movimento - rischia la punizione della sua intera famiglia. La base del regime è il suo sistema di organizzazione sociale "Songbun", che divide i sudditi nordcoreani in tre categorie: “leali”, “titubanti” e “ostili”. Essere classificati negli ultimi due è di fatto una condanna a morte dopo un lungo periodo di detenzione e tortura. La maggior parte degli ebrei nel mondo raramente ha occasione di pensare alla Corea del Nord. Non ci sono ebrei lì, e il regime, sebbene ideologicamente allineato con i più letali avversari di Israele, non ha mai fatto della causa palestinese il suo fulcro. Tuttavia, non c’è dubbio: la minaccia è reale e il regime è abbastanza fanatico da rispettare i suoi spaventosi avvertimenti. Questo è il motivo per cui i combattimenti nel Sud e nell'Est dell'Ucraina hanno un significato veramente globale: qualsiasi successo sul campo di battaglia da parte dei russi sarà accolto a braccia aperte dal regime nordcoreano, che non desidera altro che un Occidente  intaccato e diviso, si confronti  con la coalizione autoritaria di cui fa parte.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT