martedi` 05 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
La Svezia deve impedire i roghi pubblici di libri religiosi 09/07/2023
La Svezia deve impedire i roghi pubblici di libri religiosi
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz) 

 https://www.jns.org/world-news/books/23/7/7/300895/

Heinrich Heine | German Poet, Journalist & Satirist | Britannica
Heinrich Heine


Com’è noto, il grande scrittore tedesco Heinrich Heine, nella sua opera teatrale del 1821 “Almansor”, ambientata in Spagna durante l'Inquisizione, aveva osservato che “ovunque vengano bruciati i libri, alla fine bruceranno le persone.” Quasi un secolo dopo la sua morte, i nazisti apparentemente fecero tesoro del detto di Heine, organizzando cerimonie pubbliche di roghi di libri che furono accompagnate dall'arresto, dalla brutalizzazione, dalla deportazione e infine dallo sterminio dei nemici del regime, primi fra tutti gli ebrei della Germania. Sia l'intuizione di Heine che la varietà di libri bruciati dai nazisti: titoli per bambini come il meraviglioso “Emil e i detective” di Erich Kastner, il classico della Prima guerra mondiale di Erich Maria Remarque “Niente di nuovo sul fronte occidentale”, romanzi di scrittori ebrei come Franz Kafka e Max Brod , opere di pensatori proscritti come Karl Marx, Sigmund Freud e, naturalmente, lo stesso Heine, hanno cementato nelle menti liberali l'idea che le restrizioni alla libertà di parola e di coscienza siano indissolubilmente legate agli abusi più obbrobriosi dei diritti umani.          

Chiunque abbia visto le centinaia di titoli dati alle fiamme dai nazisti, che sono esposti allo Yad Vashem, il memoriale nazionale israeliano della Shoah, non può che uscirne convinto che Heine avesse assolutamente, pericolosamente ragione. Nel nostro secolo, tuttavia, quella logica è stata capovolta. Ora, il rogo dei libri è diventato un simbolo della libertà di parola. Per coloro che vi si impegnano, l'atto di dare fuoco alla parola stampata è un'affermazione della propria libertà di coscienza, nonché un'affermazione che nessun libro, e quindi nessun credo o sistema di fedi, è troppo sacro per sfuggire a questo destino.                                                                                                         

In Svezia, sono i libri religiosi considerati sacri dai loro fedeli che vengono allineati, pronti per i falò degli attivisti, che insistono nel dar loro fuoco agendo in difesa delle libertà fondamentali. A gennaio, un provocatore di nome Rasmus Paludan aveva bruciato una copia del Corano, il libro sacro dell'Islam, davanti all'ambasciata turca di Stoccolma, provocando la furia di tutto il mondo musulmano e mettendo potenzialmente a repentaglio la candidatura della Svezia ad aderire all'alleanza di difesa della NATO, di cui anche la Turchia è membro.   

All'inizio di questo mese, l'atto è stato ripetuto da Salwan Momika, un rifugiato iracheno cristiano di 37 anni, che ha bruciato il Corano e poi, per sicurezza, ha calpestato le sue pagine fumanti. Nel frattempo, la polizia svedese ha ricevuto ulteriori richieste di bruciare copie del Corano in pubblico “il prima possibile”, ha chiesto un richiedente. Ora, un uomo di 34 anni in possesso sia della cittadinanza egiziana che di quella svedese, sta chiedendo il permesso di bruciare la Torah, i cinque libri di Mosè che vivono nel cuore della religione ebraica, fuori dall'ambasciata israeliana a Stoccolma, così come un Bibbia cristiana nella Sergels Torg (“Piazza Sergel”) della capitale svedese. “Bruciare libri sacri è una cosa disgustosa, ma io sono arrabbiato e voglio avere un dibattito”, ha detto al notiziario svedese Dagens Nyheter. 

C’è più di un pizzico di follia in tutto questo. “Sono sconvolto e inorridito dalla prospettiva del rogo di altri libri in Svezia, sia che si tratti del Corano, della Torah o di qualsiasi altro libro sacro. Questo è chiaramente un atto di odio che deve essere fermato”, ha dichiarato su Twitter l'ambasciatore israeliano a Stoccolma Ziv Nevo Kulman. Eppure l'organismo che potrebbe porre fine ai roghi ( in questo caso la magistratura svedese) li sta in realtà consentendo, con la Corte d'Appello del Paese che quest'anno ha annullato le decisioni della polizia di vietare due roghi del Corano pianificati separatamente. Il tribunale in questo caso ha ragione? Il rogo di libri religiosi può essere legittimamente considerato una libertà di parola protetta costituzionalmente?                              

Qui in America c'è poco da dibattere su questo punto. Il Primo Emendamento ci consente di bruciare bandiere nazionali e testi religiosi, di distribuire volantini che negano la Shoah o che incolpano gli ebrei per la pandemia di COVID-19, e indossare bracciali con svastica e altri oggetti di odiosa provenienza. Tutto ciò esiste all'interno di una cultura abituata a consentire esattamente i tipi di discorso che la maggior parte di noi trova irrimediabilmente offensivi.                                              

Ma in Europa, l'impatto concomitante nell'ultimo secolo di comunismo, fascismo e nazionalsocialismo ha portato a restrizioni significative sull'incitamento all'odio; durante la pandemia, ad esempio, le autorità della città tedesca di Monaco hanno vietato ai manifestanti no-vax di appropriarsi del simbolo della Stella di David, cosa che hanno fatto per paragonare la loro situazione alla sofferenza degli ebrei sotto il dominio nazista. Inoltre, il dibattito è stato pesantemente influenzato dall'esperienza del continente con la militanza islamista negli ultimi 20 anni.  Tutto è nato nel 2005, quando il quotidiano danese Jyllands-Posten aveva pubblicato una serie di vignette satiriche sul profeta Maometto, in violazione del principio islamico secondo cui il fondatore della fede non dovrebbe mai essere rappresentato in forma artistica. Dieci anni dopo, la rivista satirica francese Charlie Hebdo fu bersaglio di un brutale attentato terroristico provocato in parte dalla ripubblicazione delle stesse vignette (quando la rivista riprese le pubblicazioni dopo l'atrocità avvenuta, la sua prima copertina mostrava un'altra caricatura di Maometto, questa volta con una goccia di lacrima all'angolo dell'occhio e il messaggio di accompagnamento “Tout est pardonné”, ovvero “Tutto è perdonato.”)  A mio avviso, la produzione e la pubblicazione di vignette di satira o di denigrazione dei precetti fondamentali dell'Islam, o addirittura di qualsiasi altra fede, è un atto del tutto legittimo che merita la protezione delle autorità. Ma bruciare il Corano, e allo stesso modo la Torah, i Vangeli, la Bhagavad Gita o qualsiasi altro libro sacro, non lo è.  Ecco la differenza.  Il disegno di un cartone animato è un atto creativo il cui obiettivo è costringere lo spettatore a mettere in discussione le proprie ipotesi su un particolare argomento o a considerare quell'argomento sotto una luce completamente diversa, cercando di provocare una risata, di smuovere le acque o entrambi. Certo, non tutte le vignette saranno in grado di trasmettere il proprio messaggio ed evitare il fanatismo generalizzato - le caricature che ci incoraggiano a considerare i musulmani come terroristi assetati di sangue o gli ebrei come loschi finanzieri dal naso adunco sono purtroppo inevitabili - ma in una democrazia liberale, è responsabilità dei redattori degli organi di stampa indipendenti esercitare un giudizio adeguato su tali questioni, piuttosto che demandare l’inadempienza alle autorità che s’incaricano della censura, come avviene nella maggior parte dei paesi musulmani. In altre parole, non vogliamo o non abbiamo bisogno che il governo ci dica cosa possiamo o non possiamo pubblicare. Ma non è così con i roghi di libri. Questi sono atti di distruzione che trasformano ancora una volta in realtà la massima di Heine, inviando il messaggio che bruciando i tuoi testi sacri stiamo dichiarando le nostre intenzioni nei tuoi confronti. Dato che l'incitamento al genocidio o alla pulizia etnica non può mai essere un elemento legittimo del dibattito democratico, i tribunali possono tranquillamente porre il veto ai suoi sostenitori senza creare un precedente più ampio. Questo è ciò che le autorità svedesi devono fare ora.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT