martedi` 04 ottobre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'esempio di Golda Meir


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
‘La giustizia Basmanny’ e gli ebrei della Russia 29/08/2022
‘La giustizia Basmanny’ e gli ebrei della Russia
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Stop Your Cruel Oppression of the Jews”: Reading a Cartoon | Yannay Spitzer
Il Presidente americano T. Roosevelt chiede allo zar Nicola II di porre fine all'antisemitismo in Russia in una vignetta del 1904


A  sei mesi dall'inizio della guerra in Ucraina, la Russia sta diventando di nuovo la Russia. Con questo, intendo la Russia predatrice e prepotente che conosciamo dalla storia. La Russia che perseguita ebrei e altre minoranze, sia sotto gli zar che sotto i bolscevichi. La Russia che deride la libertà di parola, la libertà di riunione e gli altri preziosi diritti individuali che prevalgono nell'Occidente democratico, mentre promuove il proprio marchio di ideologia nazionalista e oscurantista. Quando si tratta della “questione ebraica”, come amavano chiamarla i bolscevichi, l'ostilità della Russia è perfettamente riconoscibile. Per gran parte dell'era di Putin, quella realtà è stata oscurata, poiché il dittatore russo ha attivamente promosso l'impressione di un atteggiamento benevolo nei confronti della minoranza ebraica del Paese, assistito in questo compito da un certo numero di influencer ebrei all'estero che in realtà avrebbero dovuto conoscerlo meglio. Ma, come era prevedibile, al primo sentore di una crisi geopolitica, gli ebrei sono stati nuovamente ingaggiati nel ruolo dei cattivi. In una recente intervista con la traduzione in lingua russa di Voice of America, Natan Sharansky, l'ex ebreo sovietico refusenik che è stato a capo dell'Agenzia ebraica dal 2009 al 2018, ha osservato che la Russia è “quasi completamente isolata dal mondo libero.” Come un animale ferito, di conseguenza si scaglia contro i suoi avversari, cercando di trovare e fare pressione sui punti deboli. Sharansky ha indicato l'esempio della Germania, dove il prossimo inverno è atteso con timore, data la dipendenza tedesca dal settore energetico russo pesantemente sanzionato. “Stanno spaventando la Germania con il fatto che le persone inizieranno a morire di freddo in inverno”, ha detto Sharansky. In Israele, ovviamente, gli inverni miti e la mancanza di dipendenza dal gas naturale russo - all'inizio di quest'anno, l'Unione Europea ha persino firmato un accordo per importare gas naturale israeliano ed egiziano con l’obiettivo di rendere il blocco indipendente dalle forniture russe – suggeriscono che il regime di Mosca deve premere su un tasto diverso. “Allo stesso modo, stanno iniziando a fare pressione su di noi, usando l'Agenzia Ebraica”, ha sottolineato Sharansky. La campagna russa contro l'Agenzia Ebraica, che assiste gli ebrei che desiderano emigrare in Israele, è stata lanciata alla fine del mese scorso. Il Ministro della Giustizia russo ha presentato una proposta legale per chiudere le operazioni locali dell'agenzia, sostenendo che veniva gestito un database di cittadini russi in violazione della legge russa. Il tribunale dove è stata depositata la causa contro l'Agenzia Ebraica, il tribunale distrettuale di Basmanny, è diventato l'emblema, per quanto riguarda i dissidenti russi, della politicizzazione del sistema giudiziario del Paese. Mikhail Khodorkovsky, un tempo l'uomo più ricco della Russia fino a quando nel 2005 il Presidente russo Vladimir Putin non l’aveva condannato per frode fiscale, ha persino coniato il termine “giustizia Basmanny”  per descrivere lo stato tristemente compromesso della magistratura russa. E la “giustizia Basmanny” è senza dubbio quello che c’è in serbo per l'Agenzia Ebraica.

Il 19 agosto una prima udienza in tribunale è stata posticipata di un mese dopo alcune controversie legali. Gli avvocati dell'Agenzia Ebraica avevano inizialmente richiesto una procedura di mediazione stragiudiziale, una proposta che gli avvocati del governo russo avevano sbrigativamente respinto. Ci si aspetta che entro la metà di settembre,  l'agenzia abbia elaborato un piano per garantire che le sue operazioni siano conformi alla legge. La posizione ufficiale della Russia è che il suo tentativo di chiudere l'agenzia non è motivato politicamente. “Ci sono problemi dal punto di vista del rispetto della legge russa”, ha affermato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov. “La situazione non dovrebbe essere politicizzata o proiettata sull'insieme delle relazioni russo-israeliane”. Ma quell'analisi è falsa, per non dire altro. Dall'inizio dell'invasione russa, il regime di Mosca è stato sempre più deluso dal sostegno diplomatico e umanitario del governo israeliano nei confronti dell'Ucraina, e non può non aver notato le grandi manifestazioni filoucraine che sono state organizzate a Tel Aviv e in altre città israeliane. L'antisemitismo si è insinuato nuovamente nel discorso russo, in particolare attraverso la famigerata dichiarazione del Ministro degli Esteri Sergey Lavrov secondo cui Hitler aveva “sangue ebreo”, a sua volta un grido di frustrazione per il fatto che la maggior parte degli israeliani considera con il disprezzo che merita la demonizzazione russa del governo eletto dell'Ucraina come “neo-nazista”. Nell'immaginazione degli antisemiti russi, gli ebrei sono sempre stati descritti come una quinta colonna aliena. Prima della presa del potere nazista in Germania, la Russia era probabilmente il principale innovatore in termini di ideologia antisemita, con la polizia segreta zarista, l’Okhrana, che nel 1903 aveva fabbricato “ I Protocolli dei Savi di Sion.”  Dopo la Seconda Guerra Mondiale, sotto il governo di Joseph Stalin e dei suoi successori, l'antisemitismo divenne una politica ufficiale, con gli ebrei sovietici collettivamente etichettati come potenziali agenti del “sionismo”, che nella propaganda sovietica divenne una sinistra forza globale per la promozione del capitalismo e della colonizzazione nei Paesi in via di sviluppo. Proprio come i leader russi di oggi diffamano l'Ucraina con l'etichetta di “nazista”, così i loro predecessori comunisti avevano fatto lo stesso con Israele, giungendo a pubblicare vignette che ritraevano sfrontatamente Menachem Begin, il defunto Primo Ministro israeliano, con indosso un'uniforme delle SS. In quest’ultimo anno, l'antisemitismo è ricomparso nelle dichiarazioni dell'élite russa.

Un articolo pubblicato lo scorso ottobre dall'ex Primo Ministro russo, Dimitry Medvedev, aveva aspramente attaccato  il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky per essersi travestito da ucraino quando in realtà è un ebreo ashkenazita. Nel frattempo, l'ideologo dell’”Eurasianesimo” - Alexander Dugin, un filosofo politico, analista e stratega russo noto per le sue opinioni ultranazionaliste - è famoso per aver sostenuto che gli ebrei possono essere essenzialmente divisi nelle categorie di “buoni” e di “cattivi.”  Secondo Dugin, solo gli ebrei osservanti che vivono come cittadini tranquilli e leali sono accettabili. Tutti gli altri non lo sono.  E anche questa suddivisione per alcuni non è sufficiente; in una rassegna dettagliata delle politiche russe nei confronti degli ebrei, Dmitry Shlapentokh dell'Istituto di Russia Moderna ha menzionato ai suoi lettori ideologi come lo storico sovietico Lev Gumilev, che considerava gli ebrei l'unica eccezione nel mosaico di nazionalità comunque felice raccolto dall'Unione Sovietica. Gumilev ha sostenuto che gli ebrei sovietici coesistevano con altre nazionalità in modo innaturale, creando un senso artificiale di unità nazionale. Non c'è da stupirsi se, con il rinnovarsi di queste idee tossiche, più di 20.000 ebrei russi, almeno il 10% della comunità, siano emigrati in Israele da quando l'Ucraina è stata invasa, e non c'è da stupirsi se molti altri vorrebbero fare lo stesso. Ancora una volta, ci sono scritte sui muri contro gli ebrei russi. Il dovere dei loro amici ebrei è abbastanza chiaro: portarne il maggior numero possibile fuori dalla Russia il più rapidamente possibile. Perché la Russia è di nuovo la Russia. E gli ebrei sanno meglio di tutti cosa questo significa.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT