lunedi` 02 agosto 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Onu criminalizza ancora Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Il modo ‘giusto’ di essere antisemiti secondo Human Rights Watch 27/06/2021
Il modo ‘giusto’ di essere antisemiti secondo Human Rights Watch
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)


Solo una ONG generosamente finanziata e sostenuta da celebrità, totalmente convinta della propria rettitudine, avrebbe la faccia tosta di offrire consigli sulla lotta all'antisemitismo, poche settimane dopo aver etichettato l'unico Stato ebraico del mondo, come la fedele reincarnazione del regime di apartheid in Sudafrica della minoranza bianca. Come al solito, questo è esattamente ciò che Human Rights Watch (HRW) ha fatto la scorsa settimana. Non tutto nell'analisi di HRW sull' “ondata di attacchi antisemiti” contro degli ebrei americani scoppiata in tandem con il rinnovato conflitto di maggio tra Israele e Hamas, era discutibile. Gli assalti hanno ricordato che “l'estrema destra non ha il monopolio dell'antisemitismo”, ha scritto Eric Goldstein, l'autore dell'analisi. “Una cosa è chiara”, ha concluso. “Attaccare o usare insulti razzisti contro un ebreo a causa di ciò che il governo di Israele può star facendo, è antisemitismo.”

Anche se questo potrebbe far sembrare che HRW tenda un ramoscello d'ulivo alla comunità ebraica, dopo anni in cui si incolpavano le politiche israeliane nei confronti dei palestinesi per l’insorgere dell’antisemitismo in tutto il mondo, purtroppo non è così. A un esame più attento, la visione istituzionale di HRW su cosa sia l'antisemitismo e come dovrebbe essere contrastato, si rivela essere un dito medio brutalmente puntato nella nostra direzione, tanto che è difficile sapere da dove cominciare. La scelta di Goldstein di esporre il concetto di antisemitismo contemporaneo secondo HRW è probabilmente un’ occasione buona come un'altra. Perché un individuo, il cui titolo professionale è “direttore esecutivo ad interim, Divisione Medio Oriente e Nord Africa di HRW”, esprime opinioni sui crimini d'odio (sebbene non li classifichi mai come tali) prendendo di mira una comunità di minoranza relativamente piccola negli Stati Uniti? In che modo esattamente, uno specialista del Medio Oriente è qualificato per fornire informazioni sulle migliori pratiche per garantire sicurezza alle nostre sinagoghe e scuole, o combattere l'incitamento all'odio antisemita online, o proteggere ebrei visibilmente identificabili che sono particolarmente vulnerabili alla violenza di strada, o educare le forze dell'ordine sulle tendenze dell’antisemitismo? o una qualsiasi delle altre sfide pratiche reali e dolorose che la nostra comunità sta attualmente affrontando? Questo è il nocciolo del problema. Come nel caso di altre recenti iniziative di contrasto all’antisemitismo di cui ho già scritto, il beneficiario designato di questi interventi non è la comunità ebraica, ma il movimento di lotta nazionale palestinese e la sua lobby, che ha un’influenza a livello globale. In questo senso, Goldstein, che ha un nome ebraico ed è un difensore dei diritti dei palestinesi, è la persona ideale per far fronte al tentativo di HRW di svincolare l'ultimo round di demonizzazione di Israele dall'antisemitismo in cui è radicato, che è l'obiettivo principale della sua analisi. Ma se il proprio obiettivo è aiutare la comunità ebraica arrestando l'attuale marea antisemita, non si può fare a meno di rimanere sbalorditi dalle questioni che Goldstein ignora e, a loro volta, da quelle che affronta.

HRW urges Tunisia to free man jailed for homosexuality - Africa Cup of  Nations 2019
Eric Goldstein

Per cominciare, cita due delle tante violenze antisemite registrate a maggio in tutto il Paese: l'assalto a commensali ebrei in un ristorante di Los Angeles e il selvaggio pestaggio di un ebreo a Midtown Manhattan. Quando si denunciano crimini d'odio, è consuetudine identificare i responsabili con il maggior numero di informazioni accurate possibili, e se Goldstein scrivesse di un assalto agli ebrei commesso da suprematisti bianchi o skinhead neonazisti, probabilmente non avrebbe scrupoli a rivelare questi elementi fondamentali al fine di migliorare la comprensione dell'episodio da parte dei lettori. Invece l'analisi di Goldstein degli eventi di maggio dà l'impressione che gli autori di questi assalti fossero senza nome e senza volto, motivati solo da un'idea sbagliata di ciò che implica la solidarietà con il popolo palestinese. Gli assalitori a Los Angeles sono stati indicati semplicemente come “un gruppo”, mentre gli aggressori a New York erano semplici “assalitori.” Non sono stati forniti ulteriori dettagli. Da un'ampia copertura nei media ebraici e in quelli generalisti sappiamo che la stragrande maggioranza delle persone arrestate durante i recenti attacchi, compresi quelli a Los Angeles ed a Manhattan, erano maschi arabo-americani, principalmente nella tarda adolescenza o nei primi vent'anni. Per un mix di ragioni ideologiche e istituzionali, questo fatto è troppo sgradevole perché HRW lo possa combattere. L'organizzazione teme di essere accusata di fomentare il razzismo anti-arabo e anti-musulmano, ed è riluttante a criticare gli "oppressi" nella loro lotta contro l'"oppressore", e quindi questo aspetto del problema viene puntualmente sepolto. Ancora una volta, questo perché lo scopo ultimo dell'analisi di HRW è salvare l'antisionismo dalla fogna dell'antisemitismo. Realtà scomode che minano quella netta divisione - come gli attacchi di cui sopra, o gli islamisti in auto, che hanno attraversato i quartieri ebraici di Londra, minacciando attraverso un megafono di “stuprare le vostre figlie”, o i manifestanti musulmani nella città tedesca di Gelsenkirchen che hanno cantato "ebrei di m…!” in estatico unisono - sono solo d’intralcio. Per Goldstein e HRW destano di gran lunga maggiore preoccupazione le iniziative esistenti per combattere l'antisemitismo, che in realtà godono del sostegno della maggioranza della comunità ebraica.

Goldstein concorda sul fatto che la nomina da parte dell'amministrazione Biden dell'inviato speciale del Dipartimento di Stato per combattere l'antisemitismo – un incarico originariamente creato nel 2004 dall'amministrazione di George W. Bush – sia una questione urgente, ma non perché l'antisemitismo stia terrorizzando le comunità ebraiche all'estero. “Biden dovrebbe garantire che l'inviato che nomina sia anche impegnato a ridurre gli sforzi fatti dall'amministrazione Trump per bollare vaste aree delle critiche israeliane come antisemite, perché hanno mal servito alla causa della lotta all'antisemitismo reale”, ha scritto Goldstein. "Il vero antisemitismo", sembrerebbe, è limitato a quegli incidenti in cui gli ebrei sono aggrediti fisicamente e subiscono abusi razzisti. Qualsiasi cosa di più sottile, come negare il diritto del popolo ebraico ad avere uno Stato, o isolare lo Stato ebraico con il tipo di distanziamento sociale che tutti noi abbiamo sperimentato personalmente nell'ultimo anno, non è affatto antisemitismo. In realtà, il vero problema è costituito da coloro che nella comunità ebraica dicono il contrario, insieme alla definizione operativa dell'antisemitismo approvato dall'International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) che include inutilmente espressioni antisioniste come parte della definizione. Alla fine di maggio, il capo di Goldstein in HRW, Ken Roth, ha twittato che era “SBAGLIATO mettere sullo stesso piano il popolo ebraico con l'apartheid e con il bombardamento mortale del governo del Primo Ministro [Benjamin] Netanyahu.” Non bisogna fraintendere, questo è il vecchio screditato messaggio che la sinistra antisionista ha lanciato per decenni: “ Se Israele è cattivo, non lo sono necessariamente gli ebrei.” Ora lo porta avanti HRW, in nome della difesa dei diritti umani.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT