mercoledi` 22 settembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cos'è Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Ben Cohen
Antisemitismo & Medio Oriente
<< torna all'indice della rubrica
Cosa significa ‘giustizia per Sarah Halimi’? 30/05/2021
Cosa significa ‘giustizia per Sarah Halimi’?
Analisi di Ben Cohen

(traduzione di Yehudit Weisz)



Sarah Halimi

Questa settimana, sulle pagine di cronaca della stampa francese è stato riportato un episodio particolarmente orribile. Ha attirato la mia attenzione perché alcuni dettagli ricordavano in modo inquietante il caso di Sarah Halimi, la signora ebrea di 65 anni che nell'aprile del 2017 fu brutalmente uccisa nel suo appartamento di Parigi dal suo vicino antisemita, che, esattamente quattro anni dopo, fu ritenuto dalla più alta corte di giustizia francese, criminalmente irresponsabile per il suo atto, presumendo che il suo consumo di marijuana la notte dell'omicidio aveva cancellato la sua capacità di discernimento e il controllo delle sue azioni. L' incidente di lunedì scorso ha coinvolto una ragazza di 17 anni e un giovane di 21 anni. Come nel caso Halimi, è avvenuto nelle prime ore del mattino, poco prima dell'alba, in un affollato quartiere di Parigi Est. E ancora, come nel caso Halimi, sono state le urla strazianti della vittima a svegliare molti degli abitanti di Place Jean-Ingres a Garges-lès-Gonesse, che hanno poi inondato la polizia locale di chiamate di emergenza. Molti di questi residenti guardando fuori dalle finestre, alcuni con in mano la fotocamera del cellulare, hanno visto l'uomo costringere con la violenza la giovane donna a compiere un atto sessuale. Ha preso a pugni e calci la sua vittima ripetutamente, e poi l'ha violentata mentre lei giaceva indifesa a terra. Per fortuna, e in netto contrasto con il loro ritardato intervento nel caso Halimi, secondo quanto riferito gli agenti di polizia sono stati sulla scena “pochi minuti” dopo essere stati allertati e hanno agito immediatamente. Hanno neutralizzato l'aggressore, che in quel momento era nudo dalla vita in giù, e hanno portato la vittima in ospedale, dove attualmente è in vita ma versa in grave stato di shock.

Sarah Halimi: Thousands protest decision not to try Jewish woman's killer |  Euronews

Nel caso di Sarah Halimi, temendo di avere a che fare con un terrorista islamico armato, gli agenti di polizia giunti sul posto avevano esitato davanti al suo appartamento mentre il killer accusato del suo omicidio, Kobili Traoré, continuava a colpire la sua vittima fino alla morte. L’ analogia più eclatante tra il caso Halimi e questo riguarda lo stato mentale dell'aggressore. I test effettuati dalla polizia hanno rivelato che l’uomo accusato di stupro aveva poco più di 0,75 grammi/litro di alcol nel sangue, una quantità che per gli standard americani sarebbe relativamente bassa. Tuttavia, è stato sufficiente per incriminare l'aggressore con l'accusa di “stupro commesso da persona in evidente stato di ubriachezza.” Nella cronaca di questa scioccante vicenda riportata dai media, nulla suggerisce che l'aggressore potrebbe seguire il percorso del tossicodipendente Traoré, il cui uso cronico di marijuana gli ha permesso di superare il confine tracciato dal codice penale francese tra l'omicidio intenzionale commesso da persone sane di mente e l'omicidio involontario commesso da uno psicopatico. Interrogatori della polizia con Traoré, ora 32enne, hanno rivelato che nel suo stato alterato, lui era rimasto “traumatizzato” alla vista di una menorah e di candele dello Shabbat nell'appartamento di Sarah Halimi (simboli ebraici che alcuni definiscono segni del diavolo). Mentre colpiva Sarah, prima di gettare il suo corpo fuori da una finestra del terzo piano, Traoré urlava che lei era Shaitan , Satana in arabo. Seguendo la stessa logica, l'accusato di stupro sopra descritto, dovrebbe essere in grado di fare lo stesso percorso legale. Il nostro cliente era ubriaco fradicio, potrebbero obiettare i suoi avvocati, e quindi non aveva il controllo del suo discernimento. C'era qualcosa nell'abito o nei modi della sua vittima che lo hanno “traumatizzato”, potrebbero aggiungere, e dal momento che ha consumato un drink di troppo quella notte (ricordate, lo stato mentale di Traoré sarebbe stato alterato da un “attacco psicotico acuto ” per uno spinello di marijuana, secondo la sentenza della Corte nella causa Halimi), il nostro cliente non può essere ritenuto penalmente responsabile per lo spaventoso abuso sessuale e la violenza fisica che ha inferto alla vittima, poiché proprio questo comportamento è stato causato da uno stato di delirio alcolico. A questo punto gli avvocati offrirebbero scuse solenni alla famiglia della vittima, proprio come hanno fatto gli avvocati di Traoré con i familiari di Sarah Halimi.

Ma sull’onda della pagliacciata Halimi, ora in Francia c'è meno magnanimità nei confronti dell'idea che il crollo mentale causato dall'uso di alcol o droghe, possa esonerare qualcuno da un processo penale. Il Senato francese ha appena adottato la prima bozza di un disegno di legge che modificherebbe il codice penale chiudendo questa via di fuga per i trasgressori. Ma tutto questo, ovviamente, arriva troppo tardi per Halimi e la sua famiglia. Traoré non deve mai preoccuparsi di dover affrontare un processo penale in Francia. A discrezione dei suoi medici, prima o poi verrà probabilmente dimesso dall'ospedale psichiatrico, essendo già stato dimesso più di un anno fa, dall'unità psichiatrica di sicurezza dove era stato detenuto in origine. Quindi, quando sentiamo il nobile slogan “Giustizia per Sarah Halimi”, siamo costretti a considerare se, realisticamente, quelle parole significano qualcosa. La giustizia in Francia, nel senso strettamente giuridico del termine, le è già stata negata. Le uniche altre possibili vie giudiziarie a questo punto sono la Corte Europea dei Diritti Umani, che prevede un lungo percorso, oppure portare a processo Traoré in Israele, in base alla legge sull’antisemitismo dello Stato ebraico, come alcune persone piuttosto speranzose hanno suggerito; tuttavia, i francesi categoricamente non concedono estradizioni. In una recente manifestazione online per Sarah Halimi, suo figlio, Yonatan, ha consegnato un duro messaggio agli ebrei francesi. “Mia madre ci ha sempre insegnato ad assumerci le nostre responsabilità. … È molto pesante per noi assistere al fatto che oggi, né il sistema giudiziario né le autorità competenti, si siano assunti le proprie responsabilità”, ha affermato e poi ha aggiunto “ognuno di noi deve garantirsi la propria sicurezza perché, purtroppo, la sicurezza in Francia non è garantita.”

Alcuni potrebbero interpretare quest'ultima riga come un appello a una maggiore autodifesa comunitaria; altri potrebbero sentire in esso un grido per esortare più aliyah verso Israele; e altri ancora potrebbero prenderlo come una semplice constatazione di fatto. Dopotutto, meno di un anno dopo l'omicidio di Sarah Halimi, un'altra donna ebrea che viveva da sola a Parigi, Mireille Knoll , 85 anni, sopravvissuta alla Shoah, è stata derubata, pugnalata a morte e poi data alle fiamme da due giovani che la depredarono sulla base della convinzione che gli ebrei, perché ricchi e legati ai loro soldi, hanno sempre un sacco di soldi nascosti nelle loro case. La Francia non è in grado di garantire che un'altra atrocità di questo tipo non si ripeta. Né, francamente, lo è alcun altro Paese europeo. E’ vero, a causa del terribile calvario di Sarah Halimi, è improbabile che un futuro killer in Francia possa trasformare un'abitudine alla droga nella possibilità di sfuggire alla legge, e questo è positivo. Comunque sia, per quanto riguarda la legge, questa è tutta la giustizia che c'è.

Ben Cohen Writer - JNS.org
Ben Cohen, esperto di antisemitismo, scrive sul Jewish News Syndicate

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT