lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Periscopio 04/03/2023
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 04/03/2023, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

Józef Czapski - Wikipedia
Józef Czapski

Sono stato torturato dai russi. Mi sono stati rotti i denti, ho perso parte dell’udito, i miei muscoli si staccano dalle ossa. Vladislav, volontario ucraino (Bernard-Henri Lévy, La règle du jeu).

[1941. Buzuluk, Russia orientale]. Una moltitudine d’ucraini, soprattutto donne e bambini, [erano stati] condotti lì già più d’un decennio prima, al tempo dell’introduzione dei kolchoz in Ucraina. Gli uomini, kulaki – in numero di qualche milione (chi diceva tre, chi addirittura cinque) – erano stati deportati nel lontano Nord, mentre le donne e i bambini erano stati sbattuti in Asia centrale. Nei villaggi dal tipico aspetto uzbeko, fra le case di argilla non cotta e il verde degli alberi da frutto, ci si può imbattere oggi in casolari imbiancati con la copertura in paglia, che sembrano presi e trasportati lì dall’Ucraina. Józef Czapski, La terra inumana.

Dopo il giorno dei droni, il giorno dei presunti «sabotatori» ucraini? Dalla regione russa di Brjansk, al confine con l’Ucraina, arrivano notizie confuse di sparatorie e sequestri di ostaggi che vanno prese con cautela. Quel che è certo è che per Putin si è trattato di un «un attacco terroristico». Rosalba Castelletti, Repubblica.

Putin, un terrorista incallito. Dal web.

Pensavamo d’essere un Paese europeo. Adesso [stiamo tornando al] nostro passato asiatico. [...] Il capitalismo di Stato è una strada nel nulla. Guardo con terrore alle risorse che sono state sperperate l’anno scorso. Andare verso una forma di socialismo non porta a nulla, abbiamo già vissuto queste chimere. Oleg Deripaska, oligarca dissidente (Marco Imarisio, Corriere della sera).

Nel Pd comincia la rimpatriata. Bersani apre il varco a Speranza e D’Alema: «Io e tanti compagni pronti a iscriverci». open.online

Parole come cessate il fuoco e negoziato vengono ritenute putinismo. E allora, quel 65% degli italiani che ha paura della escalation nucleare sono tutti pusillanimi o deficienti? [...] Armi per tenere in piedi l’Ucraina indipendente sì, per tenere in piedi la guerra no. Pier Luigi Bersani (Monica Guerzoni, Corriere della sera).

Serghej Lavrov, titolare degli Esteri russo tiene una conferenza stampa blindata a margine del G20. E ancora una volta rinsalda il filo che lega Mosca ad Arcore. Elogia Silvio Berlusconi. Lo definisce «un leader ragionevole, che non [...] cerca di dipingere tutto in bianco e nero o d’intensificare tensioni nel mondo sotto lo slogan della lotta della democrazia contro l’autocrazia». Paolo Mastrolilli, Repubblica.

Berlusconi e Salvini hanno un atteggiamento politico di distinguo proprio sul tema della guerra. Se Schlein assume una posizione antiatlantica, per i due si apre uno scenario ben diverso, nel quale potrebbero tentare di inchiodare Giorgia Meloni su una linea lontana da quella annunciata. È vero che la premier li ha avvisati: in caso di scosse politiche alla maggioranza, non perderò un minuto nel chiedere nuove elezioni (ed è da sperare che Mattarella, spesso irresoluto, onori questa volta il suo mandato sciogliendo le camere). [...] Ma è altrettanto vero che in una Nazione nella quale oltre il 50% degli elettori diserta le urne tutte le avventure sono possibili, come dimostra bene la follia d’aver votato e di votare i seguaci di Beppe Grillo. Domenico Cacopardo, Italia Oggi.

Un nuovo sondaggio Ipsos mostra che il 45% degli italiani si oppone all’invio di armi a Kiev. fanpage.it

Per il 56% dei cittadini la strage [di Cutro è stata] causata dalla carenza dei soccorsi. Titolo di Repubblica.

Ci sono tre tipi di bugie: le bugie, le bugie sfacciate e le statistiche. Mark Twain.

Nel 2019 Giorgia Meloni chiese di bombardare le navi dei soccorsi emigranti. Ora il suo governo lascia morire 63 afghani che fuggivano dai talebani. Rula Jeabrel, un tweet fantasy.

Lungi dall’ergersi alla Cassandra di turno, chi scrive, gravato dagli orrori dell’ultima mareggiata pitagorica, si accinge a vergare l’ultimo fermo disposto in materia d’immigrazione clandestina [...] Si fa peraltro presente, sul canale esperienziale, come, venuta meno la manovalanza russofona, gli aurighi dei natanti siano quasi esclusivamente di nazionalità turca. Michele Ciociola, gip a Crotone.

Gesù, aiutaci. Giuseppe Marotta.

Nel naufragio della pietà, della solidarietà e dell’umanità, lo Stato si è inginocchiato ieri davanti alle bare dei migranti morti nel mare di Calabria: ma il governo non c’era. Ezio Mauro, Repubblica.

A Crotone, davanti a quelle bare, si è stagliata la solitudine di Sergio Mattarella. Mario Lavia, Linkiesta.

[Da parte della signora Schlein] c’è un grande amore per il movimento lgbt, e il Pride è citato come una cosa grandiosa. Nei Pride la morale e la religione del popolo sono irrisi e ingiuriati, ma capisco che il popolo non sia una priorità della signora Schlein. Silvana De Mari, La Verità.

Sono una leccaciuffi. Piena d’oro come tutti gli ebrei. Messaggio sulla chat WhatsApp Sgarbistan, amministratore Vittorio Sgarbi.

Harry e Meghan «allibiti» per la «decisione crudele» del re di sfrattarli dal Frogmore Cottage. Dovremo rivedere il significato di queste parole. «Allibito: reazione di chi non capisce perché, dopo aver spiattellato i litigi familiari in un best seller mondiale, il padre si mostri infastidito». «Decisione crudele: negare una residenza nel parco reale a una coppia che dovrà adattarsi a vivere in una casa di 1200 metri quadri con sette bagni e sala cinema da 37 milioni di dollari». Sebastiano Messina, Repubblica.

La statua della Sirenetta a Copenaghen, simbolo della capitale danese, è stata vandalizzata e dipinta con i colori della bandiera russa. Corriere della sera.

Sito blasfemo. Usano l’intelligenza artificiale per «far parlare» i santi. Titolo della Verità.

I santi sono i gabbamondo di Dio. Roberto Gervaso.

Immagine correlata
Diego Gabutti


Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT