giovedi` 09 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gerusalemme e il Monte del Tempio (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Periscopio 01/07/2022
Riprendiamo da ITALIA OGGI di oggi, 01/07/2022, "Periscopio" a cura di Diego Gabutti.

Summary of the events that occurred in Kherson city and Kherson oblast  during the 90 days of the full-scale Russian-Ukrainian war (February 24 –  May 24 2022)

Sembra talvolta anche a te che la storia di questi nostri anni sia la somma delle cose che ci sono state tenute nascoste [da] una lunga serie di omissis? Sembra talvolta anche a te che la storia italiana degli ultimi decenni del secolo sia una specie di giallo in cui siamo tutti, senza volerlo, coinvolti? Raffaele La Capria, scomparso domenica 26.

All’inizio della guerra i soldati russi che invadevano, devastavano, uccidevano, venivano chiamati «orchi». Gli abitanti di Kherson, la prima città a essere occupata da Mosca, sono stati costretti a chiedere scusa davanti alle telecamere ai cittadini russi per aver osato offendere i loro soldati e nei video ammettevano di aver capito il loro errore dopo aver trascorso un periodo in corsi di rieducazione. […] Dopo l’attacco contro [il centro commerciale] di Kremenchuk, con circa mille persone dentro, c’è un altro termine con cui gli ucraini, anche e soprattutto i russofoni dell’est che Mosca dice di voler liberare, parlano dei soldati: «neljudi», non persone. Micol Flammini, il Foglio.

Noi abbiamo il genio di tutti i popoli, e in più il genio russo, quindi noi vi possiamo capire, mentre voi non potrete mai capire noi. Fëdor Dostoevskij (Bengt Jangfeldt, L’idea russa).

Ha ragione Putin. Lui vuole solo distruggere i laboratori di virus in Ucraina. Un manifestante No-Vax, youtube.com.

Riconquistare e consolidare. È ciò che faceva Pietro il Grande. Ora è il nostro turno di riconquistare e consolidare. Vladimir Putin, asknews.it.

[Glastonbury, concerto di Paul McCartney per l’Ucraina]. Paul McCartney è il più generoso dei grandi vecchi del rock. Con lui il pubblico ritrova il sapore dell’origine, il suono di un altro modo di stare al mondo. Cantiamo i Beatles contro il terrorismo e cantiamo i Beatles contro l’invasione dell’Ucraina perché sono la colonna sonora dell’identità aperta dell’Occidente, del suo cuore e dei suoi eccessi, della nostra libertà. Francesco Merlo, la Repubblica.

Dunque è andata così: Barack Obama ha avuto una maggioranza mai vista e non l’ha usata per fare una legge federale che regolamentasse l’aborto; a seconda di chi siano tifosi, gli studiosi di leggi americane ti dicono che non l’ha fatto […] come non ha fatto mille altre cose, tra cui i nuovi giudici della Corte Suprema. Le militanti strepitano perché Donald Trump ne ha fatti tre, e non s’accorgono mai mai mai che stanno dicendo: è stato più bravo. […] Se Obama fosse stato bravo a fare il presidente quanto a venire bene in foto, chissà dove saremmo. Guia Soncini, Linkiesta.

Cassidy Hutchison, all’epoca dei fatti assistente del capo staff della Casa Bianca Mark Meadows, ha testimoniato davanti alla commissione di inchiesta. L’ex presidente sapeva che c’erano persone armate [a Capitol Hill] e avrebbe cercato di prendere la limousine presidenziale per raggiungere la manifestazione. Linkiesta.

Mi piace stare in America! / OK per me in America! È tutto gratis in America, / solo qualche piccola tassa in America! Bernstein e Sondheim, West Side Story.

Grillo sventola una falsa banconota da mille euro, sfodera una banana, le esibisce ai giornalisti per opporre alla loro dozzinale prosaicità il suo elevato ermetismo. Un tempo stavamo lì a interrogarci. L’intera dottrina grillesca ci sembrava una colossale puttanata ma non potevamo ignorare l’alone mistico: […] l’abolizione della democrazia rappresentativa, del vincolo di mandato, la casa di cristallo, lo streaming, l’uno vale uno. Nel 2012 in Sicilia chiesi a Grillo come potesse un movimento politico organizzarsi in assenza di leadership, e lui quasi con tenerezza mi rispose che non capivo, continuavo a non capire che stesse succedendo, e dunque ero morto. Mattia Feltri 1, HuffPost.

Draghi ha chiesto a Grillo la mia rimozione? Sono sconcertato [ma la] nostra lealtà al governo non cambia. ilfattoquotidiano.it.

«Beppe, il Movimento non è tuo!» Sparata sui social di Paola Taverna (poi cancellato) contro Grillo. In lacrime, la vice di Conte si scusa. open.online.

Coprite con le vostre storielle la verità. Beppe Grillo.

Più che una partenza da Roma […] quella di Grillo è apparsa una fuga. [Ha saltato] anche un appuntamento già fissato con la delegazione pentastellata al governo. Francesco Damato, graffidamato.com.

Dicono i conoscitori del Movimento, forse informati, di certo maliziosi, che al fondatore conviene tenere in piedi la baracca per intascare i 300 mila euro contrattati in cambio dell’uso propagandistico del blog. Se fosse così, saremmo tornati a Fantastico, a Sanremo, pagate e vi farò la gag. Solo che non fa più ridere né paura, fa tristezza. Mattia Feltri 2, HuffPost.

L’emergenza siccità non esiste: è tutta una messinscena del governo Draghi per varare lo stato di emergenza e tenerci nuovamente chiusi in casa. Nella chat «Trump and the Patriots Italia» è stato pubblicato il video d’un elicottero che sorvola un bosco sprigionando fuoco a tutto spiano da un lanciafiamme. La spiegazione non lascia dubbi: «È così che cercano di convincerti che il cambiamento climatico è reale e provoca incendi a causa della siccità... È ora di svegliarsi!» Guido Petrangeli, HuffPost.

Tre carri armati Pzh 2000 diretti in Ucraina e provenienti dalla base militare di Persano (Salerno) sono stati fermati dalla Polizia Stradale di Napoli al casello di Mercato San Severino della autostrada Salerno-Caserta perché i trattori e i semirimorchi delle ditte private incaricate del loro trasporto erano sprovvisti della carta di circolazione e la prevista revisione periodica era scaduta. Ansa.

Meritava d’essere inventato l’uomo? Non c’era un altro sistema per mandare in rovina il pianeta? Elias Canetti, Un regno di matite.

L’esistenza di Dio non mi stupirebbe meno della sua inesistenza. Roberto Gervaso.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT