domenica 07 agosto 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer smaschera l'antisemitismo dell'Unrwa (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Putin, tiranno del Novecento 28/02/2022
Putin, tiranno del Novecento
Commento di Diego Gabutti

Russia-Italia, Trani:
Vladimir Putin

Putin è un tiranno vintage: il suo habitat è il secolo breve, il Novecento, l’età dei Führer, dei Grandi Timonieri. È un Neanderthal della tirannia: agita la clava e cammina curvo, circospetto, sguardo a destra, sguardo a sinistra, temendo le imboscate dei suoi compagni d’armi, tanto più infidi quanto più acquiescenti, piuttosto che gli agguati delle tribù nemiche. Per questo esce dalla caverna e mostra i denti a chi non ha l’aria di potersi difendere: tira una randellata a nuora, il nemico esterno indifeso, affinché suocera intenda. Resta da vedere se il nemico esterno è davvero così indifeso, e se la suocera non intenda questa prova di forza come un segno di debolezza. Occhio cattivo, clava mulinante, la fronte piatta eternamente aggrottata, Putin si muove nel XXI secolo come un fossile umano riportato spericolatamente alla vita dai genetisti di qualche Jurassic Park. Non è Stalin reincarnato, come gli piace credere. È uno Stalin impagliato, la giubba militare mezza mangiata da tarme e topi, senza più baffi né kepì, il medagliere rubato e venduto sulle bancarelle dopo la caduta del comunismo. Vale per tutti i tiranni in circolazione, che hanno imparato il mestiere prima di Internet, prima dei droni, prima di Facetime e di YouTube, prima di WhatsApp e di google Traduttore, quando le prepotenze si potevano negare perché non ce n’era evidenza, tanto meno in tempo reale. Ma vale in particolare per il bullo moscovita, che dei tiranni d’una volta è la caricatura. Nessun tiranno, prima di lui, a parte i clown da film horror che governano la Corea del Nord, aveva mai minacciato la terza guerra mondiale al pianeta, casomai avesse «l’ardire di mancarmi di rispetto rifiutando di piegarsi ai miei diktat». Giusto Hitler, prima di Putin, aveva millantato di ricorrere (stateve accuorte) alle «armi segrete». Ma soltanto lui, tra tutti i tiranni presenti e passati, è così maldestro da pianificare l’invasione d’una nazione libera e sovrana senza tenere conto del fatto che l’operazione militare avverrà in presa diretta sotto gli occhi del mondo intero. Criminale di guerra da strapazzo, Putin si comporta come i marxleninisti novecenteschi, che agivano nell’ombra, invisibili ai media, dietro cortine di ferro e di bambù. Gulag? Ma quale Gulag? Sono calunnie imperialiste. Decine di milioni di morti per le carestie pilotate dall’alto nell’Ucraina degli anni trenta e nella Cina maò-maò? Propaganda amerikana. Così ai vecchi tempi. Ma oggi le chiacchiere dei tiranni stanno a zero. Nessuno crede alle loro parole (a parte, naturalmente, i soliti casi umani, da Vauro all’Anpi). Via smartphone, o una volta acceso il televisore, siamo tutti a Kiev sotto le bombe, e sappiamo con certezza chi deve «denazificare» chi.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT