domenica 28 novembre 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ricordiamo i profughi dimenticati (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Bla-bla-bla 04/11/2021
Bla-bla-bla
Commento di Diego Gabutti

Totalità.it - Da cosa deriva il famoso modo di dire bla, bla,bla?

«Bla-bla-bla» è l’idea che l’Occidente, in questo imaginifico crepuscolo del liberalismo, si fa di se stesso: il reddito non è abbastanza universale, i virus sono un’opinione soggetta a dibattito, Hitler è al potere in Israele, Allen Ginsberg non era abbastanza gay e le sue opere vanno pertanto rimosse dalle biblioteche pubbliche, le statue di Garibaldi e Lincoln sono da abbattere, via dai programmi scolastici anche le lettere e i discorsi del reverendo Martin Luther King perché non abbastanza Black Lives Matter.

Ci sono regole ed eccezioni. Ernesto Che Guevara, per esempio, rimane un’icona della Buona Battaglia anche se mandava i gay nei campi di lavoro ed era un pezzo grosso del regime razzista cubano (il 70 per cento dei cubani sono neri, e non se ne vede uno ai piani alti del governo e del partito). Altro esempio: l’emissione di CO2, via ossidazione di combustibili fossili, che va drasticamente ridotta ovunque, tranne che in Cina, dove «il presidente Ping», come il nostro ministro degli esteri chiama confidenzialmente il segretario generale del Pc Cinese Xi Jinping, può raddoppiare l’estrazione di carbone, costruire altre cinquanta centrali nucleari e disertare i vertici internazionali sull’ambiente senza per questo temere un comizio a sorpresa, in Piazza Tienanmen, di Greta Thunberg, né l’agguato d’un inviato delle Iene o di Propaganda Live mentre esce di casa per andare in ufficio.

E così via, dimezzando pesi e raddoppiando misure, secondo estro e convenienza, e lanciando anatemi e occhiatacce a chi fa notare gli errori logici. Guardiamoci il polso (o il campanile là in alto): l’orologio è liquefatto, come nelle tele di Dalì; a terra dentiere, matite piantate nei vasi, lische di pesce e salami con le gambe, come nelle tavole di Jacovitti. Siamo finiti oltre lo specchio, nel mondo della Regina Rossa, dei talk show dove tutto è lecito, del ddl Zan, di Beppe Grillo e dell’informazione trash (dove tutto s’equivale, Draghi e Salvini, Puzzer e il Premio Nobel, Enrico Letta e Napoleone). Insieme al liberalismo, che dopo la seconda guerra mondiale, sconfitti i totalitarismi europei, aveva fatto a lungo da argine alle satrapie asiatiche, è al crepuscolo anche la ragione, pratica e pura, che del liberalismo è il braccio destro, come Kit Carson di Tex Willer. Solo che per recuperare la ragione, per uscire cioè dagl’incubi «bla-bla» di Wonderland e tornare nel mondo reale, servono gli strumenti adatti, a cominciare dalla scuola, sempre meno vantaggiosa per chi la frequenta, e dall’informazione, che deve tornare a essere attendibile (nel caso, la politica forse seguirebbe, come l’intendenza).

Immagine correlata
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT