sabato 12 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Horror politico 21/04/2021
Horror politico
Commento di Diego Gabutti


Beppe Grillo scopre il garantismo per il figlio Ciro indagato per stupro:
Ciro e Beppe Grillo

Gli spettacoli indecorosi, nel paese del bunga-bunga e dei movimenti No Tav & No Vax, non dovrebbero impressionare nessuno. Ma persino da noi, nel paese di Casa Pound e dei centri sociali anarcoinsurrezionalisti, ancora nessun capo politico s’era spinto fino a gonfiare le vene del collo e a stronfiare fiamme dal naso per difendere il proprio figlio da una circostanziata accusa di stupro: non è stato lui, in compagnia dei suoi compari di branco, a stuprare la ragazza, ma è stata la ragazza, una sciacquetta, a chiedere per favore d’essere ubriacata e strapazzata.

Leader Elevato dei populisti italiani, o meglio Padre dei Populisti come Baffone era il Padre dei Popoli, è una vergogna che ai giornali e alle tivù sia consentito mancargli di rispetto parlando di questa ridicola accusa, quando dovrebbero ignorarla per amore della verità. Quale verità? Be’, la verità che tutti conosciamo, e che i cosiddetti stupratori, purtroppo inascoltati, non fanno che ripetere, cioè che le ragazze gli stupri se li cercano. Ancora si capisce che si processino gli stupratori senza pedigree (o i nemici politici accusati senza uno straccio di prova, ma solo perché così dixit Marco Travaglio, e perché così fa comodo al movimento vaffista e alleati PD). Ma il figlio dell’Elevato! Con che coraggio la magistratura (che ha sempre ragione solo finché procede contro chi è sulla lista nera dei virtuisti) pretende di processare l’erede dell’Elevato, innocente e «perseguitato» per definizione? Mio figlio! Trattato come un teppista di bassi natali! Un bravo ragazzo! Magari un po’ «coglione», in mutande e senza, col «pisello» di fuori! Che voleva soltanto divertirsi con gli amici! E con un’amica! Ecco, non s’era mai visto, sentito o anche soltanto immaginato nulla di simile, nemmeno nella Corea del nord, nemmeno nelle distopie di George Orwell. Un «capo politico» che apertamente e pubblicamente, urlando come un invasato e schizzando saliva, pretende d’essere al di sopra della legge insieme a un suo familiare circostanziatamente accusato di stupro di branco è un unicum nella storia universale.

Tacciano i giornali, la magistratura insabbi e la ragazza sia trattata come merita, da troietta e da ricattatrice. Una simile pretesa, da parte d’un capo politico, d’un leader di partito, non ha semplicemente precedenti. In qualunque altro paese, naturalmente, dare del «capo politico» a Beppe Grillo, e del «partito» al balengarium che oggi approva in coro la mossa dadaista dell’Elevato, suonerebbe (a scelta) come una barzelletta o una bestemmia. Guardiamoci in faccia: il problema non è la famiglia Grillo e non è nemmeno il Movimento 5 Stelle, il problema sono gl’italiani che hanno votato in massa il vaffismo e che ancora (sbaglierò) non se ne sono pentiti abbastanza.

Risultati immagini per diego gabutti
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT