sabato 12 giugno 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Hillel Neuer: 'L'Unrwa è parte del problema, non della soluzione' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Diego Gabutti
Corsivi controluce in salsa IC
<< torna all'indice della rubrica
Spropositi 24/01/2021
Spropositi
Commento di Diego Gabutti


Greta Thunberg, Anna Frank

Non è soltanto mostruoso, e neppure soltanto ridicolo, che il sindaco di Milano (dicesi Milano, vetrina d’Italia, città internazionale, un gioiello dell’Occidente) paragoni Anna Frank a Greta Thunberg: una diva radical chic pompata dai media e una ragazzina ebrea assassinata a Bergen Belsen. C’è qualcosa di peggio, e di più oscuro: il torpore morale, l’ottusità, l’incapacità di distinguere tra l’alto e il basso, tra il vero e il falso, tra realtà e talk show, tra il bene e il male, tra tweet scacciapensieri e opinioni ponderate. Quando si dice «ignoranza», e si pensa all’uso improprio dei congiuntivi o agli svarioni storici e geografici, non si ha semplicemente idea di quale sia la vera ignoranza, e di che cosa ne può derivare in politica.

Alfabetizzata o meno, 5stelle oppure no, un grande e irrimediabile ignoramus è la sostanza di cui è fatta la moderna sinistra (specie caviar) in Italia come negli Stati Uniti e ovunque: un mix di patetismo da tivù spazzatura, di gossip da socialisti avvinazzati elevato a dottrina, di filosofume da rotocalco politico, di mezza cultura, di spropositi spacciati per analisi sottili e (naturalmente) di malafede. Vale anche per la destra, beninteso, che quanto a spropositi, patetismo, filosofume da strapazzo e mezza cultura non è seconda a nessuno (vedasi, per dire, Fascisti d’America di Federico Leoni, Paesi edizioni 2021, sul quale torneremo nei prossimi giorni). Ma è a sinistra, nei ranghi del politicamente corretto e della cancel culture, che l’ignoranza passa per sapienza, la follia per saggezza, l’indifferenza morale per impegno etico e «Dj Fofò» per un guardasigilli.

Quando si dà del nazista a Benjamin Netanyahu, o a Donald Trump, e della «escort» a sua moglie; oppure quando si dà del dittatore fascista in pectore a Matteo Salvini e, per evitare che gli elettori (notoriamente ignari del proprio bene) votino sconsideratamente la sua lista, si sospende la democrazia parlamentare; quando le opinioni strampalate della marmaglia pentastellare a proposito dell’alta velocità (o di qualunque altra cosa) vengono prese ridicolmente sul serio; quando ignoranza e malafede si spingono, un’iperbole dopo l’altra, fino alla catastrofe intellettuale, non c’è da stupirsi se Giuseppe Sala sbandiera l’oltraggiosa equivalenza tra Greta Thunberg e Anna Frank per compiacere i suoi elettori e clientes che, come non sanno distinguere tra Hitler e Netanyahu, o tra il Cile e il Venezuela, non sanno neppure distinguere tra un campo di sterminio, dove Anna Frank è stata ammazzata dai nazisti, e lo yacht miliardario del «principe velista Pierre Casiraghi», che ha scortato «Greta» (come viene familiarmente chiamata dai giornalisti senza vergogna) a New York – dove ha fatto gli occhiacci al mondo, semicolti tripudiando.

Immagine correlata
Diego Gabutti

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT