lunedi` 11 dicembre 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il programma di Israele (a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






 
Angelo Pezzana
Israele/Analisi
<< torna all'indice della rubrica
Come sconfiggere coloro che gridano Allah uAkbar? 07/11/2023
Riprendiamo da BET Magazine-Mosaico di novembre 2023, il commento di Angelo Pezzana con il titolo "Come sconfiggere coloro che gridano Allah uAkbar?".

Angelo Pezzana

BBC, If 'Jai Shree Ram' is a murder cry, what is 'Allah Hu Akbar'?

Israele non ha mai dichiarato guerra ad altri Stati, né a minoranze mentre è sempre stato obbligato a difendersi da chi voleva distruggerlo. Come ha dichiarato Fiamma Nirenstein “Deve finire l’illusione pietistica che i palestinesi siano le vittime di Israele: è vero il contrario. Israele è l’aggredito, e con esso la democrazia e l’Occidente”. Quando alla Casa Bianca non c’era più Obama ma Trump, il primo Trump, che con Netanyahu aveva aperto i rapporti con i vicini stati arabi sunniti, attraverso gli Accordi di Abramo, cancellando lo slogan “due stati per due popoli”, accordi che riuscirono persino a mettere in crisi l’influenza dell’Iran, generoso finanziatore dei movimenti terroristi nella regione. Accordi che trasferirono l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, basta promesse, ma fatti. Israele ha sopportato troppi Oslo, anche se qualcuno continua ancora oggi a giudicarli ‘indispensabili’, inutile ricordare le buone intenzioni di Israele e che la colpa del fallimento di Oslo andava attribuita ai palestinesi che come sempre hanno mirato alla cancellazione dello Stato Ebraico, mentendo quando firmavano. Ancora una volta l’Occidente ripete il solito messaggio “ Israele ha il diritto di difendersi”, ignorando che dopo questo attacco terroristico l’accordo con l’Arabia Saudita potrebbe diventare impossibile, come ha dichiarato Aaron David Miller, il negoziatore di Oslo. Biden ha aggiunto “ il sostegno della mia amministrazione alla sua sicurezza è solido come una roccia e incrollabile”. Vorremo conoscere in che modo. Certamente non quello che spinse Winston Churchill a sconfiggere Hitler anche con l’aiuto dell’entrata in guerra degli Stati Uniti che abbandonarono la loro decisione di rimanere neutrali soltanto dopo l’attacco del Giappone che bombardò la flotta USA a Pearl Harbour. Le democrazie occidentali così come le vediamo noi oggi si preoccupano soprattutto di invocare la parola magica “pace”, in pericolo dalle minacce di Terza Guerra Mondiale che per esempio Putin, reclama sovente per poter giustificare l’invasione dell’Ucraina e evitare l’arresto sentenziato dal Tribunale internazionale dell’Aja. Un altro caso simile, che assomiglia a questo, è quello di Volodymyr Zelensky accusato da destra e sinistra di essere responsabile delle stragi dei suoi cittadini, una menzogna che si smentiva da sola ma che ha goduto molte citazioni. Bernard-Henri Lévy ha recentemente pubblicato un libro, “Dunque, la guerra!”, edito da Nave di Teseo, dove ha raccolto tutti i suoi servizi sull’Ucraina. Ebbene, ha avuto pochissime recensioni. Dato che all’orizzonte non si affaccia nessun Winston Churchill, sono ancora credibili le affermazioni colme di speranze positive per una reale sconfitta di tutti coloro che urlano “Allahu Akbar” prima e dopo le loro azioni terroristiche?

Per inviare a Bet Magazine-Mosaico la propria opinione, telefonare: 02/483110225, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT